Scommettere sull’Italia: l’avvio di un’attività a Torino come immigrato argentino - Il Torinese

Scommettere sull’Italia: l’avvio di un’attività a Torino come immigrato argentino

 

Una famiglia Italo-Argentina intrapendente,una storia di successo. Intraprendere a Torino con un prodotto argentino.

German è arrivato con i suoi genitori per la prima volta in Italia nel 1990 da bambino, per ambizioni lavorative del padre, all’epoca un giovane ingegnere. Dopo quattro anni nel frusinate, suo papà viene trasferito a Torino, città dove la famiglia trova una seconda casa e una nuova vita. Le tradizioni argentine però non si perdono mai, il mate quotidiano, le domeniche mattina ad ascoltare musica folklorica (il padre è oriundo di Misiones, nord dell’Argentina) ma soprattutto le Empanadas che la mamma di German prepara secondo la ricetta familiare trasmessale dalla sua bisnonna. Passano dieci anni nella prima capitale italiana fin quando, per via della nostalgia, decidono di provare a rientrare in Argentina.

Ma l’Argentina come si sa, vive periodi di difficoltà economica e non solo. Rientrati tra il 2004 e il 2005, con il paese sudamericano appena uscito dalla famosa e tragica crisi del 2001, i genitori del ragazzo faticano a trovare lavoro stabile nei rispettivi campi. Tutto questo, sommato all’inflazione sempre in crescita e alla delinquenza quasi fuori controllo fa sì che, nel 2014, dopo un incidente stradale in cui la mamma vieni investita mentre passava sulle strisce pedonali e si salvi per miracolo, decidano di trasferirsi definitivamente e nuovamente a Torino.

È proprio mentre si riprende da questo incidente che la mamma si appassiona ancora di più alla cucina e che German dice alla mamma che le sue Empanadas erano troppo buone per non farle conoscere al mondo. Comincia così, poco prima del rientro, l’elaborazione da parte del ragazzo di un business plan che, una volta a Torino, viene presentato a diverse persone, ong e banche al fine di ottenere un prestito per aprire un negozio. I rifiuti di chi non crede nel progetto si susseguono durante un paio d’anni finchè, la Cooperativa Raggio, alla ricerca di un progetto del quartiere da “sponsorizzare”, affida per alcune ore la cucina del bar della Cascina Roccafranca a Griselda, la mamma di German. In questa cucina del quartiere torinese di Mirafiori Nord le Empanadas cominciano poco a poco a farsi conosciute nella zona della Circoscrizione 2 grazie agli apericena in cascina e grazie al fatto che vengono vendute alle milongas (i posti in cui si balla tango) nei weekend.

Finalmente, nel 2018 e tramite l’appoggio dell’Ufficio Pio e di Banca Etica, la famiglia riceve l’ok per quanto riguarda il business plan ed il prestito per aprire un negozio dedicato alle Empanadas, la specialità di street food per eccellenza dell’Argentina.

Il 9 luglio 2019, in coincidenza con il giorno dell’Indipendenza Argentina, Alpi Empanadas apre le sue porte in Corso Peschiera 198b e nonostante una pandemia ed una crisi economica ancora in atto, le Empanadas della famiglia di German e Griselda, preparate con carne di angus argentino e prodotti da contadini locali e a km0, continuano a conquistare non solo le tavole dei torinesi ma anche quelle di tanti che vengono da fuori per assaggiarle o di chi decide di farsele spedire in altre regioni d’Italia.

La perseveranza e la voglia di intraprendere di questo ragazzo immigrato dall’Argentina e della sua famiglia sono senza dubbio un esempio di come l’immigrazione può diventare una ricchezza per tutto il territorio.

Bernardita Feldman 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Donna sorpresa a rubare al supermercato: arrestata

Articolo Successivo

Focus Covid, la situazione a Torino e in Piemonte

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta