Author

ilTorinese - page 319

ilTorinese has 6706 articles published.

Un aiuto concreto alle piccole e medie imprese

in prima pagina

INTESA FRA REGIONE PIEMONTE, CASSA DEPOSITI E PRESTITI  E FINPIEMONTE PER SOSTENERE LA CRESCITA DELLE PMI

Sottoscritto un protocollo che punta a promuovere canali alternativi di finanziamento per le piccole e medie imprese piemontesi

 

Regione Piemonte, Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e Finpiemonte S.p.A. hanno sottoscritto oggi un protocollo d’intesa finalizzato a supportare lo sviluppo delle piccole e medie imprese del territorio regionale.

L’intesa è stata siglata nel primo pomeriggio da Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte, Fabrizio Palermo, Amministratore delegato di CDP, e da Stefano Ambrosini, Presidente di Finpiemonte.

L’accordo permette di avviare un rapporto di collaborazione con CDP, in qualità di Istituto Nazionale di Promozione, volto in particolare alla valutazione e possibile definizione di interventi di promozione di canali alternativi di finanziamento a favore delle piccole e medie imprese piemontesi.

Regione Piemonte e Finpiemonte S.p.A. assieme a CDP valuteranno e definiranno possibili interventi per soddisfare le necessità di finanziamento a medio-lungo termine delle PMI a supporto di progetti di crescita, innovazione e export, anche mediante strumenti di finanza alternativa e di accesso al mercato dei capitali (Basket Bond).

Le parti s’impegneranno inoltre ad attivare eventuali ulteriori strumenti di garanzia e cofinanziamento utili a completare l’offerta in supporto delle PMI locali.

La Regione svolgerà un’attività di indirizzo, impulso e coordinamento per la definizione delle modalità di realizzazione delle iniziative. Cassa Depositi e Prestiti valuterà la possibilità d’intervenire nelle iniziative singolarmente o insieme ad altri investitori istituzionali e istituzioni finanziarie. Finpiemonte, in qualità di finanziaria regionale a sostegno dello sviluppo economico e sociale e della competitività del territorio, agirà quale strumento operativo della Regione per lo svolgimento delle attività.

Cassa Depositi e Prestiti, in linea con le previsioni del Piano industriale 2019–2021, s’impegna inoltre ad ampliare il proprio supporto alle PMI attraverso l’allargamento del perimetro di operatività di alcuni ulteriori strumenti quali, ad esempio:

  • fondo di garanzia per le PMI: CDP potrebbe costituire una sotto-sezione speciale a carattere multi-regionale nel Fondo PMI, per incrementare la dotazione dello strumento e permettere la concessione di nuove e maggiori garanzie a favore delle piccole e medie imprese piemontesi;
  • FRI regionale (Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca): CDP potrebbe finanziare a medio-lungo termine, insieme al sistema bancario e a tasso agevolato, le imprese beneficiarie di agevolazioni concesse dalla Regione, su iniziative avviate a sostegno del tessuto imprenditoriale locale nell’ambito del FRI;
  • controgaranzie a imprese del settore creativo e culturale: CDP, mediante l’utilizzo di fondi pubblici regionali, Fondi SIE (Fondi Strutturali e di Investimento Europei) e risorse proprie, potrebbe concedere – in favore di imprese creative e culturali del territorio – nuove linee di garanzia su interventi promossi da Confidi e banche.

L’intesa odierna contribuisce a rafforzare l’impegno di Cassa Depositi e Prestiti a supporto del tessuto produttivo piemontese: negli ultimi tre anni il Gruppo CDP ha mobilitato circa 4 miliardi di euro a supporto diretto della crescita e dell’internazionalizzazione delle imprese piemontesi. Uno sforzo confermato anche dall’apertura di una nuova sede a Torino, che avverrà nei prossimi mesi e sarà finalizzata a promuovere una relazione più fluida e diretta con le comunità locali e a diventare un punto di riferimento per le imprese, la Pubblica Amministrazione e gli altri stakeholder del territorio piemontese.

Nell’occasione è stata anche analizzata una ulteriore attività di collaborazione quale il potenziale ruolo di CDP a supporto tecnico e finanziario della Regione per lo sviluppo delle infrastrutture.

 

Il CDVM protagonista dell’EcommerceDay

in ECONOMIA SOCIETA' E COSTUME

La  nona edizione in programma a Milano il 3 ottobre

 

Il CDVM ( Club Dirigenti Vendite e Marketing dell’Unione Industriale di Torino ) torna anche quest’anno ad essere protagonista della nona edizione dell’EcommerceDay, evento di respiro europeo, in programma a Milano il 3 ottobre prossimo. Il suo Presidente, Antonio De Carolis,  sarà uno dei relatori.

“ll CDVM – spiega il dottor Antonio De Carolis – patrocina questo evento europeo incentrato sull’ecommerce e la Digital transformation. Fashion, Luxury, New Retail, omnichannel, multi country, heritage, innovazione e, ovviamente, ECommerce, costituiscono le parole chiave di una giornata di confronto ed alta formazione sul nuovo ecosistema digitale. In una società in cui si assiste al mutare dei processi e dei modelli di business delle aziende, si evolvono parimenti le esigenze dei consumatori e, di conseguenza, cambiano anche le strategie capaci di mettere in contatto utenti e brand”.

“Stanno anche mutando – prosegue il dottor De Carolis  – gli utenti del Luxury e del Fashion, ormai divenuti i Millennials e la Generazione Z, portatori della trasformazione online ed offline. Durante la giornata milanese di incontro con il mondo dell’EcommerceDay ci si interroghera’ su quali cambiamenti stiano avvenendo nell’era attuale del consumismo e della sovrapproduzione e quali siano gli obiettivi cui tendano i consumatori finali. Inoltre verrà anche esaminato il ruolo futuro dei negozi fisici di fronte alla diffusione dei grandi market, dei canali social e delle piattaforme ibride di vendita. Un altro aspetto che verrà  trattato riguarda il cambiamento in corso nel mondo del lavoro per le imprese  ed i consumatori, alla luce della diffusione del digitale e dell’intelligenza artificiale “.

L’Ecommerce Day, che si svolgerà a Milano al Palazzo del Ghiaccio, avrà tra i relatori il dottor Paolo Pininfarina, Presidente della Pininfarina, Samuele Camatari, ceo di Newesis, Giancarlo Bonzo, amministratore delegato del Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino,  Enrico Roselli, ceo di La Martina, Luca Altieri, marketing director di IBM, Marco Boglione, Presidente e fondatore di BasicNet, Gionata Galdenzi, ECommerce manager di Aeffe, e Francesca De Pascale, Brand Comunicazione & Social Media Manager di Garnier e l’Oreal.

Mara Martellotta

Juve-Bayer Leverkusen, buona la prima

in SPORT
Photo by Daniele Badolato
Buona prova offerta dalla Juve ieri sera allo Stadium: la prima gara in Champions ha dato la sensazione di una squadra in costante crescita, non solo a livello di singoli (vedi Higuain e De Ligt) ma anche di gruppo, con giocatori che continuano a stupire per la continuità dimostrata dall’inizio dell’anno: ad esempio Cuadrado, ieri il migliore in campo, si sta dimostrando l’arma in più a disposizione del Mister.
Rispetto alle ultime gare di campionato, Sarri tiene fuori Dybala e Ramsey (tattica per l’imminente Derby d’Italia?), preferendo il Pipita in coppia con Ronaldo e Bernardeschi trequartista. Però l’assenza del gallese si sente, eccome, specialmente nel primo tempo, quando il ritmo della gara è lento, a tratti noioso; arrivano pochi palloni giocabili a CR7 e Higuain; la Juve tiene la difesa alta ma fa poco pressing.
Il Bayer parte senza timori di sorta e imposta l’intera gara tessendo la ragnatela, poco a poco: gioco semplice, molto possesso palla (che sino alla metà del secondo tempo sarà in percentuale maggiore rispetto a quello della Juve), aspetta eventuali errori dei padroni di casa.
Al 13′ Pjanic apre molto bene per Cuadrado, che serve il Pipita, ma non riesce ad agganciare il pallone; ci riesce però splendidamente qualche minuto più tardi, al 16′, quando Cuadrado – sempre lui – gli serve dalla trequarti un bell’assist in area: finta, giro e destro: 1-0 a firma Gonzalo Higuain.
Il Bayer prova qualche conclusione da fuori, ma la retroguardia bianconera è attenta.
Il secondo tempo inizia senza cambi per la Juve, ma con un atteggiamento più combattivo: Ronaldo e Bernardeschi si cercano di più, Higuain fa anche tanto movimento; al 56′ CR7 si rende (finalmente) pericoloso con una sassata centrale su passaggio di Cuadrado, però il portiere del Bayer alza il muro.
Dopo pochi minuti bellissima combinazione tra Higuain e Ronaldo, che da ultimo fa velo per Bernardeschi, il cui sinistro finisce in rete: 2-0 Juve, lo Stadium si esalta anche per la qualità dell’azione, tutta nello stretto.
Al 72′ st primo cambio per Sarri, che fa entrare Bentancur per Khedira; Ronaldo non è soddisfatto della propria prestazione sino a questo momento – in effetti non pare ancora in condizione – e inizia a spingere: al 74′ st raccoglie un bell’assist del Pipita (ottima l’intesa tra i due, peraltro) da sinistra e prova il tiro al volo, ma Hradecky respinge di nuovo.
Il Bayer tenta di spaventare la Juve al 77′ st con un pallonetto, comunque fuori misura.
Higuain esce tra gli applausi (e tutti in piedi!) al minuto 82′ st, gli dà il cambio Dybala; ma l’ultimo a voler dire la sua sul match è ovviamente Cristiano Ronaldo, che ben combina con la Joya e secca Hradecky con un potente rasoterra da destra: 3-0 Juve.
La Juve ha vinto meritatamente, nonostante un primo tempo un po’ troppo blando; De Ligt acquisisce sicurezza e con lui tutta la squadra. Solo il centrocampo meno arrembante del solito. Ora tutti a casa, domenica c’è l’Inter di Conte.
Ovunqueecomunque #finoallafine
Rugiada Gambaudo

I lavoratori Embraco scioperano contro gli stipendi d’oro dei manager

in prima pagina

Sono in sciopero i lavoratori della ex Embraco. Manifestano davanti ai cancelli dello stabilimento di Riva di Chieri. Protestano  dopo avere letto le notizie di stampa  da cui emergerebbe che  la nuova proprietà Ventures nonostante dica di non avere risorse  per avviare l’attività produttiva pagherebbe stipendi d’oro ai manager e ai loro familiari. Una delegazione di  lavoratori dell’ex Embraco sarà a Roma domani per manifestare al ministero dello Sviluppo Economico, accompagnati dal presidente della regione Piemonte Alberto Cirio e dall’assessore regionale al lavoro a Elena Chiorino. Il tavolo al Mise è convocato per il 23 ottobre.

Corso di degustazione di primo livello con Go Wine

in Cosa succede in città

Go Wine promuove, con l’arrivo dell’autunno, un nuovo corso di degustazione di primo livello a Torino, presso una sala riservata del Ristorante Sol Levante Fusion in Via Nizza 1, angolo Corso Vittorio Emanuele II.

Il corso inizia martedì 15 ottobre e si articola in 5 serate. Si propone di sviluppare il rapporto tra vitigno-vite-territorio, con un messaggio di carattere divulgativo che possa fornire nozioni utili anche per riconoscere e valutare le diverse tipologie di vino. Nel corso di ogni appuntamento si potranno degustare 5 tipologie di vini a seconda del tema trattato: protagonisti delle serate vini bianchi, vini rossi, grandi rossi italiani (alla presenza di un produttore) e vini da meditazione.

Riportiamo di seguito le date e gli argomenti delle lezioni, allegando il programma dettagliato:

Prima serata: martedì 15 ottobre ore 20.30
INTRODUZIONE ALLA DEGUSTAZIONE

Seconda serata: martedì 22 ottobre ore 20.30
IL RAPPORTO VITIGNO–VINO–TERRITORIO; VINI BIANCHI

Terza serata: martedì 29 ottobre ore 20.30
IL LAVORO IN VIGNA; VINI ROSSI

Quarta serata: martedì 5 novembre ore 20.30
IL LAVORO IN CANTINA; GRANDI ROSSI ITALIANI

Quinta serata: martedì 12 novembre ore 20.30
IL TURISMO DEL VINO; VINI DA MEDITAZIONE

Alleghiamo il programma e la scheda di adesione da compilare per l’iscrizione.


Per informazioni e iscrizioni:
Associazione Go Wine – Ufficio Corsi – tel. 0173 364631 – fax 0173 361147
ufficio.corsi@gowinet.it – www.gowinet.it

Lotta all’abusivismo: controlli di polizia al “suk”

in BREVI DI CRONACA
Continua l’attività di prevenzione e controllo del territorio volta al contrasto delle situazioni di illegalità
derivanti dalla presenza di venditori senza licenza che occupano abusivamente spazi pubblici. Anche questa
settimana, la Polizia di Stato e la Polizia Locale di Torino hanno effettuato attenti monitoraggi delle aree
interessate dal fenomeno dell’abusivismo commerciale, con particolare riferimento all’area del mercato c.d.
“del libero scambio”, meglio nota come “Suk”.
In particolare Polizia Locale e personale del Commissariato Dora Vanchiglia, insieme agli equipaggi del
Reparto Prevenzione Crimine, hanno sottoposto a controllo, sabato scorso, alcuni venditori abusivi situati
nello slargo fra la via S. Pietro in Vincoli e Strada del Fortino. L’attività ha riguardato anche i furgoni dei
venditori, utilizzati sia per il trasporto della merce sia come appendice dei “banchi espositivi”, e il materiale
in essi contenuto per un totale di sette controlli.
Complessivamente, sono state elevate sette sanzioni amministrative con importi che vanno da 2.582 a
15.493 € nei confronti di altrettanti conduttori di furgoni; i mezzi e la merce trasportata sono stati
sequestrati e custoditi presso un’ area di pertinenza della Polizia Locale.
Il servizio di contrasto al fenomeno dell’abusivismo commerciale proseguirà nei prossimi giorni, con controlli
costanti e sempre più stringenti finalizzati a garantire l’osservanza delle norme che regolano le vendite
occasionali su area pubblica.

Estorsione da 1,5 milioni: due arresti

in prima pagina

È il bilancio di un’operazione dalla Guardia di Finanza di Torino che, al termine delle indagini durate alcuni mesi, ha arrestato due torinesi, P.M.G. e F.G., per aver cercato di estorcere oltre 1 milione di euro ad un imprenditore piemontese.

Le indagini, condotte dal personale del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria del capoluogo e coordinate dalla Procura della Repubblica torinese sono partite dopo la richiesta di aiuto della vittima che, angosciata dalle pretese avanzate dai suoi aguzzini, ha chiesto aiuto ai finanzieri.

La vicenda è iniziata alcuni mesi fa quando al professionista è stata richiesta la somma di 1,5 milioni di euro in cambio del silenzio circa presunte irregolarità commesse dalla società di quest’ultimo, contenute nel materiale riservato sottratto fraudolentemente dagli stessi arrestati, fino a poco tempo prima collaboratori dell’imprenditore.

Nel corso delle contrattazioni le parti hanno concordato di “chiudere la faccenda” con il versamento di una somma di mezzo milione di euro in rate da 20 mila euro mensili.

Come se non bastasse, oltre alla pretesa economica, la vittima è stata anche costretta a redigere la rimessione della querela presentata precedentemente, al fine di scongiurare conseguenze di natura giudiziaria ai due sodali.

Lo scorso 30 settembre l’epilogo della vicenda: i finanzieri assistono allo scambio della prima rata in uno storico bar del centro città, e, non appena tra la vittima e gli estorsori avviene il passaggio della somma, intervengono e fermano i due estorsori.

Nel corso delle perquisizioni presso le abitazioni di questi ultimi sono state rinvenute e sequestrate 2 pistole automatiche, 3 caricatori e 105 cartucce riconducibili a F.G. che, conservate in un luogo diverso da quello dichiarato.

P.M.G. trentacinquenne e F.G., sessantenne, sono stati condotti presso il carcere Lorusso-Cutugno di Torino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Le indagini proseguono al fine di identificare eventuali ulteriori sodali.

“Requiem per la Bosnia” da giovedì 17 ottobre nelle librerie

in CULTURA E SPETTACOLI

Giovedì 17 ottobre uscirà nelle librerie (dove è possibile richiederlo o prenotarlo) il libro “Requiem per la Bosnia” di Barbara Castellaro. Il volume è pubblicato da INFINITO edizioni nella collana Orienti con introduzione e fotografie di Paolo Siccardi e la postfazione di Marco Travaglini.

L’autrice, con un reportage profondo e prezioso, apre una finestra alla scoperta di cos’è stata, cos’è e forse potrà essere la Bosnia Erzegovina, quel piccolo Paese sul crinale tra Occidente e Oriente, nel centro martoriato dell’Europa. Barbara Castellaro, eporediese di nascita e torinese d’adozione, giornalista e scrittrice, attualmente impegnata come addetta stampa presso il Consiglio regionale del Piemonte è tra i collaboratori de Il Torinese.

 

Nella premessa del libro scrive:“Ho visto che cosa può fare la guerra, ho visto come un uomo può,quasi per capriccio, cancellare intere generazioni di propri simili e questo mi ha sconvolta. Ho visto anche, però, una tenacia, una dignità,una voglia di ricominciare che non credevo possibile trovare. La guerra ha ucciso, distrutto, dilaniato e che cosa ha ottenuto? Che sulle rovine un uomo si mettesse a suonare con il suo violoncello una musica che ha del divino e dell’umano al tempo stesso. Che sui muri coperti di buchi, una mano appoggiasse un vaso pieno di gerani o facesse arrampicare un roseto. Che i colpi di mortaio si trasformassero in rose con una colata di vernice rossa. Che i bambini tornassero a inseguire un pallone senza paura in una piazza polverosa e che i vecchi riprendessero la loro infinita partita a scacchi”. Dalle pagine di “Requiem per la Bosnia” emerge un rapporto profondo con chi vive la difficile realtà di quel paese balcanico. Come commenta Paolo Siccardi, giornalista e fotoreporter, autore degli scatti che compaiono nel libro, ““per raccontare il grumo d’emozioni, gioie e dolore che pesano nell’anima della gente che abita e abitava quelle regioni occorrono sensibilità e coraggio, un grande cuore e una mente lucida”. Qualità che non mancano a Barbara Castellaro che con il suo lavoro ha colto la vitalità di un popolo che ha sofferto pene indicibili, la sua necessità di non dimenticare e, al tempo stesso, di non sotterrare la cultura del rispetto delle differenze, delle diversità che diventano ricchezza.

Dalla Regione un fondo per le aziende in crisi

in ECONOMIA SOCIETA' E COSTUME

“Non vogliamo che ci siano altri casi Pernigotti, per questo stiamo lavorando ad un fondo che consenta alla Regione di acquisire temporaneamente quote delle aziende in crisi e che ci consenta di difendere le nostre imprese e i nostri marchi dai fondi esteri”. Queste le parole dell’assessore al lavoro Elena Chiorino in risposta al question time del consigliere di Luv, Marco Grimaldi che chiedeva quali azioni la Regione intenda mettere in campo per garantire sostegno ai lavoratori Pernigotti di Novi Ligure, anche oltre la scadenza della Cig.

“Domani al Mise – ha proseguito l’assessore – faremo presente che la Regione intende porre in essere tutte le misure che possono essere utilizzate per tutelare lavoratori e azienda. Siamo pronti ad accedere a contributi a fondo perduto per l’acquisizione macchinari e impianti, pensiamo all’utilizzo degli strumenti di sostegno della legge Marcora, ovvero il ricorso al worker buyout. Ovviamente tutto questo dipenderà dall’esito del tavolo che si terrà domani al Mise”.

“Un comportamento inaccettabile quello della proprietà turca Toksoz, sia durante la gestione della produzione sia nel corso delle trattative di cessione del marchio e dei rami industriali”– ha dichiarato il consigliere Grimaldi che ha proposto subito una commissione lavoro per immaginare il futuro dell’azienda e dei lavoratori.” Si sfrutta la fama del marchio Pernigotti e del made in Italy, delocalizzando la produzione in altri Paesi e utilizzando materie prime scadenti. Intanto i lavoratori (100 dipendenti, circa 80 interinali e i numerosi lavoratori dell’indotto sul territorio novese ed alessandrino) ricevono la cassa integrazione per cessazione dell’attività, che scadrà il 5 febbraio 2020 senza possibilità di rinnovo, perché la richiesta dei sindacati di usufruire della cassa per ristrutturazione aziendale della durata di due anni è stata rigettata. Mi pare che la proprietà abbia fatto la collezione degli atteggiamenti irresponsabili, adesso si ponga un freno e si salvino i lavoratori. Attendiamo dunque che l’assessore convochi al più presto la Commissione lavoro per riportare l’esito dell’incontro di domani al Mise e immaginare insieme le possibili soluzioni” .

L’azienda, simbolo della produzione italiana di cioccolato e torroni nel mondo, è passata nel 2013 dal gruppo italiano Averna al gruppo turco Sanset Food – Toksöz Group, che già nel 2015 ha chiuso il magazzino di stoccaggio di Novi Ligure per spostarlo a Parma. Nel 2018 ha comunicato formalmente alle organizzazioni sindacali l’intenzione di attuare un piano di completa chiusura dello stabilimento di Novi. Nell’agosto scorso sono stati siglati due accordi preliminari rispettivamente per la cessione all’imprenditore Giordano Emendatori del marchio “Maestri gelatieri” e delle relative strutture commerciali (21 dipendenti) e produttive (15), e per la reindustrializzazione della produzione di cioccolato e torrone attraverso la gestione produttiva a Novi di un unico soggetto aziendale, la cooperativa torinese Spes. Il 27 settembre scorso, a tre giorni dalla firma definitiva del contratto, la proprietà turca ha comunicato alla cooperativa torinese Spes il recesso dal preliminare, non avendo raggiunto un accordo definitivo con Emendatori.

Durante la sessione del question time è stata data risposta scritta anche all’interrogazione del consigliere Pd, Daniele Valle sulla promozione  e il riconoscimento della lingua dei segni.

Al via il Festival della nonviolenza e della resistenza civile

in POLITICA

Inizia a Torino il 2 ottobre, in occasione della Giornata Internazionale della Nonviolenza promossa dalle Nazioni Unite per ricordare la nascita del Mahatma Gandhi, il Festival della nonviolenza e della resistenza civile, promosso dal Centro Studi Sereno Regis e organizzato in collaborazione con altre realtà e associaziosi locali e non: Associazione Alma Terra, ADL Zavidovici, Associazione Giuliano Accomazzi, Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione, Carovane Migranti, Casa Umanista, Cattolici per la vita della valle, Cooordinamento di cittadini e associazioni contro l’atomica, tutte le guerre e i terrorismi, Disarmisti Esigenti, Donne in nero, Emergengy – Infopoint Torino, Fridays For Future, Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio, Mondi In Città Onlus, Operazione Colomba, Peacelink, Pro Natura, Rete Italiana per il Disarmo, Un ponte per… con il patrocinio della Città di Torino e del C.I.S.P. – Centro Interateneo di Studi per la Pace delle Università del Piemonte.

Fino a sabato 5 ottobre In questa rassegna ci saranno momenti di analisi e confronto, presentazione di libri, laboratori partecipativi, proiezioni, letture e testimonianze, mostre e altre espressioni artistiche, presidi e flash mob, che si svolgeranno in diverse sedi; il Centro Studi Sereno Regis, in via Garibaldi, 13, l’Infopoint di Emergency, corso Valdocco, 3, il Collegio degli Artigianelli, corso Palestro, 14, il Campus Luigi Einaudi dell’Università di Torino e piazza Castello. Il programma dettagliato dell’iniziativa è reperibile sul sito del Centro Studi Sereno Regis, serenoregis.org

Il primo appuntamento è previsto per mercoledì 2 ottobre alle ore 17.30 presso il Collegio Artigianelli in corso Palestro, 14, con la presentazione del libro  Life in Syria, un progetto fotografico nato con l’intento di  mostrare la realtà che milioni di siriani sono costretti a vivere ogni giorno. Saranno presenti due degli autori siriani Emad Husso e Nour Kelze accompagnati da Filippo Mancini, coordinatore del progetto. La mostra fotografica collegata è visitabile dal 21 settembre al 10 ottobre 2019. L’evento è organizzato dall’Associazione Giuliano Accomazzi. Sempre il 2 ottobre alle ore 21 presso la sala Poli del Centro Studi Sereno Regis in via Garibaldi 13 si svolgerà l’incontro Che cosa insegnano i Balcani. Pace, guerre e nuovi muri. Riflessioni e voci per comprendere il presente. a cura di ADL- Zavidovici, in collaborazione con Alma Teatro. All’incontro partecipa il gruppo musicale Zerevó, ensemble torinese gipsy-balkan-klezmer

Il pomeriggio di giovedì 3 ottobre, a partire dalle ore 14 presenterà presso l’Aula B2 del Campus Luigi Einaudi in lungo Dora Siena 100/A il convegno  “Europa senza armi nucleari: un progetto realizzabile”, a cura del  Coordinamento di cittadini e associazioni contro l’atomica, tutte le guerre e i terrorismi, con il patrocinio dell’Università degli Studi di Torino. Alle ore 16 presso l’Emergency Infopoint di corso Valdocco 3 avverrà l’inaugurazione della  mostra Emergency Story. 25 anni: medicina, diritti e uguaglianza e alle ore 18 presso la sala Gandhi del Centro Studi Sereno Regis sarà proiettato il webdoc Storia di una pallottola. La guerra raccontata da chi lavora a contatto quotidiano con le vittime con la voce narrante di Valerio Mastandrea e interverrà Roberto Maccaroni, infermiere di  Emergency. Alle ore 20.30, presso la sala Poli del Centro Studi Sereno Regis, ci sarà la proiezione del documentario DERT  di Mario e Stefano Martone. A cura delle Donne in Nero della Casa delle Donne di Torino. La storia della cooperativa agricola bosniaca INSIEME e dell’amicizia che l’ha resa possibile, un esempio di convivenza a dispetto di tutti i nazionalismi.

La giornata di venerdì 4 ottobre sarà interamente dedicata ai temi della sostenibilità ambientale e dell’ emergenza climatica. Alle ore 14 si prevederà la partecipazione al presidio in piazza Castello delle ragazze e dei ragazzi di Fridays For Future e alle 15.30 presso la sala Gandhi del Centro Studi Sereno Regis ci sarà una conferenza di presentazione del movimento Extiction Rebellion. Nel pomeriggio due gli appuntamenti presso l’Infopoint di Emergency: alle ore 16 sarà presentata l’esperienza del  Mesopotamian Water Forum, a cura di  Un ponte per…: la tutela del patrimonio ambientale e culturale, pratiche di nonviolenza in Medio Oriente. e alle ore 18 si parlerà della situazione a Taranto con la presentazione del libro di Beatrice Ruscio Legami di ferro: lotte per la giustizia ambientale di qua e di là dell’oceano, a cura di  Peacelink. Sempre alle ore 18 ma al Centro Studi Sereno Regis si terrà l’incontro  La terra è una ricchezza, ma non per tutti… con Paolo Pileri e il suo libro  Cento parole per salvare il suolo; Alessandro Mortarino e uno sguardo sulla “Terra fottuta”. A cura del  Forum Salviamo il Paesaggio. Alle ore 20.30 una riflessione sull’enciclica di Papa Francesco Laudato si’ e la questione Alta Velocità in Val di Susa, a cura di Pro Natura Piemonte e del gruppo Cattolici per la vita della valle.

Il filo conduttore della giornata conclusiva di sabato 5 ottobre è il tema delle migrazioni. Per tutto il giorno, presso il Centro Studi Sereno Regis si esporrà la mostra “Ospiti”, fotografie di Gianni Oliva, ritratti di migranti accolti e aiutati nell’inserimento in Italia dalla comunità di Mezzenile in Val di Lanzo. In collaborazione con l’Associazione Multietnica Mediatori Interculturali (AMMI). Al mattino due laboratori: alle ore 9, ” Esplorazione e pratica della Comunicazione Nonviolenta”, a cura di Extinction Rebellion e alle 10.30 “Il puzzle dei diritti”, per nonni e bambini, a cura di  Emergency. Nel pomeriggio, due gli appuntamenti presso l’Infopoint di Emergency a cura dell’ASGI, l’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione: alle ore 14.30 un laboratorio dal titolo “Le migrazioni ambientali” e alle ore 18.00 la conferenza  “Diritti annegati: profili giuridici di diritto interno e internazionale sui doveri di recupero e identificazione delle persone decedute durante la traversata del Mar Mediterraneo”. Tre invece gli appuntamenti pomeridiani al Centro Studi Sereno Regis: alle ore 15 la tavola rotonda “Domande sgradite dai migranti”, un incontro interattivo per interrogarci sulle nostre relazioni, curato da Vanessa Maher e dall’Associazione Almaterra; ore 17 la presentazione del libro curato da Fabrizio Cracolici  e Laura Tussi  Riace, musica per l’umanità, con i curatori intervengono Vittorio Agnoletto e Alfonso Navarra, a cura di  Disarmisti Esigenti; alle ore 19.30 ci sarà la presentazione del libro Istanti Donati con Gianni Oliva fotografo, Domenico Quirico giornalista, Tiziana Bonomo curatrice in collegamento alla mostra fotografica “Ospiti” dello stesso autore Gianni Oliva.
Il Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile si chiuderà alle ore 20.45 nella sala Poli – Centro Studi Sereno Regis con l’incontro, Intrecci, attraverso l’intreccio di musica, canto, immagini, letture, testimonianze sarà il momento conclusivo del festival in cui riflettere sui collegamenti tra i processi migratori, la crisi ambientale e le guerre. Sono previsti gli interventi musicali  di Marilù et Camarades e del violinista algerino Nabil Hamai, le letture a cura di Anna Delfina Arcostanzo della Compagnia Marco Gobetti, le testimonianze a cura di Carovane MigrantiOperazione Colomba Karim Metref, l’intervento della dott.ssa Monica Cerutti sulle buone pratiche di integrazione dei migranti in Piemonte e l’intervento video di padre Alex Zanotelli. In chiusura alle ore 23.00 in piazza Castello il Flash mob a cura di Casa Umanista

Da qui si Torna su