Georges Mikhael, parola d’ordine: locale e globale

in ECONOMIA E SOCIETA'

Locale e globale. E’ la parola d’ordine delle nuove sfide di Georges Mikhael, l’imprenditore di origine libanese ma piemontese nel cuore che ha scelto Torino come capitale delle sue aziende.

 

Mikhael non è nuovo al gusto dell’avventura imprenditoriale. Anni fa ha strappato al fallimento la Defendini, marchio storico sotto la Mole, che ha rilanciato al punto di farne un protagonista della logistica e insieme ha firmato il progetto del grande e ipertecnologico elettrodotto tra Francia e Italia attraverso la ValSusa capace di contribuire a abbattere il rischio di black out a cavallo delle Alpi. Oggi è pronto per una nuova impresa.

Mikhael ci vuole spiegare il senso della sua nuova parola d’ordine <be local to be global>?

Dietro lo slogan si nasconde una grande ambizione: far diventare i prodotti del territorio protagonisti del mercato globale. E’ una filosofia che credo rivoluzionerà il mercato e per una volta non partirà dai grandi operatori ma dalle piccole realtà territoriali. Per dare corpo e anima al progetto utilizzereremo una società che si chiama Sum (servizi ultimo miglio) che ho fondato nel 2017 per fare delivery dei principali operatori di e commerce.

E come trasformerà Sum?

Dopo 4 anni di attività caratterizzata da una grande perfomance operativa che ci ha visto crescere fino a consegnare 250mila pacchi a settimana grazie a 500 dipendenti io e i miei manager ci siamo resi conto che dovevamo cambiare strada e liberarci gradualmente dell’abbraccio a volte soffocante dei grandi nomi dell’E commerce che sono per loro stessa natura poco o per nulla sensibili alla realtà socio-economica nella quale operano. La nostra riflessione ci ha portato ad allontanarci oggi in modo definitivo dalla gestione fisica delle nostre attività per concentrarci sulla gestione digitale di reti e uomini lanciando varie piattaforme dedicate ai prodotti piemontesi e di quartiere che avranno la caratteristica di rivolgersi a due tipi di cliente, quello che per comodità lessicale viene definito consumatore ed acquista varie tipologie di beni e un altro e non meno importante cliente che è produttore di beni.

Insomma avete deciso di cambiare mestiere?

Penso che non si tratti tanto di cambiare radicalmente mestiere come potrebbe accadere a chi ha sempre fatto il panettiere e poi diventa idraulico. Nel nostro caso direi che si tratta di un’importante evoluzione che ci permetterà di migliorare le prestazioni aziendali che si arricchiranno non solo dal punto di vista meramente economico ma anche sotto il profilo sociale, culturale e di valorizzazione del nostro patrimonio umano. E poi c’è una seconda e importantissima novità.

Di cosa si tratta?

I nostri clienti non saranno solo clienti, ma diventeranno anche nostri partner commerciali realizzando così una simbiosi aziendali dai significativi aspetti sociali che sarà la vera rivoluzione passando dal <anyting everywere> e cioè qualsiasi cosa ovunque , che la ragion d’essere dei grandi players del commercio on line, a <be local to be global> che è l’essenza della nostra filosofia.

Volete far conquistare il mondo alle piccole produzioni?

Esatto. Abbiato iniziato con l’enogastronomia, ormai il vero fiore all’occhiello del Piemonte, ma non intendiamo limitarci solo a quello. Il nostro obiettivo è di proporre ai nostri clienti anche servizi e comodities nel settore energetico e non solo puntando sulle energie alternative e rinnovabili per fare del nostro brand un grande amico dell’ambiente e della qualità di vita. Abbiamo l’ambizione di diventare non solo un grande marchio ma anche uno stile imprenditoriale fortemente impegnato nel sociale e nel favorire lo sviluppo delle comunità nelle quali operiamo. Un abisso ci separa dalle multinazionali dell’e commerce che agiscono nelle economie locali senza valorizzarle e non a caso sono paragonate agli scorpioni che ti usano per attraversare il fiume e quando non servi più ti uccidono>.

Tags:

Recenti: ECONOMIA E SOCIETA'

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su