Emergenza sanitaria e immigrati - Il Torinese

Emergenza sanitaria e immigrati

IL COMMENTO  di Pier Franco Quaglieni / A pag.15 del numero del 14 aprile de “La Stampa” è comparso questo  titolo: “Porti chiusi, ma i migranti sbarcano in Sicilia”. Nel sottotitolo si richiama il divieto a sbarcare a causa dell’emergenza sanitaria. La notizia è passata quasi inavvertitamente, surclassata da quelle legate al Coronavirus anche se in effetti è una notizia allarmante proprio in rapporto alla pandemia perché i  divieti valgono per gli italiani  ma sembra non siano applicati agli immigrati 

Già oltre un mese fa, chi scrive  mise in evidenza il problema dei senza tetto e degli immigrati irregolari a cui risultava difficile imporre di stare a casa .Nella pagina del giornale c’è con ampio risalto anche una intervista all’ex ministro Andrea Riccardi, fondatore della comunità di Sant’Egidio, in cui il guru dell’accoglienza ad ogni costo giunge ad affermare : “Regolarizziamo subito tutti gli stranieri.
Così evitiamo il contagio tra gli Invisibili”. Ius soli e ius culturae, malgrado gli strenui tentativi di questi anni, non sono passati in Parlamento  e nessuno in epoca di pandemia aveva ancora pensato di ricorrere proprio ad essa per per una sanatoria di oltre 600mila irregolari che così non sarebbero più causa o vittime di contagio. Un ragionamento davvero assurdo in tempi terribili come quelli in cui viviamo nei quali  Stato e Regioni non riescono a tutelare la salute dei cittadini italiani . Ma Andrea Riccardi va oltre, sostenendo che di questi irregolari c’è bisogno per le attività nelle campagne e per l’assistenza agli anziani, aggiungendo una osservazione che fa rabbrividire : “La sanatoria non rischia di attirare altri arrivi perché le frontiere sono chiuse”. L’ esempio siciliano di 250 immigrati di una ONG,  raccontato in quella stessa pagina ,dimostra in modo eclatante la non rispondenza al vero di quanto dice Riccardi. Una regolarizzazione di massa avrebbe in primis l’effetto di un tam tam distrutttivo. Posso capire le ragioni umanitarie che stanno alla base del ragionamento  di Riccardi, ma non risulta accettabile in questo momento sfruttare un’emergenza che sta devastandoci, per ottenere un provvedimento che in tempi normali non ebbe l’avvallo dalle forze politiche della maggioranza parlamentare che oggi  regge il Governo. Aggiungere un altro problema in più a quelli che abbiamo non appare una scelta di buon senso. L’etica della responsabilità deve per uno Stato prevalere sull’etica dei principi che può riguardare le coscienze individuali.  E andrebbe anche ricordato alle ONG l’inopportunità di ulteriormente gravare sull’ Italia in un momento in cui sono gli Italiani ad essere in pericolo di vita e l’emergenza riguarda noi. Sono sempre stato contro la strumentalizzazione grossolana in chiave leghista di un problema difficile e serio come quello dell’immigrazione. Accogliere significa però  essere in grado di integrare , ma l’Italia di oggi è alle prese con ben altri problemi  e non può garantire nessuna accoglienza. Secondo Riccardi,  in ultima analisi, gli  immigrati  andrebbero regolarizzati perché  “non è possibile rimpatriarli”, giungendo persino a sostenere che i regolarizzati potrebbero essere utili per l’assistenza agli anziani, visto quanto è accaduto nelle case di riposo a causa del Coronavirus. In tempi di restrizione delle libertà costituzionali per i cittadini occorre che anche all’immigrazione vengano applicate norme restrittive e non provvedimenti  permissivi e buonisti che apparirebbero agli occhi della stragrande maggioranza dei cittadini del tutto ingiustificati. In tempi di pestilenza i santi come Fra Cristoforo scelsero di porsi al servizio degli altri, sacrificando la propria vita nel lazzaretto di Milano. E’  a quegli esempi che il mondo cristiano dovrebbe guardare anche oggi.
Scrivere a quaglieni@gmail.com

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Nuoto, l’impatto dell’emergenza coronavirus

Articolo Successivo

Dalla Polonia succhi e confetture biologiche alle Molinette

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA