Magnani Noya sindaca di Torino, donna sola, socialista non pentita

IL COMMENTO  Di Pier Franco Quaglieni
Ho partecipato volentieri all’inaugurazione in via della Consolata del giardino  intitolato a Maria Magnani Noya, prima donna sindaco di Torino, parlamentare italiana ed europea  del PSI, il partito a cui aderì dopo una militanza nel partito radicale di Pannunzio e di Villabruna, una eredità che Maria riconobbe nel Centro Pannunzio che frequento’ assiduamente. Era una donna inflessibile ed onesta, capace e generosa. Tornando in taxi dalla cerimonia,  mi è capitato di imbattermi in un taxista che, intuendo da dove arrivassi, mi ha detto brutalmente   che la Magnani Noya era stata una “ladrona”. Avrei voluto scendere dal taxi, ma poi  ho scelto di spiegare al giustiziere forse grillino che, se dei ladri ci furono per lo stadio  delle Alpi del ‘90, essi  furono altri, non certo lei che, tra il resto,  era  un grande avvocato che non ebbe mai bisogno della politica per vivere agiatamente. Ho apprezzato tutti gli interventi anche di persone estranee, se non avversarie del socialismo riformista. Come sindaco  Maria non riuscì a far ripartire la Metropolitana che le giunte rosse avevano bloccato in modo sciagurato. Troppi dissidi e personalismi dividevano la giunta da lei presieduta  che pure portò  conclusione il piano regolatore ed avviò opere importanti.
Sembra che avesse detto che era stata scelta come sindaco “anche“ perché donna:  Maria si augurava a ragione  che quell’anche fosse cancellato
Dopo una  lunga militanza nella sinistra del PSI, divenne una craxiana convinta e io la ricordo quando insieme a Stefania Craxi e a Giorgio Cavallo  commemorai Bettino  morto da poco. La Presidente del Consiglio Comunale Maria Grazia Grippo ha tenuto il discorso più bello perché ispirato al più autentico spirito istituzionale. La Grippo ha detto che Maria si ispirava ad una città civile, l’aggettivo amato da Bobbio. Poco civili sono stati i sindaci di Torino suoi successori  non intervenuti alla inaugurazione.  Valentino Castellani, il sindaco migliore che abbia avuto la città e che riscuote sempre l’applauso dei torinesi, non ha mancato di presenziare in terza fila. Qualche presente ha voluto esibire un garofano rosso. Se l’avessi avuto, l’avrei  messo anch’io, pur se non essendo mai mai stato del PSI,  anche se spesso ho votato per i socialisti, in primis per Magnani Noya. Ho conosciuto bene Maria  e ho constatato con dolore che, malgrado il successo professionale e politico, fosse una donna molto sola. Una sera,  accompagnandola a casa a piedi , mi accennò alla sua situazione che la affliggeva profondamente. Una donna  inflessibile, ma fragile.  Fu l’unica volta in cui ci scambiammo delle confidenze personali che mi  rivelarono la sua grandezza d’animo.
Leggi qui le ultime notizie: IL TORINESE

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Il dolce buongiorno del Turin Palace Hotel

Articolo Successivo

Folgorato dall’alta tensione, 15enne perde le mani

Recenti:

Macron e Scurati

IL COMMENTO di Pier Franco Quaglieni Il presidente della repubblica francese Macron sempre più in affanno

Quel 1994 nero

IL COMMENTO Di Pier Franco Quaglieni Nella primavera del 1994 Berlusconi vinse le elezioni politiche contro

Londra chiama Bruxelles

EDITORIALE  Di Adolfo Spezzaferro direttore de “L’identità”: Londra chiama Bruxelles Leggi qui le ultime notizie: IL

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta