Tag archive

basket

Reale Mutua Basket Torino – Trapani 104 a 72. Sembra facile, ma non è difficile

in SPORT

Il basket visto a distanza.

Sono tra i primi ad avere scritto quanto tra poco ripeterò: la Reale Mutua Basket Torino è la squadra più forte del campionato di A2, e ieri lo ha ampiamente dimostrato. La partita non ha mai avuto altro senso che non quello di Torino dedita “al massacro” della malcapitata squadra di Trapani. Fin dall’inizio la supremazia è stata indiscussa e sembrava che Torino giocasse in “souplesse” e, senza forzare, si è partiti con un 12 – 0 che è poi solo stato piano piano dilatato salvo un breve periodo con un margine di meno di 10 punti di vantaggio.

Paradossalmente, solo Basket Torino può essere l’avversario da battere di Basket Torino. Nella mente dei giocatori, se vengono lasciati giocare sereni, appare solo un canestro molto facile da segnare. Il punteggio realizzato indica una ottima capacità realizzativa, ben distribuita tra i vari giocatori con in più una ripresa di qualità a buon livello di A2 da parte di Toscano e Campani.

I soliti Clark e Diop hanno contribuito al meglio per infliggere il divario iniziale che ha deciso la partita e il contributo di Pinkins, Cappelletti e Alibegovic ha chiuso il cerchio.

Con una vittoria come quella di ieri non è il caso di infierire su nessuno, anche se si potrebbe… , anche perché nel lungo “garbage Time” del terzo e quarto quarto non è possibile realmente giudicare ogni azione in positivo o in negativo, ma questo è un merito di Torino non un demerito degli avversari.

Il commento della partita è in sintesi quello del titolo. Torino del basket ha tutto per andare avanti per conquistare un posto nella serie A che conta. Ogni partita potrebbe andare in questo modo, e bisogna partire convinti di questo, rispettando ogni avversario ma cercando di asfaltarlo nel modo più rapido, per poi poter giocare con serenità il resto della partita.

Il pubblico al palazzetto non c’è e quindi i finali sono senza emozioni dirette e divertimento per persone e giocatori. Ma è bene sperare che il prossimo anno ci sia di nuovo il tifo e tutti i suoi componenti e lavorare per un incremento di qualità e spettacolo sarà doveroso. Torino gioca bene (per il campionato di A2), vince, convince ma lo spettacolo (nonostante i cronisti entusiasti di chi riesce anche solo a palleggiare … ) è molto lontano. I giocatori sono stati assemblati per vincere e così stanno facendo. Di che lamentarsi quindi?

Finirei con un’assurda metafora: se uno ha fame mangia anche la pasta in bianco, ma se arriva un piatto di lasagne il sorriso si allarga e il cuore si rallegra. In attesa delle lasagne, questa pasta è buona.

Paolo Michieletto

Alla fine, giocano i titolari, rimontano e Torino vince

in SPORT

Il basket visto a distanza. Piacenza – Reale Mutua Basket Torino 78 – 82.

E’ inutile dirlo per l’ennesima volta, ma è necessario ribadirlo: Torino non ha una panchina lunga, ma solo panchinari, e se li si lascia troppo in campo, si rischia ogni volta di fare brutte figure o di perdere quando si è nettamente più forti.

Diop ha vent’anni e non può essere stanco dopo pochi minuti, Cappelletti pochi anni di più e una voglia smodata di giocare bene e forte, Clark se solo si impegna un minimo non ha rivali in A2, Alibegovic comunque tira e segna quando serve e il duo Pinkins – Campani “sommati” insieme sono un buon giocatore e, a turno, nei momenti cruciali fanno la loro parte.

Stop. Basta. Il resto è fantasia del titolare della panchina. Si è andati sotto anche di 17 punti ad inizio ripresa. Si è arrivati con i titolari a meno 6 e poi sono riemersi i panchinari per riaffondare la barca. Ma qual è il vero motivo per cui debbano per forza giocare? Quale situazione non si comprende? Mi manca addirittura Traini dell’anno scorso, ed è tutto dire… .

Comunque, Torino vince ancora per la quarta volta di seguito e questo è quello che conta, riprendendo il ruolo di squadra favorita nonostante una classifica che sembra non dare il giusto risalto alla percentuale di vittorie e non del numero delle stesse, che pone Torino ai vertici del campionato se riuscirà a vincere le partite ancora da recuperare.

Della partita possiamo segnalare l’ultima parte del quarto\quarto che ha visto come ampiamente detto i titolari in campo reuperare tutto lo svantaggio, passare avanti e non farsi più raggiungere. Certo che se si potesse giocare con un Clark come negli ultimi minuti della partita non ci sarebbe neanche un problema. Dominante da fuori e in entrata come poche volte quest’anno, è riuscito ad imprimere una svolta decisiva. Diop non può stare in panca, perché quand’anche non segnasse la sua presenza risulta fondamentale per potenza, intimidazione e rimbalzi. Alibegovic e Cappelletti trascinano la squadra anche forzando, mentre Pinkins è lontano dalla condizione dell’altr’anno ma solo parzialmente coperto da Campani, che ieri ha giocato un ottimo finale, e basta a coprire le necessità di un gioco che in serie A2 è veramente poca cosa.

Non credo sia la difesa a far partire gli attacchi. Torino ne ha presi 51 in metà gara, e poi 27 nell’altra parte così come ne ha segnati 36 nella prima e poi 46 nella seconda, ma la differenza è nella qualità di chi tira che, talvolta, e invito tutti a rivedere la partita, riesce veramente a tentare di far apparire “l’antibasket” sul campo, scalfendo a più riprese ferri e tabelloni con entrate e tiri veramente incomprensibili come di passaggi agli avversari da inchiesta se non fosse evidente la manifesta incapacità a reggere un buon livello di basket.

Quando Torino del basket apparve per la prima volta in A2 si vedeva giocare Mancinelli, Amoroso e Wojchecowsky e si perdeva contro Triche, Pascolo e compagni vari. Oggi si rimpiange Traini. E mi fermo qui.

Purtroppo il livello è questo e l’unico risultato utile è la vittoria. Parlare di gioco in attacco o di schemi di difesa è un po’ folle, visto che tutto è relegato nell’estro e nella fantasia dei più bravi a disposizione e nell’incapacità degli avversari.

Però la speranza è che Torino del basket ritorni ad avere la sua ribalta nel campionato della massima serie dove Milano ha vinto la sua Coppa Italia e che non troppo tempo fa fu di Torino. E che a tifare Torino tornino gli abbonati e non gli estratti a sorte di un concorso, perché allora non si capisce come mai qualcuno possa andare a vedere la partita e altri no, e perché gli estratti potranno andare alla partita e non siano di sicuro addetti ai lavori e chi ha pagato no sarebbe da spiegare, ma questa è un’altra storia.

Paolo Michieletto

Lapalissiano è dire poco: se si gioca anche solo “normali” si vince

in SPORT

Il basket visto a distanza. Reale Mutua Basket Torino – Orzinuovi 88 a 63

In una partita in cui si tira 27-37 da due e si catturano 45 rimbalzi a 31 sembra che poco ci sia da spiegare sulla supremazia in zona vicino a canestro di Torino. La percentuale di 5 su 25 da tre è invece rivedibile ma bisogna dire che la partita ha svoltato in maniera decisa tra la metà del secondo quarto e inizio del terzo, periodo in cui Torino ha realizzato un parziale di 28 a 3 con finalmente in campo i cinque migliori a disposizione e da lì in poi non c’è cronaca da riferire.
Diop segna 13 punti e raccoglie 15 rimbalzi in soli 23’ di impiego e anche solo questo è emblematico della potenzialità del ragazzone di Torino. Per il resto i punti si distribuiscono in maniera quasi uniforme a testimonianza di quello che fin da inizio campionato ribadisco da queste “righe”: se la Reale Mutua gioca normale e segna i tiri che le competono il suo livello qualitativo è più alto nei cinque titolari e i suoi comprimari del resto delle altre squadre. Non sempre vengono schierati tutti insieme ma questo è forse il fascino del “non mi piace vincere facile” che deve aleggiare da qualche parte nella panchina di Torino.

Si dirà che la difesa ha fatto la differenza, anche se il 5 su 30 da tre degli avversari lascia anche pensare che, insomma, anche loro si siano prodigati nel rovinare i ferri e i tabelloni del Palasport di Parco Ruffini … . Comunque, non è il caso in questa serata dar adito a critiche se non per rimembrar… un breve periodo tra la fine del primo quarto e inizio secondo con quintetto in campo “alternativo” che non si è comportato in maniera consona al livello richiesto dalla categoria, ma il periodo successivo, già rammentato in precedenza, ha poi eliminato tali pensieri malsani, ma è bene ricordarsene per le prossime volte.

Si è vista una partita di circa 25’ e questo per merito di Torino, perché gli avversari si sono rivelati poca cosa, ma, a dirla tutta (pur con tutte le situazioni da recuperare) erano e sono secondi in classifica!!! A testimonianza di un livello inquietante di appiattimento verso il basso di questo campionato di A2, è chiaro come la compagine torinese sia un gradino sopra, e sarebbe triste non riuscire nell’impresa di scalare le posizioni che mancano alla vetta e giungere in maniera competitiva adeguata ai playoff e giocarsela fino in fondo.
Il vero rischio è che istituzioni e vertici vari blocchino le possibilità di promozione e le motivazioni esterne e interne restano ai più non note e fonte di indicibile tristezza. Per una piazza che ha vissuto non molto tempo fa la vittoria di una Coppa Italia (unico trofeo vero mai vinto in Piemonte nel basket) per poi perdersi nel nulla della tristezza, la competizione di domani che inizia proprio della stessa Coppa Italia di serie A apre ricordi profondamente belli e enormemente tristi. Però, a tutti i tifosi veri, storici del basket a Torino, ricordare quei momenti fa venire gli occhi lucidi e alzare le braccia al cielo per la gioia della vittoria e per le speranze che avevamo tutti in quei momenti.
La Torino del basket merita di tornare in alto. I giocatori che la rappresentano devono sentirlo ed esserne partecipi. Sperare è lecito, crederci è una speranza.

Paolo Michieletto

Capo d’Orlando – Reale Mutua Basket Torino 71 -72: finalmente il quintetto base

in SPORT

Il basket visto a distanza

Sì, finalmente abbiamo visto in campo nei minuti decisivi il quintetto base e, con un po’ di fatica, si è vinto.

In una partita in cui il buon Diop gioca “normalmente” esce finalmente Clark e gioca in maniera adeguata a quanto ci si potrebbe aspettare da lui. Alibegovic torna a e tira da tre in momenti decisivi e segna. Cappelletti guida e segna in maniera autorevole e Pinkins, pur sottotono, interviene in maniera decisiva stoppando l’ultimo tiro di Capo d’Orlando per vincere la partita.

Ecco, Torino è questa. Il resto non è panchina lunga, è solo resistenza quando gli altri non sono in campo.

Campani purtroppo è indolente e non gioca quanto la sua qualità potrebbe far pensare di vedere in un campo di basket. Toscano effettua un buon paio di tiri da tre e poi scompare pur continuando ad impegnarsi. Bushati e Penna restano molto in panca e questo è il lato positivo.

Non esiste, almeno ad oggi, una panchina lunga, ma una netta differenza tra i primi cinque e gli altri. Se al “comando” si comincia a rendersene conto potremo forse vedere un altro campionato.

E’ stata comunque una partita non bella e giocata in maniera un po’ tesa, contro una squadra formata in maniera “classica” con due stranieri a fare l’80% circa dei punti della squadra ed un gruppo di comprimari. In ogni caso era fondamentale vincere per continuare la risalita ai vertici di una classifica ancora tutta da scalare.

E’ un campionato in cui si gioca male in generale, con “giropalla” a mezza ruota e pick & roll continui con alla fine “fantasia e tiro a casaccio” dell’ultimo che ha la palla per quasi tutte le compagini del campionato. Bello? Moderno? Basket anni 2020? Contenti voi … .

La difesa è sempre un continuo cambio e poca intelligenza tattica. Inoltre, in quasi tutte le partite si vedono playmaker che si fanno portare via la palla più volte in palleggio oppure che passano la palla non solo “telefonando” il passaggio, come si dice in gergo, ma addirittura “citofonando e bussando alla porta” aprendo spazio a contropiedi al limte del minibasket.

Mancano i fondamentali e manca la sapienza tattica. Ma questo vale per tutte le squadre. Si usano le gambe e non la testa, sperando che i tiratori avversari non segnino e Torino, in quanto a martellate sul tabellone (senza voler infierire sui soliti …), ne sa qualcosa.

Comunque, ribadisco un concetto che esprimo da inizio anno: nonostante la panchina, nonostante la mancanza di cambi, la Reale Mutua Basket Torino, se gioca in maniera normale è sicuramente più forte delle altre compagini. Ha vinto bene contro Verona, ha vinto, e meno male, contro Capo d’Orlando. Il cammino è ancora lungo, sperare di vincere il campionato è legittimo considerando i playoff: salire in serie A è scritto nelle stelle di chi dirige… .

Paolo Michieletto

Reale Mutua Basket Torino – Biella 85 – 90: una sconfitta indecorosa

in SPORT

Il basket visto a distanza

Ci saranno tanti che proveranno a trovare molte scuse sulla sconfitta di Torino. E, a dire il vero, esiste ben più di una scusa, anzi, esistono dei fatti; tanti giorni senza allenamento e influenza contribuiscono sicuramente negativamente sul piano fisico degli atleti. Ma è sul piano tattico che è un disastro. Ci si trova senza Alibegovic e Pinkins per “motivo virus” e non si hanno alternative tattiche in difesa per contenere gli avvesari, e in attacco si continua a girare palla sognando che San Diop faccia tutto.

Si sente in settimana dire che si lavora tanto per la difesa e poi si prendono 90 punti da una squadra oggettivamente da metà classifica in A2 e a sua volta senza il proprio lungo straniero fuori causa per positività al Covid.

La conduzione della panchina sembra all’inizio partita aver preso la bella strada del sorriso e della fiducia, con pacche sulle spalle dei propri giocatori e incitamenti positivi. Ma poi, come una vernice che non tiene all’acqua, sotto la pioggia dei punti avversari “l’Hysteria” torna a dominare in panchina con classiche scenate e sfuriate come sempre, dando quindi la solita incertezza nella tranquillità di chi dovrebbe invece avere la serenità dei forti. Ma, sorprese a parte (sempre gradite se arriveranno), Basket Torino Reale Mutua non è una squadra compressore e si confonde invece nel marasma della classifica a metà circa. Mancano ancora diverse partite, e se si arriverà ai playoff tutto potrà cambiare se tutta la squadra sarà al completo. Ma manca un salto di qualità mentale, un pensiero positivo, una mentalità vincente. Senza offesa per nessuno, ma Torino città del basket dovrebbe avere una qualità di spettacolo più alta di altre piazze. A volte ci viene da pensare con terrore al fatto che anche il prossimo anno si debba di nuovo fare i conti con queste realtà.

Torino del basket è stata salvata dal deliquio l’altr’anno e di questo bisogna essere grati a chi ha realizzato tutto ciò. Però non è giusto buttare via tutto l’entusiasmo e la voglia di basket con così tanta pochezza di spettacolo (anche ieri nessuna schiacciata e purtroppo molti momenti per il Benny Hill show del Shaqtin a’ fool che, per chi non conosce il mondo del basket NBA, sono i momenti ridicoli che avvengono in campo commentati ironicamente in una simpatica trasmissione televisiva).

La cronaca della debàcle segnala che Cappelletti e Diop restano in panchina nel momento in cui Torino va in vantaggio dando spazio all’ormai condottiero dei disastri Penna e a giocatori in crisi di identità, permettendo ovviamente a Biella di rientrare  e poi di superare.

Non è difficile immaginare che non si possano concedere due giocatori così in panchina nei momenti caldi. Se li mandi a riposare a più 7 non è che la partita sia vinta. E poi se si suppone che siano “freschi” nel finale di partita si prende atto che l’idea del “killer instinct” sportivo sia mai apparsa dalle parti della panchina di Torino.

Jason Clarke, se guardiamo lo score finale, sembra abbia fatto un’ottima partita, ma in realtà è proprio verso il finale che è uscito allo scoperto più per necessità che per volontà. Sicuramente, se avesse voglia di giocare come negli ultimi minuti durante tutto l’arco della partita, Torino maschererebbe moltissimi problemi che si evidenziano nella totale mancanza di gioco che purtroppo quest’anno è molto di bassa qualità.

Detto del povero Penna, il buon Cappelletti va a corrente alternata ma dovrebbe non mai uscire dal campo, perché purtroppo senza di lui la situazione perde in improvvisazione e pericolosità.

Campani e Toscano sembrano ex giocatori con lampi di raro basket e sembrano molto involuti rispetto alla stagione precedente, mentre di Bushati dispiace non vederlo più tirare da tre e segnare come qualche anno fa in maglia avversaria, ma almeno si impegna e ci prova.

Ora ci sono molte partite in pochi giorni. Meglio o peggio? Probabilmente, se si perderà, si darà la colpa a calendario e a Covid, mentre se si vincerà si tesseranno lodi e si spargerà incenso a giocatori e gestione del gruppo. Siamo pronti a sorprenderci, sarebbe ora.

Il basket visto a distanza. Reale Mutua Basket Torino – Biella 85 – 90: una sconfitta indecorosa.

Ci saranno tanti che proveranno a trovare molte scuse sulla sconfitta di Torino. E, a dire il vero, esiste ben più di una scusa, anzi, esistono dei fatti; tanti giorni senza allenamento e influenza contribuiscono sicuramente negativamente sul piano fisico degli atleti. Ma è sul piano tattico che è un disastro. Ci si trova senza Alibegovic e Pinkins per “motivo virus” e non si hanno alternative tattiche in difesa per contenere gli avvesari, e in attacco si continua a girare palla sognando che San Diop faccia tutto.

Si sente in settimana dire che si lavora tanto per la difesa e poi si prendono 90 punti da una squadra oggettivamente da metà classifica in A2 e a sua volta senza il proprio lungo straniero fuori causa per positività al Covid.

La conduzione della panchina sembra all’inizio partita aver preso la bella strada del sorriso e della fiducia, con pacche sulle spalle dei propri giocatori e incitamenti positivi. Ma poi, come una vernice che non tiene all’acqua, sotto la pioggia dei punti avversari “l’Hysteria” torna a dominare in panchina con classiche scenate e sfuriate come sempre, dando quindi la solita incertezza nella tranquillità di chi dovrebbe invece avere la serenità dei forti. Ma, sorprese a parte (sempre gradite se arriveranno), Basket Torino Reale Mutua non è una squadra compressore e si confonde invece nel marasma della classifica a metà circa. Mancano ancora diverse partite, e se si arriverà ai playoff tutto potrà cambiare se tutta la squadra sarà al completo. Ma manca un salto di qualità mentale, un pensiero positivo, una mentalità vincente. Senza offesa per nessuno, ma Torino città del basket dovrebbe avere una qualità di spettacolo più alta di altre piazze. A volte ci viene da pensare con terrore al fatto che anche il prossimo anno si debba di nuovo fare i conti con queste realtà.

Torino del basket è stata salvata dal deliquio l’altr’anno e di questo bisogna essere grati a chi ha realizzato tutto ciò. Però non è giusto buttare via tutto l’entusiasmo e la voglia di basket con così tanta pochezza di spettacolo (anche ieri nessuna schiacciata e purtroppo molti momenti per il Benny Hill show del Shaqtin a’ fool che, per chi non conosce il mondo del basket NBA, sono i momenti ridicoli che avvengono in campo commentati ironicamente in una simpatica trasmissione televisiva).

La cronaca della debàcle segnala che Cappelletti e Diop restano in panchina nel momento in cui Torino va in vantaggio dando spazio all’ormai condottiero dei disastri Penna e a giocatori in crisi di identità, permettendo ovviamente a Biella di rientrare  e poi di superare.

Non è difficile immaginare che non si possano concedere due giocatori così in panchina nei momenti caldi. Se li mandi a riposare a più 7 non è che la partita sia vinta. E poi se si suppone che siano “freschi” nel finale di partita si prende atto che l’idea del “killer instinct” sportivo sia mai apparsa dalle parti della panchina di Torino.

Jason Clarke, se guardiamo lo score finale, sembra abbia fatto un’ottima partita, ma in realtà è proprio verso il finale che è uscito allo scoperto più per necessità che per volontà. Sicuramente, se avesse voglia di giocare come negli ultimi minuti durante tutto l’arco della partita, Torino maschererebbe moltissimi problemi che si evidenziano nella totale mancanza di gioco che purtroppo quest’anno è molto di bassa qualità.

Detto del povero Penna, il buon Cappelletti va a corrente alternata ma dovrebbe non mai uscire dal campo, perché purtroppo senza di lui la situazione perde in improvvisazione e pericolosità.

Campani e Toscano sembrano ex giocatori con lampi di raro basket e sembrano molto involuti rispetto alla stagione precedente, mentre di Bushati dispiace non vederlo più tirare da tre e segnare come qualche anno fa in maglia avversaria, ma almeno si impegna e ci prova.

Ora ci sono molte partite in pochi giorni. Meglio o peggio? Probabilmente, se si perderà, si darà la colpa a calendario e a Covid, mentre se si vincerà si tesseranno lodi e si spargerà incenso a giocatori e gestione del gruppo. Siamo pronti a sorprenderci, sarebbe ora.

Paolo Michieletto

Crac Basket Auxilium, arresti a Torino

in BREVI DI CRONACA

Alcuni arresti sono in corso  nell’ambito di un’inchiesta della guardia di finanza sul fallimento della squadra di basket Auxilium Torino

Uno dei provvedimenti riguarda Mario Burlò,  imprenditore già sponsor della società. E’ indagato anche il notaio Roberto Goveani, che negli anni 90 fu presidente del Torino calcio. L’inchiesta è coordinata dal pm  Santoriello.

Reale Mutua Basket Torino-Casale: missione compiuta

in SPORT

Il basket visto da vicino /  Primo posto raggiunto al termine del girone

Una buona giornata per Torino del Basket. La prima parte della missione è compiuta. Basket Torino Reale Mutua chiude, con una giornata di anticipo, al primo posto il girone Ovest di quello che obiettivamente è il secondo campionato di basket nazionale. Sembra poca cosa ai più, abituati al pensiero che tutto sia dovuto, ma non è così facile. Essere al comando non era certo ad inizio stagione.

Ora è realtà, ma purtroppo è ancora lunga la strada per la risalita verso quella Lega A che sembra il luogo naturale di esistenza di Torino del basket. Oltre all’ultima di campionato, ininfluente ai fini del piazzamento ma importante per la fase finale, mancano ora sei partite per definire e speriamo consolidare la posizione e poi i playoff. Sarà possibile dopo solo un anno tornare a vedere grande basket a Torino?

Infatti, la realtà è che il secondo campionato di basket nazionale è alquanto distante dal livello della Lega A, per i motivi già detti ma che è bene ricordare dei sei stranieri (circa per squadra) e dei migliori italiani che restano in circolazione ovviamente inseriti nei roster di primo livello. La A2 è un po’ una sofferenza dal punto di vista spettacolare e tecnico anche nella conduzione tattica delle partite. Ma il livello (pur se sempre buono) è ovviamente diverso.

Anche ieri il divario tra Reale Mutua Torino e Novi più Casale (prima e seconda in classifica) è stato clamoroso. Dopo 4’40” circa il punteggio registrava sul tabellone … Torino 10 e Casale 17: punteggio in proiezione finale … circa 80 – 140 (!!!). Punteggio reale finale: Torino 76 – Casale 65, con la Novi Più che ha finito con una media di meno di 14 punti per quarto dal secondo tempo in avanti. Era chiaro come Casale fosse oltre i suoi limiti e Torino giocasse in modo “diciamo” normale, e, pur con i soliti inserimenti strani durante la partita, la Reale Mutua ha condotto fino alla fine con evidente superiorità.

Questa è la nota più positiva della Reale Mutua: avere cinque – sei giocatori di buon livello, mentre nelle altre squadre del campionato girone Ovest, (almeno) nelle altre squadre “quelli buoni” (per l’ennesima volta lo scrivo) continuano ad essere al massimo tre o quattro quando si esagera. E questo fa la differenza. Oltre al fatto che Torino, quando segna da tre punti scava un solco decisivo.
Anche con Casale buona prova di Pinkins, Alibegovic e Diop con Cappelletti in evidenza e Marks leggermente sotto tono ma sempre un piano sopra i suoi alter ego della panchina. Campani, Traini e Bushati si impegnano in vario modo e contribuiscono a dare fiato ai compagni di squadra mentre Toscano si trasforma da eroe inneggiato dal pubblico a inquietante mister Hyde del canestro sbagliando tutto il possibile in soli 50” da vero incubo.

Ma almeno si impegna alla grande e il pubblico apprezza l’impegno e tutti noi gli vogliamo bene, sperando torni anche a giocare a basket … .
Insomma, Torino ha vinto ed ha finito al primo posto il girone. Si può volere di più? Certo che sì: il sogno è salire. Speriamo che sia il sogno di tutti.

Paolo Michieletto

 

Se l’unica cosa che conta è vincere allora ci siamo…

in SPORT

Reale Mutua Basket Torino

… Ma se non fosse sufficiente, è chiaro che lo spettacolo offerto dalla prima della classe non è adeguato al pubblico che di basket vorrebbe vivere e goderne del beneficio dello spettacolo e della bellezza

 

Siamo i meno peggio, sicuramente, non i migliori. Una partita che si doveva e si poteva stravincere, si è poi risolta con l’apporto dei soliti “panchinati” Marks, Cappelletti e Diop con l’apporto di Pinkins negli ultimi minuti.

Dopo essere stati 25-8, l’ingresso come al solito dei “soliti maniscalchi” del basket ha creato quel riavvicinamento tra la squadra leader del girone Ovest di A2 e tutte le altre fino alla quasi parità del 24 -28.

Il killer istinct è un “desaparecido” cronico da quando sulla panchina si possono operare cambi… . Difficile comprendere la motivazione di dare riposo ai migliori dopo pochi minuti in funzione di non si sa quale ipotesi di gioco che possa migliorare la situazione con l’inserimento di chi, normalmente, si impegna tanto ma produce danno, anche quelli meno visibili, non solo nei canestri segnati ma nell’immobilismo in attacco, la facilitazione delle difese avversarie e un miglior approccio in fiducia degli avversari. Qualcosa non torna e non si comprende, ma finché si vince va tutto bene, ovviamente.

Spiace, dopo aver visto alcuni giocatori “svernare” in quel di Torino con le altre società degli ultimi anni, veder riproporre lo stesso cliché di chi arriva con nomea molto buona e poi appassisce appena deve giocare con i colori gialloblù. Riferimenti a situazioni e persone reali non sono “ovviamente” casuali… .

In ogni caso, Marks e Pinkins non dovrebbero mai lasciare il campo, Cappelletti non ha cambi all’altezza, Alibegovic gioca a sprazzi, e Diop, se mai diverrà convinto dei propri mezzi, comunque fa la differenza in A2, ma se non migliora con la convinzione non andrà oltre questo livello. Il resto è nebbia confusa nel vorticare di bracci a e gambe che fa sembrare di fare qualcosa ma che produce in negativo.

Si è in testa, si è battuta una squadra di due, massimo tre giocatori accettabili, solo all’ultimo minuto. Esperienza per i giovani è una frase di pura fantasia per la Reale Mutua e a tutti noi non resta che sperare in un livello più alto. La salita in A1 è un sogno, proprio dove qualche anno fa (solo 2!!!!) con un’altra squadra, si vinceva la Coppa Italia e tutto sembrava nascere… .

Ringraziando il mondo Reale Mutua e il presidente di Dinamo Sassari e Basket Torino siamo qui ancora a scrivere e illuderci nuovamente per un sogno futuro. Attualmente il livello è basso, ma basta poco per salire. E basta poco per rischiare di trovarci nuovamente in A1. Speriamo, tutta Torino del basket lo spera, che il salto di qualità divenga possibile e …Reale.

Paolo Michieletto

 

 

Reale Mutua Basket Torino: in attesa degli eventi alla prova del 9

in SPORT

Siamo quasi al termine della regular season e, tutto sommato, visti i risultati, Torino è dove tutti pensano che debba essere (in testa alla classifica, ndr) ma che in realtà così sicuro non era

Si arriva da una stagione difficile per il basket torinese con la debàcle legata al fallimento Auxilium e l’ingresso di una nuova compagine, che, volente o nolente, si porta dietro il bagaglio di quanto sia capitato.

Ancora oggi mi chiedo se, nel calcio, la Juventus fallisse (ipotesi assurda ovviamente) e l’Ascoli venisse a giocare a Torino (la maglia sociale è pressoché identica) i suoi tifosi trasmigrerebbero tranquillamente a tifare per la nuova società Calcio Torino con la maglia bianconera… Ma tant’è, il basket ha i suoi miracoli e ci si dimentica che Basket Torino ha neanche un anno di vita, gioca in A2 e arriva da Cagliari…e che quindi i risultati che ottiene sono formidabili, altroché.

Si innalzano bandiere e striscioni e si decantano nomi e rivalità storiche, ma Basket Torino ha solo pochi mesi di vita!!! Comunque, il tifoso, anzi, noi tifosi non a caso ci chiamiamo così. Perdiamo la lucidità e l’inebriarsi del gioco più bello del mondo, con buona pace di tutti coloro a cui non piace, è un piacere tale da dimenticare tutto e “fantasiare” di tutto… .

Basket Torino ha solo più tre partite da disputare in cui si gioca il primo posto del girone. Non è impossibile ma difficile. Partite “strane” come negli ultimi tempi non sono inconsuete nel basket “minore” dove talvolta umori dei giocatori e situazioni ambientali modificano letteralmente i valori in campo, ma credo che Basket Torino Reale Mutua possa avere le carte in regola per farcela.

E’ chiaro, come dico da sempre da queste pagine, che io esorto al pensiero che la nostra squadra sia l’unica ad avere 5-6 giocatori di livello mentre le altre squadre, tutto andando bene arrivano a 3 – 4. Prova ne sia l’ultima partita con Rieti in cui solo tre giocatori avversari hanno segnato punti a referto più un quarto che ne ha segnati 4 e il resto della squadra…. ZERO!.

E’ anche vero che nei minuti finali, talvolta, la Reale Mutua perde lucidità in panca mettendo a rischio partite già vinte, inserendo cambi incomprensibili ignorando i veri valori in campo (vedi Marks e Pinkins talvolta istericamente “panchinizzati” a fronte di comportamenti tecnicamente inguardabili di altri lasciati come protagonisti in campo). Ripeto: l’impegno umano, l’applicazione e la volontà sono valori scolastici educativamente formanti e importanti. Ma, se si parla di professionismo, purtroppo nello sport vincono e giocano i più forti. O almeno così dovrebbe essere. E se non è così, i motivi sono ai più nascosti… .

Manca ancora la crescita e consapevolezza di maturazione di Ousmane Diop che ha mezzi stratosferici ma convinzione bassa per le potenzialità. Con le dovute distanze, il suo coetaneo Zion segna più di 30 punti in NBA. In proporzione, potrebbe in un campionato come la A2, fare di più, se avesse più coraggio e più fiducia.

Se possiamo dare un neo vero alla conduzione di Basket Torino è la totale mancanza di fiducia nei giovani che hanno svernato in panca tutta la stagione, ma se il risultato è l’unica cosa che conta…può darsi vada bene così.

Domenica si gioca contro una Scafati in crisi gestionale. E’ una gara importante. Torino è nettamente superiore, e nessun timore dovrebbe esistere. Si va, si gioca e si vince. Ogni altra considerazione sarebbe sinonimo o di ipocrisia o pochezza mentale. I più forti sanno di esserlo e un pochino…lo dimostrano anche.

Siamo quasi al dunque. Ci si gioca molto. Il sogno di tornare a vedere il basket che conta è alto. A tutti i protagonisti l’augurio di reggere l’urto dell’importanza di ciò che faranno.

 

Paolo Michieletto

Reale Mutua: un confronto importante. L’omaggio a Kobe Bryant

in SPORT

Domenica è in arrivo la seconda della classe al Palaruffini, o Pala Gianni Asti, di Torino. La Reale Mutua Basket Torino deve vincere

IL BASKET VISTO DA VICINO 

Non ci sono se e non ci sono ma. Non ci sono paure, né timori, né valori da visualizzare negli avversari. Torino è più forte, o, per i più pessimisti, è meno debole di tutte le altre. Nascondersi serve solo ad evidenziare eventuali pochezze mentali e poca consapevolezza nei propri mezzi. Se sei in testa, e ritieni che questo non sia un caso, non puoi nasconderti e non puoi e non devi avere paura. Rispetto degli avversari: sì; paura di loro: no!

Torino è reduce da una vittoria soffertissima contro l’ultima del campionato a cui ha concesso di segnare 22 punti negli ultimi quattro minuti circa della scorsa partita, e questo dato è un segnale di resa mentale inaccettabile quando sei il più forte. Probabilmente il salto di qualità vero è nella mente di chi va in campo e di chi governa la nave, però ad imparare dai grandi non si fa mai male. Ataman (coach dell’Efes leader in Eurolega), intervistato prima della partita con il Real Madrid ha dichiarato che era venuto lì per vincere e a dimostrare di essere la squadra più forte, senza dubbi o perplessità. E ha vinto.

Noi rispettiamo tutti, ma temere alcuni giocatori di cui leggo i nomi con stupore ogni volta è inaccettabile. E’ chiaro che non sto parlando del lato umano, ovvio, ma dal punto di vista tecnico Torino non deve temere proprio nessuno! E la mentalità per il salto in più non porterebbe più punti in classifica, forse, visto che si è comunque in testa, ma magari più pubblico, più entusiasmo, più carica energetica e maggiore coinvolgimento emotivo di media e interesse generale.

Basket Torino vince ma non entusiasma, e questo non va bene. Ci vuole forza, tecnica e lucidità per divertire il pubblico. Isterie o mancanza di serenità conducono a poco. E ci vuole spettacolo: il terzo tempo appoggiato al tabellone va bene nelle categorie minori; i ragazzi e il pubblico esperto vede in tv Eurolega e NBA. Non si può pretendere nulla di tutto ciò, Larkin e James non ci sono nel nostro campionato, ma ci sono fior fiore di atleti che se ben spronati possono dare di più. E l’emozione è spettacolo, non solo risultato.

Si arriva alla partita dopo una settimana tragica per diverse famiglie di oltreoceano che si legano alla morte di Kobe Bryant. Tanto è stato scritto e detto, sia da parte di chi lo conosceva e sia di chi ha voluto prendere parte al momento emotivo solo per propria pubblicità. Kobe Bryant ha segnato pagine di storia del basket e non verranno cancellate. Se posso contribuire anch’io con il mio pensiero , vorrei dire che Kobe è stato in maniera innegabile apprezzato per la sua squisita qualità come uomo del basket. Nell’anno del suo abbandono ha riscosso il premio per la sua carriera in ogni campo in cui ha giocato con celebrazioni del pubblico e ha chiuso l’ultima partita segnando 60 punti.

Ha lasciato il mondo del basket intriso della sua immagine perenne di giocatore vincente e positivo. Un uomo a 360° con pregi e difetti come tutti ma che ha saputo ogni volta risalire e vincere. La sua frase “se non credi in te stesso, chi ti aiuterà” è un mantra da scrivere nello spirito di ognuno di noi. Ora, come disse lui alla fine dell’intervento a fine partita a Los Angeles, …Mamba Out… ma non per noi.

E domani alla partita, ognuno sarà lì a celebrarlo. Sarebbe bello che ognuno di noi pensasse di lasciare dietro di sé qualcosa di bello e che viva nel cuore della gente. Lavorare per il bene di tutti è una fatica molto più alta che criticare gli altri.  E allora, Forza Basket Torino: siamo pronti a tifare per te.

Paolo Michieletto

Da qui si Torna su