Abolizione delle armi nucleari, il Parlamento aderisca al Trattato

Ieri, sabato 22 gennaio, una vasta e variegata rete di associazioni e movimenti, ha voluto ricordare il fatto storico che, esattamente il 22 gennaio di un anno fa, le Nazioni Unite hanno approvato il Trattato per l’abolizione delle armi nucleari.

Ad oggi hanno sottoscritto il suddetto trattato circa 60 Nazioni, a partire dallo Stato del Vaticano.

Il presidio è stato organizzato, dunque, sia per sollecitare anche il nostro Parlamento ad aderire, sia per promuovere una politica di pace, di legalità internazionale e di tutela dei diritti umani.

La manifestazione, molto partecipata, è stata coordinata da Zaira Zafarana e Paolo Candelari a nome del Coordinamento A.G.i.TE., in collegamento con il M.I.R. e con analoghe organizzazioni internazionali. Molti gli interventi dei rappresentanti di associazioni, movimenti, coordinamenti ecc. Particolarmente sottolineati e apprezzati dagli organizzatori, sono stati i saluti dei rappresentanti delle Istituzioni: Maria Grazia Grippo, presidente del Consiglio comunale di Torino, a nome del Sindaco della Città Stefano Lo Russo, e Giampiero Leo, vice presidente del Comitato per i diritti umani della Regione Piemonte, a nome del presidente dello stesso  (e del Consiglio regionale) on. Stefano Allasia, e del presidente della Regione Piemonte on. Alberto Cirio.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Giovanissimi sorpresi nell’attività di spaccio con l’ “hashish  di Batman”

Articolo Successivo

Sospesa dal Questore la licenza di un circolo privato per 15 giorni

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA