Piemonte-Blonde d’Aquitaine, un matrimonio gastronomico che funziona

In attesa che le istituzioni piemontesi e torinesi inizino, con l’immancabile calma, a comprendere le opportunità per il territorio subalpino legate al teorico nuovo patto italo francese, i privati non rimangono fermi ad aspettare.

Anche perché, in molti casi, i rapporti transfrontalieri sono millenari, in altri plurisecolari, altri ancora più recenti ma consolidati. Come nel caso della Blonde d’Aquitaine, che non è una ragazza occitana ma la razza di una vacca originaria del Sud Ovest della Francia che ha cominciato ad essere allevata in Piemonte a partire dalla seconda metà del 900.

Continua a leggere:

Piemonte-Blonde d’Aquitaine, un matrimonio gastronomico che funziona

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Parla Bussalino presidente della Provincia di Alessandria

Articolo Successivo

Controlli della Polizia a Barriera Milano

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA