Tag archive

politica

Governo, Ruffino (Fi): “Ok sul fisco, ma tutto il resto?”

in POLITICA

Dichiara l’on. Daniela Ruffino, deputata di Forza Italia:

Sei mesi di battaglie da parte del centrodestra, alla fine il governo ha capito che andavano sospese le cartelle esattoriali fino alla fine dell’anno. Stesso discorso vale per la decontribuzione sui nuovi assunti under 35 e 5,7 miliardi di decontribuzione per le imprese del Sud. Fin qui le buone notizie. Quanto al resto, il governo è rimasto prigioniero della sua indeterminatezza. La manovra annunciata è imponente nella sua dimensione, ma i soldi corrono attraverso mille canali e non sempre per raggiungere obiettivi validi. Un esempio: 4 miliardi aggiuntivi per la sanità per fronteggiare la pandemia. Una cifra largamente insufficiente per tamponi, assunzioni di personale sanitario, riorganizzazione degli ospedali. Quei 4 miliardi sarebbero stati preziosi per rafforzare la decontribuzione per le imprese mentre alla sanità avrebbero recato benefici notevoli i 36 miliardi del Mes. Le opposizioni torneranno a insistere su questo punto alla prima occasione parlamentare, perché prima o poi il presidente del Consiglio dovrà venire in Parlamento.

Totosindaco a Torino

in POLITICA

Finalmente Forza Italia cala la carta della candidatura di Claudia Porchietto, deputata e soprattutto imprenditrice ex Presidente dell’Api torinese.

 Sotto la sua Presidenza l’associazione ha avuto notevole sviluppo. Candidata alla presidenza della Provinca di Torino ed Assessore regionale al lavoro nella Giunta Cota. Indubbiamente competente con il solo limite si essere targata come berlusconiana , dunque non simpatica a Meloni e Salvini che aspettano il sì definitivo dell’ imprenditore Damilano. L’assessore  alla Sanità Icardi probabilmente lascia, criticato  perché in tempo di emergenza Covid ha preferito il viaggio di nozze. Il salviniano doc va a casa? Il Capitano ultimamente non ne azzecca una. In Europa la Meloni va con i moderati e Lui con i fasciopopulisti. Sarebbe dovuto succedere l’ opposto. Ed anche con Attilio Fontana non ha fatto una gallata.  La Lombardia, unica regione d’Italia che non ha il vaccino antinfluenzale. La proverbiale efficienza lombarda messa a dura prova. Tegola in testa  ad Enzo La Volta candidato alle primarie del PD per il Sindaco di Torino.  Dopo tre anni sono state chiuse le indagini preliminari anche per Giulio Muttoni e l‘ex senatore Stefano  Esposito. Vicenda tutta interna ad un pezzo della sinistra che non parla di toghe nere e il garantismo è  d‘obbligo. Stefano Lo Russo capogruppo Pd ex assessore si candida alle primarie per il sindaco, incassando l’appoggio di Valentino Castellani ex primo cittadino. Escludere il ritiro del Senatore Mauro Laus sarebbe arbitrario. La Sinistra sbrindellata chiede a Mauro Salizzoni di candidarsi e mi sa che pezzi della sinistra PD lo vorrebbero. Igor Boni ( radicale ) già candidato. Conclusioni: praticamente, pochissimi nel Pd vogliono Saracco, Rettore del Politecnico come Sindaco di Torino. E pare che anche nel mondo universitario ci siano molte personalità che la pensano così. I pentastellati sono oramai un ologramma.  Destra e sinistra se la giocheranno. Magari vince il meno indeciso dei  due.
Patrizio Tosetto

La rubrica della domenica di Pier Franco Quaglieni

in Cosa succede in città/Rubriche

Salvini e il liberalismo – Le divisioni autonome della Resistenza – Il liberalismo di Mario Vargas Llosa e la crisi italiana -Lettere

Salvini e il liberalismo
E’ ricomparso protagonista l’ex presidente del Senato Marcello Pera, liberale doc,che richiama Salvini ai valori del liberalismo e del realismo. Senza stare in Europa non si può pensare di governare in Italia e senza rifiutare radicalmente il populismo non si può pensare di creare una coalizione di centro- destra che possa vincere le elezioni. Che Salvini pretenda di essere il leader della coalizione e il leader della Lega contemporaneamente, senza smussare gli angoli, appare un’utopia. Salvini è un liberista, non è un liberale. E non è neppure un liberista vero perché ha votato provvedimenti assistenzialisti come il reddito di cittadinanza. Il suo è un movimento protestatario che non riesce ad avere una linea politica di governo. Anche all’epoca di Berlusconi premier era così. Solo Berlusconi, bene o male, riuscì a creare una coalizione vincente. Non fu però coesa e i risultati non vennero. La Rivoluzione liberale non si realizzò e il partito liberale di massa fu un semplice slogan. E’ impossibile pensare a Salvini come ad un leader liberale in Italia e in Europa . L’elettorato liberale e moderato rischia di non avere rappresentanza perché Forza Italia rischia di sparire.
Le Divisioni Autonome nella Resistenza
E’ uscito un libro che traccia la storia delle Divisioni Autonome nella Resistenza.  Una pagina dimenticata perché la Resistenza cattolica, liberale, moderata è stata cancellata dalla storiografia ufficiale e dalla realtà. La Federazione Italiana Volontari della Libertà è morente, guidata in modo improvvido da capi non all’altezza del compito loro affidato, ha consentito che venisse dimenticato un grande patrimonio di storia. Pensiamo in Piemonte ad Enrico Martini Mauri e alle sue Divisioni Alpine composte da diecimila uomini. E’ merito di Tommaso Piffer l’aver proposto in un libro edito da Marsilio le pagine eroiche scritte dagli Autonomi che ingiustamente vennero considerati in modo dispregiativo “badogliani”. Pensiamo , ad esempio, all’”Osoppo” ed alla sua storia tragica e gloriosa che ebbe contemporaneamente come suoi nemici i nazifascisti e i partigiani comunisti. Una storia della Resistenza che dia il giusto spazio agli autonomi non è ancora stata scritta . La colpa principale va individuata nella FIVL che non è stata capace di tramandare il suo passato che si richiama ai nomi di Cadorna e di Mattei . Già quando venne guidata da Taviani , essa deragliò, ritenendo l’ estremismo neo – fascista più pericoloso di quello rosso. Una vera bestialità affermata da Taviani, Ministro dell’Interno. Ho conosciuto da vicino la FIVL che via via si è appiattita sull’ ANPI. L’ unico uomo capace e deciso fu il vice       presidente nazionale Lelio Speranza, un uomo di Mauri. Morto lui , è stato l’inizio della fine.
.
Il liberalismo di Mario Vargas Llosa e la crisi italiana
  Malgrado abbia avuto il Premio Nobel , non tutti ,almeno in Italia, sanno che il
peruviano Vargas Llosa è un pensatore liberale .Una rara avis nell’ America Latina dominata da preti guerriglieri , dittature militari , peronismo  demagogico e cattolicesimo sociale e socialisteggiante . Il
pensiero di Vargas Llosa si bass sulla proprietà privata e sullo Stato di diritto come fondamenti della libertà e della democrazia  . Una posizione einaudiana . Vargas Llosa scrive anche che la democrazia senza lo sviluppo
economico dura poco.
La povertà ,la disoccupazione e l’emarginazione assottigliano il
sostegno popolare della democrazia . Parole che potrebbero rivelarsi molto attuali anche nell’Italia di oggi piegata dalla pandemia e dalla crisi economica . Cosa succederà a gennaio in Italia potrebbe essere molto traumatico per le già traballanti istituzioni democratiche che hanno perso molto della loro credibilità . E l’idea di intaccare la proprietà privata attraverso una  patrimoniale  non è più un’idea della sola CGIL .
Potrebbe profilarsi un regime populista  e pauperista   che renderebbe l’Italia la vera cenerentola dell’ Europa , anzi la farebbe uscire di fatto dall’alveo europeo . Un regime di assistiti e di disoccupati in cui l’iniziativa privata , messa a terra dalla pandemia , non verrà favorita , ma paralizzata dalla buracrazia e dal potere sordo delle sinistre al comando  prevalentemente in virtù del virus che ci sta uccidendo come cittadini e come uomini .

Lettere  scrivere a quaglieni@gmail.com

 Covid e misericordia divina
  Siamo in una situazione drammatica, aumentano gli infetti e i morti ogni giorni. Cosa ne pensa ?   Gabriella de Giuli.   
 La colpa è dei tanti che nel corso dell’estate hanno fatto di tutto per far aumentare il contagio. Dalle movide ai soggiorni all’estero. Inoltre, Governo e Regioni hanno fatto ben poco per predisporre il Paese alla seconda ondata. Sono passati mesi senza la dovuta attenzione e la necessaria iniziativa volta ad affrontare in condizioni migliori la pandemia. Neppure i trasporti sono stati potenziati malgrado la riapertura – caotica – delle scuole .Le varie movide le stanno bloccando tardivamente solo in questi giorni con ritardi pazzeschi .La Sanità pubblica non ha fatto nulla per potenziarsi, perdendo mesi preziosi. L’unica nostra vera speranza è la misericordia di Dio che ci liberi da questo flagello. Quasi nessuno invita a pregare . Un cosa che farà sorridere i non credenti , ma che durante le grandi epidemie del passato diede forza ai nostri antenati . Oggi anche la fede in Dio appare fragile, malgrado i tempi difficili e i conforti che può dare la  fede . C’è anche chi bestemmia Dio come causa della pandemia. Molti si dicono fatalisti e mettono malvolentieri anche le mascherine . Davvero la pandemia sta rivelando il volto peggiore e più stupido dell’ umanità .

La rinuncia di Chiara
Appendino non si ricandiderà. Cosa ne pensa ?   Per me è una bellissima notizia.   Giovanni Forneron

.

Anche per me perché come sindaco di Torino Appendino è stata fallimentare e gravemente dannosa per la città. Non ricandidandosi  si sottrae al giudizio degli elettori, ma facilita un accordo tra grillini e Pd a Torino. Un vero e proprio inciucio che va  denunciato con fermezza. E magari, in futuro,  potremmo vedere Appendino ministro in un Conte ter.

Piemonte, Fornaro e Grimaldi: “più ascolto e collaborazione per evitare nuovi lockdown”

in POLITICA

“La Regione deve rendere pubblico il piano per scongiurare nuove chiusure e allontanare il poco invidiabile primato di essere tra le primissime regioni per nuovi contagi, nonostante un numero di tamponi giornalieri inferiore alle altre che ci precedono” – dichiarano Federico Fornaro, capogruppo di Liberi Uguali alla Camera e Marco Grimaldi, capogruppo di Liberi Uguali Verdi in Piemonte.

Per invertire la rotta, la Giunta regionale apra maggiormente alla collaborazione istituzionale e alla trasparenza nelle informazioni: è necessario un più concreto coinvolgimento dei Sindaci – puntualizza Fornaro – che anche in questa situazione di emergenza rappresentano un insostituibile punto di riferimento sul territorio per i cittadini”.

“Da settimane chiediamo alla Giunta di fronteggiare diversamente la seconda ondata – attacca Grimaldi – Aprite gli occhi! Bisogna far tesoro degli errori del passato e soprattutto ascoltate i nostri operatori, chi lavora nei Sisp, chi fa i doppi turni nei nostri laboratori, che è l’unica vera possibilità di battere il Covid e scongiurare nuove chiusure”. 

“Senza polemica, sarebbe di grande utilità che la Regione rispondesse a queste semplici domande. Quante sono le Usca funzionanti al 100% in Piemonte? Quanti giorni passano mediamente tra la richiesta del medico di base e l’avvenuto tampone? Perché alcuni laboratori sono già saturi e il processamento dei tamponi va così a rilento?” – chiedono Fornaro e Grimaldi.

Napoli (Fi): “Covid, tra Stato e Regioni siamo al fai da te”

in POLITICA

Riceviamo e pubblichiamo un intervento dell’on. Osvaldo Napoli, del direttivo di Forza Italia alla Camera:

     Se il presidente della Campania Vincenzo De Luca ha deciso di chiudere le scuole per due settimane, la presidente dell’Umbria Donatella Tesei sta valutando se tornare, almeno per le scuole superiori, alla didattica a distanza, che è come dire se non è zuppa è pan bagnato. Sempre in Umbria si pensa a misure ulteriormente restrittive per gli eventi sportivi. Stasera o domani il presidente della Lombardia, sentiti i sindaci dei capoluoghi di provincia, emetterà un’ordinanza con nuove misure di contrasto alla pandemia.

     Il coordinamento fra Stato e Regioni rimane un nodo irrisolto, eppure decisivo, nel contrasto al Covid. Non sono tentato dal centralismo francese, che consente al presidente della Repubblica Emanuel Macron di annunciare il lockdown in alcune grandi città, però viene da chiedersi se procedendo le Regioni in ordine sparso sulla base della diffusione del contagio non si corra il rischio di ritrovarci da qui a qualche settimana con le chiusure interregionali. Che sarebbe poi un lockdown locale con inevitabili ricadute nazionali. Ogni Regione dispone di un Comitato tecnico-scientifico, così come il governo centrale. Mi chiedo se tutti questi Comitati siano in costante collegamento fra loro così come lo è il governo con i presidenti di Regione. Fare presto e bene significa anche avere un’architettura istituzionale ben oliata nelle sue procedure  e nel meccanismo di funzionamento. Il rischio incombente è il fai-da-te che non mette nessuno al sicuro ma tutti a rischio.

Esenzione D99, Grimaldi (LUV): “fermiamo il calvario burocratico delle donne”

in POLITICA

“Il servizio sanitario regionale riconosca il loro diritto alle cure”.

“Francesca è un nome di fantasia, ma la lettera è vera” – denuncia Marco Grimaldi, capogruppo di Liberi Uguali Verdi – “ed è solo l’ultima delle decine di segnalazioni che mi arrivano in merito alle difficoltà ad accedere all’esenzione delle donne a rischio di tumore al seno e alle ovaie e dopo che mi sono occupato della vicenda in più di un’occasione, l’ultima nel novembre scorso, quasi un anno fa. Sono infatti migliaia le donne piemontesi che si vedono ancora negato il loro diritto a una corretta prevenzione” – prosegue Grimaldi – “e questo nonostante una delibera della Giunta Chiamparino stabilisce l’esenzione, attivabile con il codice D99, per gli esami di prevenzione tumorale nelle donne affette dalla mutazione ereditaria del gene Brca 1 e Brca 2”.

“Oltre alla storia di Francesca – prosegue Grimaldi – c’è quella di Carla (altro nome di fantasia), la quale si rivolge alle Molinette per accedere al servizio e le viene risposto come nel servizio delle ‘Breast Unit’ vengono prese in carico solo le pazienti in attesa di intervento mentre nel Percorso di Prevenzione Serena vengano effettuate solo le ecografie mammarie; e questo nonostante quello sia espressamente indicato come centro di riferimento per l’esenzione D99. È un calvario senza fine quello che devono affrontare Francesca, Carla e altre circa 1.000 donne che abitano in Piemonte (ma se ne stimano altre mille e i nuovi casi sono circa 180 l’anno) – denuncia Grimaldi – si tratta di persone che rischiano molto più delle altre e che ogni sei mesi devono sottoporsi a regolari visite ed esami”.

“Faccio un appello ai giornali, all’Assessore Icardi ma, soprattutto, ai Direttori delle Asl perché questo non sembra più essere un problema politico. Siamo nel campo dell’organizzazione sanitaria ed è dunque inaccettabile che queste donne debbano intraprendere un percorso costoso e tortuoso per accedere a cure assolutamente necessarie. Ci battevamo perché il loro diritto venisse riconosciuto in tempi normali – conclude Grimaldi – lo facciamo ancora di più oggi perché, dentro la pandemia Covid, queste donne non debbano subire ulteriori stress”.

 

Il Pd in Regione: “Covid, riaprire l’unità di crisi 24 ore su 24”

in POLITICA

I numeri di questi giorni certificano che il sistema è in crisi e che occorre riaprire l’unità di crisi 24 ore su 24.

Gli ospedali necessitano di coordinamento continuo sulla gestione della pandemia e dei ricoveri: tra poche settimane, se il trend non si arresta, saremo in crisi.

La Giunta regionale continua a dichiarare, ancora ieri, una capacità di 15.000 tamponi al giorno. Un numero mai raggiunto fino ad oggi e che pare smentito anche da un documento del DIRMEI del 25 settembre 2020.

In questo documento si fissa a 12.000 l’obiettivo, ancora da raggiungere, precisando che i laboratori del SSR sono capaci di arrivare a 6500 tamponi, se non fosse che per la carenza di reagenti, sempre secondo il DIRMEI, la loro capacità va considerata dimezzata del 50%. Si arriva a 12.000 ricorrendo al privato per 3500 tamponi (convenzionandosi però per 5000) e ai due nuovi laboratori di Novara e La Loggia, che hanno un potenziale di 1000 cadauno mai ancora raggiunto.

Ieri si è toccato il fondo.

Con 5967 tamponi, la metà della Toscana, un terzo dell’Emilia Romagna e un quarto del Veneto, il Piemonte dimostra tutta la sua fragilità. Non è solo il numero assoluto che colpisce, ma anche la straordinaria incidenza di positivi: 499, il 10% sui tamponi effettuati, contro i 339 (2%) dell’Emilia, i 657 del Veneto (3%) e i 575 (5%) della Toscana.

Vuol dire che da noi il virus sta circolando in maniera incontrollata.

D’altronde anche i dati dei ricoveri lo indicano: a pari popolazione e numeri simili di ricoverati in terapia intensiva, il Piemonte ha 562 ricoverati non intensivi, contro i 383 dell’Emilia, i 229 della Toscana e i 271 del Veneto.

C’è poi un altro dato che preoccupa e che l’Assessore dovrebbe spiegare: l’incremento delle persone messe in isolamento domiciliare è inferiore addirittura all’incremento giornaliero delle persone contagiate. Ma se il contact tracing serve a interrompere la catena di trasmissione anche questo dato ci dice che c’è qualcosa che non funziona.

Dalle segnalazioni che riceviamo una risposta è da cercare nei tempi, sempre di più lunghi, tra identificazione di un caso positivo e l’indagine epidemiologica sui suoi contatti stretti.  Molto spesso si arriva alla fine del periodo di quarantena con la conseguenza che il virus ha continuato a girare. Non basta, quindi, potenziare la rete dei laboratori, ma anche la rete del personale sanitario che opera sul territorio. I SISP non sono più in grado di rispondere o di rispondere in tempi ragionevoli.

Martedì ci aspettiamo finalmente un’informativa chiara da parte del Presidente Cirio e dell’Assessore Icardi. Il Consiglio e i cittadini piemontesi, oltre agli annunci, meritano la massima trasparenza.

Domenico Rossi, Vicepresidente Commissione Sanità

Daniele Valle, Coordinatore Gruppo di indagine sul Covid19

La politica al tempo del Covid

in POLITICA

Ironicamente qualcuno da’ dell‘anticapitalista al covid. Decisamente il Covid è quella cosa non immaginata solo 11 mesi fa.

Difficile , se non impossibile conviverci.  Ma non abbiamo alternative. La nostra intelligenza collettiva è messa a dura prova , ma per l’appunto non abbiamo scelta.
Per la prima volta non siamo messi così male. Gli altri paesi, sembrerebbero messi peggio . Il condizionale è d’obbligo. Il virus è decisamente egualitario. Colpisce proprio tutti. Dai potenti ricchi ai poveri . Brutti e belli.
Intelligenti e stipidi. Anziani e giovani. Forse in questo è anti capitale. Sia ad Est come ad ovest come a Nord come al Sud la parola d’ordine è impreparazione. Il vaccino e i piccoli atteggiamenti ci salveranno. Poi ci sono i negazionisti che dimostrano che la mamma degli stupidi è sempre incinta. Ma la pandemia non arresta la politica locale. Chiaretta: “non mi ricandido più”. Ci mancherebbe altro. In questo modo evita una figuraccia assicurata. Fine ingloriosa. Chi vuole essere della partita è Giggino ( Di Maio ) che esorta Zingaretti nel fare l’accordo a Roma. Si’, vogliono salvare la Raggi ma il Presidente della Regione Lazio ( per la cronaca un “certo” Zingaretti) ha già risposto: con la Raggi mai.
A Cucciolo Di Maio non gliene va mai bene una. Pazienza.
Il Pd locale rimanda al mittente  la richiesta di collaborazione. Sulle primarie incombe il covid. Carretta e Furia comunque le vogliono fare intimamente convinti che almeno sulla scelta del candidato Sindaco contano…. qualcosa. Sempre in pol position il Rettore Saracco che , ad oggi , ha un unico limite : è gradito ai pentastellati. In particolare all’ex vice sindaco Montanari che se la ride dopo il forfait  dell’Appendino. Ma altri non mollano. Sicuramente Enzo La Volta scatenato sui social ed anche il senatore Mauro Laus  non molla di un millimetro. A destra , del resto come al solito, si boccheggia. Damilano traccheggia e il Governatore Cirio ha le sue gatte da pelare. Direi una  situazione fluida dove avere certezze è proibito. Nel complicare le cose arriva Carlo Calenda che si vuole candidare a Roma. Diffice per il Pd Romano dirgli di no dopo la stupidaggine di aver fatto fuori Ignazio Marino ora stimato e ( ci dicono ) felice professore medico negli States. In tutto questo il coronavirus non ha prodotto questi fenomeni politici ma li ha decisamente complicati. Vedremo, aggiungendo una sola certezza: i pentastellati  non esistono più. Sono un lontano ricordo.

Patrizio Tosetto

Ruffino (Fi): “Governo impotente, senza Mes torna emergenza”

in POLITICA

Da un lato i ministri Speranza e De Micheli che si affannano alla ricerca di soluzioni credibili per ridurre l’affollamento dei mezzi pubblici, soprattutto nelle aree metropolitane.

Dall’altro lato i governatori, impegnati sullo stesso fronte e, nello stesso tempo, alla ricerca di risorse per potenziare i drive in e incrementare i tamponi giornalieri. Sono due esempi dell’impotenza del governo, prigioniero dei pregiudizi ideologici del M5s anche se la loro minaccia sul governo è un’arma da tempo scarica.

     A questo servirebbero e servono tuttora i soldi del Mes. Perché la destinazione di quei fondi, circa 36 miliardi per l’Italia, è esclusivamente mirata a finanziare le spese per contrastare la diffusione della pandemia e, dunque, al comparto sanitario e a tutti gli investimenti necessari per contrastare il Covid. Compreso il potenziamento del trasporto pubblico locale, l’assunzione di personale sanitario, l’acquisto di termoscanner per scuole, uffici pubblici, aziende private e luoghi di ritrovo pubblico. Le risorse del Mes consentirebbero dunque un potenziamento straordinario della profilassi contro la pandemia. Rifiutarle da parte della maggioranza, sostenuta in questo dall’opposizione di destra, significa condannare gli italiani ad assumersi rischi notevoli. Il presidente Conte e la sua maggioranza, con il rifiuto del Mes, sono indirettamente fra le cause dell’aggravamento della pandemia.

On. Daniela Ruffino, deputata di Forza Italia

Ecco la nuova giunta comunale di Venaria

in BREVI DI CRONACA

Tempi stretti per la presentazione della nuova Giunta comunale.

A poco più di una settimana dal turno di ballottaggio, il sindaco Fabio Giulivi, a capo di una coalizione di centro destra, nella conferenza stampa di oggi, ha presentato la squadra dei suoi assessori.Evidente lo sforzo della nuova amministrazione, per velocizzare al massimo i tempi di composizione della Giunta, ed essere subito operativi. Atto dovuto nei confronti della Città, che dovrà affrontare tanti problemi, a partire dall’emergenza Covid. La Giunta è composta da assessori venariesi, che conoscono il territorio e che si impegnano a portare avanti il programma elettorale presentato alla cittadinanza.

Deleghe del sindaco Fabio Giulivi: Sicurezza – Salute – Personale – Polizia Municipale – Comunicazione – Protezione civile – Città metropolitana di Torino – Associazionismo e volontariato – Partecipate;

Vice Sindaco Gianpaolo Cerrini;

Sistema Educativo, Istruzione, Asili nido, Tutela degli AnimaliPolitiche giovanili, Disabilità e Pari Opportunità: Paola Marchese (Venaria Riparte), docente scuola dell’infanzia e primaria;
Bilancio e TributiFondi strutturali, Economato: Gianpaolo Cerrini (Lega), direttore di banca;
Lavori Pubblici, Viabilità, Piano del Traffico e Parcheggi, Edilizia privata, Urbanistica, Servizi cimiteriali, Patrimonio, Ambiente, Politiche gestione rifiuti, Sostenibilità Energetica: Giuseppe Di Bella (Fratelli d’Italia), imprenditore;
Attività Economiche ed Attività Produttive, Commercio, Lavoro, Turismo, Agricoltura: Monica Federico (Forza Italia), imprenditrice nel campo della ristorazione;
Politiche sociali, Politiche della terza età, Famiglia, Servizi demografici, Elettorale, Trasporti, Sport: Luigi Tinozzi (Unione di Centro), pensionato;
Cultura, Rapporti con la Reggia, Smart City, Servizio transizione al digitale, Arredo Urbano: Marta Santolin (Venaria Riparte), architetto esperta in restauro e processi di valorizzazione culturale;
Manutenzioni, Politiche della Casa, Quartieri e Recupero Periferie: Marco Scavone (Lega), imprenditore edile e artigiano.

Il prossimo passo istituzionale sarà il Consiglio comunale, in programma lunedì 19 ottobre 2020 alle ore 18:00 al Teatro della Concordia, in corso Puccini sn, in cui per la prima volta si riunirà la nuova assemblea consigliare della Città di Venaria Reale.

1 2 3 77
Da qui si Torna su