Sostenibilità e green, quando l’energia è positiva

in ECONOMIA E SOCIETA'

La filiera dell’energia elettrica a servizio dei soci della cooperativa.  Un’idea innovativa realizzata da una start up torinese, Energia positiva, che è diventata una realtà in varie regioni italiane

Energia positiva”. La denominazione stessa suggerisce la filosofia e la mission che sono alla base di questa cooperativa torinese, vale a dire i principi della sostenibilità e del green, attraverso la condivisione della proprietà di impianti di produzione di energia rinnovabile.

La cooperativa spiegano Alberto Gastaldo e Guido Calleri di Salaè  nata nel 2015 ed ha rappresentato la prima start up innovativanel suo genere, capace di offrire ai soci la possibilità di diventare titolari di un impianto virtuale” liberamente scelto. La nostra filosofia, infatti, è incentrata sulla scelta di virtualizzare l’impianto fotovoltaico di cui ciascun socio non riuscirebbe a dotarsi singolarmente, investendo, in qualità di cooperativa, sulla costruzione di impianti  che siano ubicati in prossimità dei nostri soci presenti o potenziali“.

“Diventare soci della cooperativa “Energia positiva ” – spiega Guido Calleri di Sala presenta molteplici vantaggi. Il primo è sicuramente quello di compiere una scelta all’insegna del green e della sostenibilità, offrendo anche al singolo cittadino l’opportunità  di produrre ed utilizzare  energia proveniente esclusivamente da fonti rinnovabili, portando poi a due concreti vantaggi, il primo dei quali è quello della riduzione dei costi delle bollette, il secondo quello del miglioramento dell’ambiente. L’investimento da parte del privato nella cooperativa gli consente di ottenere un risparmio sulla bolletta( proporzionale alle quote sottoscritte) ed un ristorno a fine anno del 5 % del capitale investito”.

“Finora – aggiunge Alberto Gastaldo – la cooperativa ha raccolto un capitale pari a 5 milioni di euro. Sono diciotto gli impianti che abbiamo finora realizzato, di cui due di tipo eolico, un impianto idroelettrico, cinque impianti di efficientamento energetico e dieci impianti fotovoltaici. Gli impianti sono sparsi in tutto il territorio nazionale, in sedici regioni differenti. All’inizio i nostri primi impianti erano concentrati in Piemonte, soprattutto nell’Astigiano, quindi ci siamo orientati anche verso la Lombardia ed il Trentino. Ora stiamo valutando la realizzazione di impianti in altre regioni, tra cui Puglia, Basilicata ed Abruzzo, sempre localizzandoli nelle vicinanze dei soci che hanno aderito o vogliano aderire alla cooperativa”.

“A livello di costi e di metodologia spiega Guido Calleri di Sala – gli impianti fotovoltaici risultano tutti piuttosto simili, anche se al Nord, rispetto al Sud Italia, sono in grado di sfruttare meno energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica consente, infatti, di trasformare l’energia solare in energia elettrica, sfruttando le proprietà del silicio. Produrre energia elettrica da una fonte solare consente di evitare l’emissione di sostanze inquinanti  e nocive per l’ambiente, quali, ad esempio, l’emissione di CO2. L’importanza dell’energia solare si concentra nel fatto che si tratta di una forma di energia pulitaed inesauribile, che non pregiudica le risorse di energia disponibiliper le generazioni future

“L’unico elemento vincolante – spiega Alberto Gastaldo – per poter aderire alla cooperativa e diventarne soci è essere in possesso di una bolletta. Al momento dell’adesione alla cooperativa il socio verrà assistito nel cambiamento del contratto ed avrà quale fornitore di energia, a condizioni tariffarie vantaggiose, Dolomiti Energia”. Le bollette verranno domiciliate sul conto corrente della cooperativa.Alla fine dell’anno il nostro socio godrà, così, di uno sgravio nel peso della bolletta.

Nel corso dello scorso anno – conclude Guido Calleri di Sala la cooperativa “Energia positiva” ha ottenuto una raccolta di quote e sottoscrizioni pari alla risultante della somma di quelle dei due anni antecedenti (2017+2018).

Quest’anno, nei primi due mesi, sono state raccolte sottoscrizioni pari al doppio di quelle raccolte nello stesso periodo dello scorso anno. Purtroppo la comparsa dell’emergenza Covid 19 ha rappresentato una battuta non tanto di arresto, ma di decelerazionenella raccolta delle sottoscrizioni dei soci, anche perché i fornitori nel settore energia hanno subito una flessione.  In Italia, a differenza di Paesi come Francia ed Inghilterra,  in cui sono stati dati incentivi nel settore energetico, ciò non è ancora avvenuto.

 

Mara Martellotta

Tags:

Recenti: ECONOMIA E SOCIETA'

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su