Controllo di vicinato: "La sicurezza senza ronde"

in TRIBUNA

polizia e carabinieri

salvario poliziacarabinieri p san carloAlla Mostra Regionale di San Giuseppe  a Casale Monferrato un convegno organizzato dall’Associazione Nazionale Controllo di Vicinato

 

L’Area Spettacoli della Mostra Regionale di San Giuseppe  a Casale Monferrato ospiterà martedì 17 marzo, alle ore 21, un convegno sul Controllo di Vicinato, organizzato dall’Associazione Nazionale Controllo di Vicinato. Ma di che cosa si tratta? Il Controllo di vicinato, meglio conosciuto come “Neighbourhood watch” nasce negli anni Sessanta – Settanta, nei Paesi anglo – sassoni, Gran Bretagna, Stati Uniti, ma anche Canada, Australia, Nuova Zelanda e in Italia inizia ad avere una diffusione a partire dal 2008 in Lombardia. “L’importatore” ed ideatore sul Patrio suolo di questo sistema è Gianfrancesco Caccia di Caronno Pertusella (Varese) che ha via via diffuso, con altri volontari, le tecniche sino alla creazione di una associazione, che si chiama appunto Controllo di Vicinato, che ha tra i suoi coordinatori, oltre allo stesso Caccia, anche Leonardo Campanale di Rodano (Milano). Il Controllo di Vicinato, che nulla ha a che vedere con il fenomeno delle “Ronde Padane” o pattugliamenti di cittadini sul territorio o la videosorveglianza (che è una scelta dell’amministrazione comunale d’intesa con le forze dell’ordine), è un progetto che tende a fare crescere, da un lato, la solidarietà tra i cittadini e a crescere una forma di osservazione “passiva” del territorio e delle persone che vi transitano. Il tutto, ovviamente, deve avvenire in stretta collaborazione – elemento imprescindibile – con le forze dell’ordine. La serata, che vedrà l’intervento del coordinatore nazionale Leonardo Campanale, sarà introdotta dal coordinatore regionale dell’associazione  Massimo Iaretti e vedrà i contributi del sindaco di Casorzo (primo comune in Piemonte ad adottare il sistema), Ivana Mussa, del vice sindaco Roberto De Santis, di Paolo Lavagno, sindaco di Ponzano (primo comune in Provincia di Alessandria a dotarsi di questo metodo), e di Ferdinando Raffero, consigliere del Comune di San Mauro Torinese dove un analogo progetto è partito recentemente.

 

Per informazioni: cell. 370 – 3017529

(Foto: il Torinese)

PG Minazzi