Il Teatro Carignano punta sul risparmio energetico grazie ai fondi europei - Il Torinese

Il Teatro Carignano punta sul risparmio energetico grazie ai fondi europei

FINANZIATI DAL MINISTERO DELLA CULTURA CON OLTRE 1 MILIONE DI EURO
DI FONDI NEXT GENERATION EU I PROGETTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO
DEL TEATRO CARIGNANO, TEATRO GOBETTI E FONDERIE LIMONE

Sono stati pubblicati sul sito del Ministero della Cultura gli esiti dell’avviso pubblico per interventi di ecoefficienza e riduzione dei consumi energetici nelle sale teatrali italiane, sostenuto con i fondi europei di Next Generation EU.

Collocandosi per punteggio al 3°, 12° e 13° posto su 348 progetti finanziati, vengono premiati con un contributo a fondo perduto pari complessivamente a 1.014.662 euro tutti e tre gli interventi presentati dal Teatro Stabile di Torino che interesseranno le sale direttamente gestite: Teatro Gobetti, Teatro Carignano e Fonderie Limone di Moncalieri. Tale somma coprirà l’80% dei costi previsti.

I progetti, predisposti e coordinati dal Responsabile dell’Area tecnica dello Stabile, l’ing. Silvano Catufa, prevedono tra l’altro l’istallazione di impianti fotovoltaici per un totale di 90 kW di potenza, la realizzazione di impianti di generazione calore di tipo ibrido, combinando nuove pompe di calore con rinnovate caldaie, l’implementazione e miglioramento dei sistemi di monitoraggio dei consumi e di controllo della climatizzazione, l’esecuzione di interventi di isolamento termico, quale la realizzazione di una bussola all’ingresso del Teatro Carignano, la sostituzione dei sistemi di illuminazione, sia di tipo civile che di scena, con apparati led. Tali interventi porteranno a una riduzione dei consumi di gas naturale pari a circa il 75 %, interventi che associati all’utilizzo di energia elettrica da fonti certificate 100 % rinnovabili consentiranno una netta riduzione dell’impronta di carbonio degli spazi.

Particolare soddisfazione viene espressa dai vertici del Teatro: «In una fase critica nella quale la crisi energetica e l’emergenza climatica impattano pesantemente anche sulla nostra attività, è provvidenziale l’intervento dell’Unione Europea e dello Stato per promuovere la sostenibilità dei luoghi di spettacolo – dichiarano il Presidente Lamberto Vallarino Gancia e il direttore Filippo Fonsatti. Per quanto riguarda i nostri teatri, gli interventi garantiranno un apprezzabile abbattimento delle emissioni di anidride carbonica, un sensibile risparmio sui costi delle forniture e non ultimo un miglioramento del comfort per i lavoratori e gli spettatori. Inoltre – concludono Vallarino Gancia e Fonsatti – tali azioni ci consentono di accelerare il processo di transizione green, di allinearci con gli SDG’s dell’Agenda Onu 2030 e di essere coerenti con il nostro Codice Etico».

Infine Fonsatti esprime grande soddisfazione personale anche come Presidente del Conservatorio G. Verdi di Torino, che ha presentato un project financing con Iren per l’efficientamento energetico della Sala concerti di piazza Bodoni, collocandosi al 20° posto e aggiudicandosi un contributo di 400 mila euro.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Tav: Gariglio (Pd), risorse da UE, ma non precludersi i finanziamenti delle tratte nazionali

Articolo Successivo

Ragazzina travolta da un’auto

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta