“Noi curdi stiamo morendo”

in ECONOMIA E SOCIETA'

Gli F16 con la mezzaluna martellano pesantemente da settimane la zona nei dintorni di Zakho a caccia dei guerriglieri curdi del Pkk. Nel Kurdistan iracheno, a pochi chilometri dal confine settentrionale tra l’Iraq e la Turchia, piovono ogni giorno centinaia di bombe e tante famiglie curde, come quella di Firat, vivono nel terrore. Zakho, 200.000 abitanti, in maggioranza curdi e cristiani caldei, è la città del Patriarca caldeo Louis Sako.

“Noi curdi stiamo morendo, la Turchia ci bombarda, distrugge ogni valore di libertà, di democrazia, di laicità, calpesta i diritti umani della nostra gente. L’Europa e l’Occidente chiudono gli occhi e non fanno nulla per fermare i massacri in corso nel nord dell’Iraq”. Sul volto di Firat Ak, portavoce della comunità curda in Piemonte (circa 250 persone, in gran parte studenti), trapelano rassegnazione, rabbia e voglia di un riscatto impossibile.

Il conflitto tra turchi e curdi non nasce certo oggi ma si trascina da decenni con decine di migliaia di morti. Lui è fuggito in tempo in Italia ma la sua famiglia è terrorizzata dalle bombe turche che si abbattono sui guerriglieri del Pkk curdo che si rifugiano nel Kurdistan iracheno. Ma, a saltare in aria, spesso non sono solo i curdi, considerati “terroristi” da Ankara, ma centinaia di civili curdi, cristiani e yazidi che vivono nell’area presa di mira dai raid aerei turchi. “Oggi una potenza della Nato bombarda il mio territorio, aggiunge Firat, la casa della mia famiglia, i turchi odiano l’identità curda e ci eliminano nel silenzio del mondo e domani si ripeterà la stessa tragedia”. I curdi sono morti per noi contro l’Isis e anche questa volta sono stati traditi e dimenticati. Il Piemonte si mobilita per frenare i piani di conquista neo-ottomani del sultano Erdogan, sempre più presidente-padrone della Turchia. La Rete del Kurdistan Piemonte, il Comitato interconfessionale “Noi siamo con voi” di Giampiero Leo e il “Coordinamento contro le guerre e le atomiche” di Paolo Candelari hanno promosso un incontro, moderato dalla giornalista Laura Schrader, presso il “Polo del 900” per fare il punto sulla brutale repressione degli oppositori in Turchia e sulla situazione nel nord dell’Iraq, dove continuano i bombardamenti turchi su aree popolate da curdi, cristiani e yazidi. I curdi del Piemonte chiedono la liberazione dei prigionieri politici in Turchia e il rispetto della libertà di opinione per quanto riguarda i parlamentari curdi del Partito Democratico Popolare (Hdp) e dei sindaci eletti in Kurdistan. Alla comunità internazionale si chiede inoltre di fermare i bombardamenti e la penetrazione militare turca nel nord Iraq che colpisce villaggi cristiani e yazidi e di condannare l’invasione turca della Siria del Nord. A causa della pandemia, ha affermato Firat Ak, la Turchia ha liberato 90.000 detenuti, alcuni per reati molto gravi, ma ha lasciato in carcere 50.000 prigionieri accusati solo di criticare il governo tra cui parlamentari, giornalisti, accademici e studenti, sindaci e artisti, ignorando ogni norma di prevenzione e di igiene con il chiaro intento di decimarli. Il rappresentante curdo-piemontese ha sottolineato le continue violazioni dei diritti umani compiute in Turchia dove il governo si è trasformato in un regime intollerante verso le “voci critiche” interne, nei confronti delle minoranze, imperialista e aggressivo all’esterno, poiché Erdogan porta avanti una politica da califfo neo ottomano. L’aggressione condotta contro le minoranze e in particolare contro quella curda rappresenta un elemento destabilizzante per tutta la regione mediorientale nonché una vergogna per l’Occidente, l’Europa e la Nato che permettono ad Ankara di agire in questo modo”. Leo e Candelari hanno illustrato i motivi del totale appoggio alla causa curda da parte dei movimenti che rappresentano. Giampiero Leo ha fatto notare che la “realpolitik” invece di salvare i popoli li uccide e che l’indifferenza dell’Unione Europea verso la Turchia che calpesta i diritti umani verso i curdi e le altre minoranze accolte generosamente in quei territori è ingiustificabile. Candelari ha ricordato il controverso e discusso golpe del 15 luglio 2016 usato da Erdogan per comandare il Paese con il pugno di ferro, gli oltre 150.000 dipendenti pubblici licenziati negli ultimi quattro anni e i tanti sindaci curdi finiti in galera da un giorno all’altro. Nel nord dell’Iraq le incursioni aeree hanno come obiettivo postazioni del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) in territorio iracheno. La Turchia colpisce i suoi nemici ovunque, interviene militarmente quando vuole nel Kurdistan iracheno senza informare le autorità di Baghdad e nemmeno quelle della regione autonoma curda e il medesimo comportamento viene adottato in Siria e in Libia. I combattenti curdi del Pkk si nascondono tra le montagne del Kurdistan per sfuggire ai raid turchi e da qui, prossimi alla frontiera, si preparano per colpire basi militari e caserme di polizia in territorio turco. Il governo iracheno non ha la forza, né militare, né politica, per opporsi allo strapotere turco. Tutto quello che può fare è convocare l’ambasciatore turco a Baghdad e protestare per l’intricata situazione nel nord del Paese ma ciò non può certo bloccare l’escalation militare. Il contesto bellico odierno ricorda quanto avvenne tra gli anni Ottanta e Novanta quando le azioni militari di Ankara contro i curdi del Pkk distrussero centinaia di villaggi cristiani assiri-caldei nel nord Iraq e nell’Anatolia sud-orientale. Le operazioni andranno avanti, secondo il diplomatico turco nella capitale irachena, fino a quando i guerriglieri curdi non saranno sconfitti ma sta di fatto che anche negli ultimi raid dei caccia dell’aviazione turca sono stati colpiti alcuni villaggi cristiani e un cimitero caldeo alle porte di Zakho. “Siamo sconvolti dal fatto che per le nostre autorità, ha osservato Giampiero Leo, vicepresidente del Comitato per i diritti umani della Regione Piemonte, per l’opinione pubblica occidentale e anche per gran parte dell’informazione, sembra non valere nulla la vita di bambini, donne e uomini, curdi, armeni, yazidi, cristiani che cadono vittime dei bombardamenti o delle feroci milizie jihadiste filo-turche”. A gridare nuovamente la loro disperazione al mondo sono anche gli yazidi, la minoranza religiosa in gran parte annientata dalla ferocia e dal fanatismo islamista di Al Baghdadi. Per colpire le basi dei curdi i turchi finiscono per bombardare anche il monte Sinjar, sacro agli Yazidi, al confine tra Iraq, Siria e Turchia. Gli yazidi, minoranza di lingua curda, non musulmana, furono duramente perseguitati dall’Isis negli anni scorsi, centinaia di migliaia fecero in tempo a fuggire nel Kurdistan ma decine di migliaia vennero uccisi dai tagliagole del califfo e tanti altri furono ridotti in schiavitù. Yazidi “abbandonati del tutto dalla comunità internazionale di fronte a genocidi, schiavitù sessuale e sei anni di forzati sfollamenti” come scrisse Nadia Murad, irachena yazida, attivista per i diritti umani, due anni fa.premio Nobel per la Pace e vittima a sua volta delle atrocità dei miliziani neri di Al Baghdadi. Firat Ak lancia un appello al mondo politico: “Si indaghi sui massacri e si faccia giustizia. Noi curdi chiediamo aiuto a tutte le forze politiche e a tutte le istituzioni perchè venga costituita una Commissione internazionale sui crimini compiuti dal governo e dall’esercito turco sia in patria che nei territori esterni aggrediti”.

Filippo Re
dal settimanale “la Voce e il Tempo”

Recenti: ECONOMIA E SOCIETA'

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su