Tag archive

CALCIO

Superga: 4 maggio 1949, ore 17:03…

in Cosa succede in città

Ore 17:03 del 4 maggio 1949, il momento che cambiò la storia di un club, di una città, di una nazione, di uno sport. L’elaborazione grafica è di Andrea Gatti Art
prints:
http://bit.ly/4maggio49

Douglas Costa vuole rientrare a Torino

in SPORT

“Spero di ritornare presto in Italia, davvero  non vedo l’ora di rientrare, anche perché qui non so più cosa fare”

Così scrive  il giocatore della Juventus Douglas Costa, ancora in Brasile, su Instagram.

E risponde anche ai followers: “Il compagno più forte è Paulino” (cioè Dybala). Gol o assist? “Vanno bene entrambi, io posso fare tutto: l’importante è che la squadra vinca”

Un miliardo di perdite per la Premier League

in SPORT

Più di un miliardo di euro, tanto il coronavirus rischia di costare  alla Premier League, se il campionato sarà annullato

E le note dolenti non mancano: il calcio inglese nel suo insieme potrebbe rischiare seriamente il fallimento di numerosi club, con la cancellazione di intere divisioni.  Il direttore della Premier League, Richard Masters, ha lanciato l’allarme sulle future perdite, se la situazione si aggravasse. La stagione calcistica britannica è stata sospesa a tempo indeterminato, e più  società, anche della massima divisione, hanno fatto accesso agli ammortizzatori sociali dopo aver messo in congedo non retribuito i loro dipendenti. Da sciogliere il nodo del taglio degli stipendi dei calciatori, visto che la proposta unitaria di una sforbiciata  orizzontale del 30% degli ingaggi è stata seccamente respinta dai giocatori.

Lega B, prosegue l’assemblea

in SPORT

Lunedì 6 aprile, prosegue l’assemblea di Lega B, lasciata  aperta in queste settimane per  seguire costantemente l’evolversi della situazione e degli effetti legati all’emergenza Coronavirus

Il presidente Mauro Balata, in videoconferenza condividerà con i club le risultanze dei tavoli aperti con la Federazione e con altre componenti. La Lega B vuole formulare proposte economiche e organizzative a tutela della categoria e del sistema,  nel rispetto della salvaguardia della salute, delle norme dettate dal Governo e dalle autorità medico scientifiche.

Dybala e fidanzata positivi al virus

in SPORT

La Juventus ha comunicato che il calciatore Paulo Dybala è positivo, asintomatico, al coronavirus

Scrive su Instagram il giocatore:  “Ciao a tutti, volevo informarvi che abbiamo appena ricevuto i risultati del test Covid-19 e sia io che Oriana siamo risultati positivi. Fortunatamente siamo in perfette condizioni. Grazie per i vostri messaggi, un saluto a tutti!”. Dybala è il terzo giocatore bianconero positivo al coronavirus con Daniele Rugani e Blaise Matuidi. Ha contratto il virus anche la fidanzata, Oriana Sabatini.

E Gonzalo vola in Argentina

in SPORT

Gonzalo Higuain ha lasciato ieri l’isolamento scattato dopo il caso di positività del calciatore  Daniele Rugani

Higuain è andato in volo privato in Argentina per tornare dalla sua famiglia. E’ partito da Torino con un volo che ha effettuato un paio di scali prima di raggiungere la capitale argentina. E’ partito in possesso dei risultati del test che dichiaravano la  negatività al Coronavirus. Dopo  Rugani e Matuidi, risultati positivi, erano 121 i tesserati Juventus  in isolamento volontario.

Matuidi secondo bianconero positivo

in SPORT

Dopo Daniele Rugani c’è un secondo calciatore della Juventus positivo al coronavirus

E’ il centrocampista francese Blaise Matuidi, così ha comunicato la società bianconera. Da mercoledì 11 marzo si trova in isolamento volontario domiciliare, verrà monitorato e seguirà lo stesso regime. E’ asintomatico e sta bene.

Si punta sul futuro di Ronaldo

in SPORT

Ai tempi del coronavirus cosa farà  Cristiano Ronaldo dopo due anni alla Juventus? 

 L’ emergenza Coronavirus ha fatto rimanere il calciatore a Madeira.

La sua permanenza in Portogallo, e l’esigenza della Juve di fare cassa, hanno fatto ipotizzare a molti una sua possibile scelta di lasciare la società bianconera. Sisal Matchpoint ha puntato sul futuro di CR7: il restare nella nella Juve è comunque, anche nella prossima stagione,  ancora l’opzione più probabile, data a 1,30. Un addio   è proposto a a 3,00. E si parla anche di un ritorno al Manchester United, al Real Madrid o al Paris Saint-Germain.

 

(foto C. Benedetto)

Rugani: “Diamo tutti il nostro contributo”

in SPORT

Daniele Rugani, il primo calciatore della Serie A  positivo al coronavirus, ha comunicato:

“insieme alla Juventus, sto partecipando alla raccolta fondi per gli ospedali di Torino e Piemonte”.

E invita gli altri a fare lo stesso:  “Dai anche tu il tuo contributo. Dimostriamo che siamo tutti distanti, ma uniti”.

Donazione di Bonucci e della moglie Martina alla Città della Salute 

in SPORT

Una donazione di 120.000 euro alla Città della Salute di Torino per l’emergenza COVID-19. I generosi benefattori sono Leonardo Bonucci, giocatore della Juventus FC, e sua moglie Martina Maccari

Con la regia della Direzione sanitaria, del dottor Maurizio Berardino (Direttore del Dipartimento Anestesia, Rianimazione ed Emergenza) e del professor Paolo Fonio (Direttore del Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica) i fondi saranno destinati:

– all’acquisto di due ecografi portatili, di cui uno dotato anche di sonde pediatriche, per le Rianimazioni della Città della Salute di Torino, per la valutazione “al letto” dei pazienti in Terapia Intensiva;

– all’acquisto di circa 50 maschere filtranti a circuito d’aria, riutilizzabili, con il materiale di ricambio per circa due mesi di lavoro, da mettere a disposizione del personale in servizio presso le Terapie intensive della Città della Salute.

Dalla Regione Piemonte, il ringraziamento dell’assessore regionale alla Sanità, Luigi Genesio Icardi: «In questi giorni molto difficili per il nostro Servizio sanitario regionale è di conforto incontrare la solidarietà di tante persone che vogliono contribuire, in varia forma, al buon funzionamento della Sanità. Ringrazio i coniugi Bonucci per la loro generosità e spero, ad emergenza finita, di poterli incontrare per una calorosa stretta di mano e un abbraccio, insieme a tutti gli altri benefattori».

Da qui si Torna su