Finanza e risparmi ai tempi del coronavirus

in ECONOMIA E SOCIETA'

Molti amici, preoccupati per i crolli delle azioni, mi hanno detto: “Bisognerebbe chiudere la Borsa per evitare altre perdite!”

Provvedimento di una disarmante ingenuità: è come se un malato di polmonite, controllando la temperatura arrivata a 40, provasse a guarire spezzando il termometro…

Non è spezzando il termometro che si guarisce, così come non è chiudendo un mercato finanziario che si risolve una crisi, ma agendo sulle cause, prendendo i provvedimenti giusti, attivandosi per rianimare il “paziente”, non solo iniettando liquidità nel sistema, ma creando opportunità per la crescita del reddito individuale e nazionale
Purtroppo siamo circondati da spezzatori di termometri e non da medici…Il fatto è che di colpo 60 milioni di italiani che discettavano di calcio (siamo tutti potenziali allenatori della nazionale…) si sono trasformati in 60 milioni di medici infettivologi (sappiamo tutto di pandemia, sanificazione, quarantena, ecc.). E naturalmente ci sono anche 60 milioni di economisti che pontificano sulle conseguenze dell’infezione sulla produzione mondiale e sulle Borse…

Cerchiamo di fare chiarezza, partendo da alcuni dati di fatto.
Sicuramente l’epidemia mondiale ha conseguenze sul sistema economico, perché riduce molte attività produttive (in primis turismo, viaggi, ristorazione, spettacoli, ma anche fabbriche), riduce il commercio internazionale, fa lievitare i costi del sistema sanitario, aumenta la necessità di sostenere i lavoratori che rischiano di perdere il lavoro.
Tutti gli esperti prevedono che il PIL mondiale si ridurrà, soprattutto a causa della Cina che potrebbe perdere almeno due punti di crescita; e siccome il colosso asiatico pesa per il 20% del PIL mondiale, l’effetto si preannuncia pesante. L’Europa soffrirà più di Cina o Stati Uniti, perché non ha un sistema coordinato d’interventi; e l’Italia soffrirà ancor di più perché ha un’economia che da anni stenta a crescere.

Ciò premesso, cosa fare per fronteggiare il rischio di un disastro finanziario?
Il governo ha approvato un piano da 25 miliardi che prevede vari interventi “tampone” (sospensione del pagamento dei mutui, delle bollette, delle imposte, cassa integrazione in deroga, ecc.), il tutto finanziato con “flessibilità di bilancio”; il che significa che vedremo aumentare il nostro già elevatissimo debito. A questo punto s’impone una riflessione che porta ad una proposta innovativa che andrebbe valutata. Indebitarsi per chiudere le falle del sistema produttivo non è la soluzione migliore per un Paese che, di debiti, ne ha fin sopra i capelli: è come chiedere un prestito ad una banca per pagare le rate di un mutuo ottenuto da un’altra banca. Se si assume un debito bisogna avere le risorse per rimborsarlo (pagando non solo gli interessi ma anche il capitale, altrimenti si maschera un’insolvenza!), ed oggi l’Italia non ha risorse perché non produce abbastanza ricchezza. Non basta indennizzare (con soldi pubblici) famiglie ed imprese, occorre creare reddito, creare occupazione (bene il progetto di opere pubbliche, sperando che non rimanga sulla carta…) e ridurre i debiti.

Facciamo uno sforzo di fantasia: lanciamo un “BTP Italia perpetuo” sollecitando tutti i risparmiatori ed investitori istituzionali italiani e stranieri a sottoscrivere titoli pubblici privi di scadenza (sul modello dei prestiti lanciati dopo la grande crisi del 1929, che hanno contribuito efficacemente a raccogliere soldi senza vincolo di restituzione).
Un prestito che offra una bella cedola del 3% (che, beneficiando dell’aliquota agevolata riservata ai titoli di Stato, sconta un’imposta del solo 12,50%) in eterno. Una bella rendita che potrebbe interessare sia ai privati per integrare la pensione, sia agli investitori istituzionali, specie le compagnie assicurative (che hanno necessità di garantire ai clienti le prestazioni delle polizze sulla vita).
I titoli, essendo quotati in Borsa, consentirebbero ampia possibilità a chi necessitasse del capitale, di venderli ricuperando l’investimento; con una cedola del 3% non esisterebbero problemi di avere quotazioni penalizzate.

Benefici per i risparmiatori: investire in titoli sicuri, con un buon reddito, facilmente liquidabili, esenti da imposta di successione e con tassazione ridotta.
Benefici per lo Stato: raccogliere capitali senza obbligo di restituzione, alleggerendo il peso del debito ed impegnandosi solo al pagamento degli interessi.
Alcuni esperti hanno calcolato che, per l’emergenza, occorrerebbero 100 miliardi: vogliamo provare, per sei mesi, ad emettere 5 miliardi al mese di questo “BTP Italia perpetuo”, facendo leva su un po’ di sano “patriottismo finanziario”? Anziché elemosinare la “flessibilità” (che pagheremo cara), conquistiamo l’indipendenza finanziaria, almeno per le emergenze…
demarketing2008@libero.it

 

Gianluigi De Marchi

Recenti: ECONOMIA E SOCIETA'

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su