Pandemia, errori e responsabilità di una difficile gestione

in ECONOMIA E SOCIETA'

Caro Direttore, ho letto con interesse l’articolo  di Pier Franco Quaglieni sul “Torinese” a proposito del ministro della Sanità. Esso pone l’accento sull’esclusione delle farmacie per il piano vaccinale cov e del mancato aggiornamento piano pandemico.

Vorrei aggiungere qualcosa che forse serve a chiarire due aspetti meramente tecnici.
1) la procedura per la vaccinazione covid non sembra neppure a mio parere adatta alle farmacie perchè prevede i seguenti passaggi successivi alla prenotazione nel luogo, giorno e ora precisi.
Chi si presenta deve essere accolto da qualcuno che misura la temperatura e riceve un foglio su cui dichiara di non avere in quel momento determinati sintomi, oltre alle proprie generalità.
In seguito viene registrato da personale che ha accesso ai file con dati sensibili e riceve 6 fogli da compilare (medicine, malattie croniche etc) e due con la spiegazione inerente il suo vaccino che terrà con sé. Tempo di compilazione circa 5′ per me e immagino di più per altre persone meno abituate alla compilazione inerente ad argomenti medici.
Questi fogli vengono quindi riconsegnati e si accede alla vera e propria vaccinazione dove un medico da una letta e chiede dettagli eventualmente , oltre a dare rassicurazioni su ciò che si sta facendo.  L’iniezione richiede 2′ incluso vestirsi e svestirsi. A questo punto si sta in una  sala seduti e distanziati per almeno 15′ in caso si verificasse un evento avverso.
Alla seconda iniezione si riceve un foglio con le proprie generalità, le date di inoculo, il tipo di vaccino, il numero del lotto e della fiala.
Ecco le sembra che tutto ciò sia compatibile con i ritmi di una farmacia? O con la privacy necessaria? O con la sicurezza indispensabile?
Questa descrizione dettagliata deriva dalla mia esperienza e posso dire che questa modalità organizzativa mi ha molto rassicurato alleggerendo quel minimo di ansia verso un evento totalmente nuovo. Altro è se i farmacisti tutti dessero disponibilità per vaccinare insieme a medici, infermieri, ostetriche e financo veterinari!  Sarebbe una grande prova che i volontari di tutte queste categorie fossero divisi in scaglioni per orari e giorni al fine di arrivare alle 400.00 vaccinazioni al giorno (giorno e notte 18 ore).
Il mancato piano pandemico era responsabilità di Guerra. Non del ministro Speranza. La scelta di Arcuri credo sia stata del Governo.
Ha ragione chi sottolinea gli errori commessi fin qui : una bufera del genere non poteva essere gestita senza errori, oltretutto in un Paese gravato da lungaggini burocratiche  e nel quale  si cerca sempre il super uomo capace di toglierci dai guai (vd articolo di Fubini sul Corriere di oggi 22). Perchè i guai sono certo legati alla pandemia, ma sono conseguenza anche di una mentalità diffusa per cui non si lavora di anticipo aggiustando le cose che non funzionano in tempo utile per quando arriverà la bufera.
Vale per la rete idrica, per l’erosione, per i vaccini. Negli ultimi anni si sono comperati e buttati milioni di fiale di antiinfluenzale: una delle conseguenze dell’ignoranza diffusa in medicina come in ogni campo scientifico. Ma la TV di stato parla d’altro!
Onestamente tutti noi avremmo fatto errori con l’arrivo della pandemia e in questi casi le cose in parte si aggiustano in corsa: ora c’è un gruppo ben affiatato e credo una catena di comando che è in opera da un anno. Veramente ci sentiamo di dire che cambiando adesso le persone di questa catena  avremmo maggiori garanzie? Non lo so.
Condivido molte delle sue critiche sulle Regioni e sui linguacciuti. Lavorare e non parlare. Lo sottoscrivo.
Quello che non mi sarei aspettato da un liberale, però, è attaccare un ministro con parole che fanno riferimento alla sua provenienza e alla piccolezza del suo partito oltre che del suo atteggiamento di “piccolo, grigio funzionario lucano di un partitino”.
Speranza può esserci antipatico, lui e il suo partito, ma va criticato sulle singole cose malfatte di cui è responsabile. Ricordandoci di esplicitare sempre per ciascuna una possibile  soluzione .

Sandra Chiodi 

Recenti: ECONOMIA E SOCIETA'

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su