Lavoratori in nero nelle aziende agricole

in BREVI DI CRONACA

I Carabinieri della Stazione di Villanova d’Asti, unitamente a personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Asti, nell’ambito di servizio finalizzato all’accertamento della regolarità dei lavoratori stagionali impiegati presso le aziende agricole del territorio, hanno eseguito vari controlli presso le suddette attività

Segnatamente, in Villanova d’Asti, presso un’ azienda agricola specializzata nella produzione di ortaggi in campo aperto, sono state riscontrate gravi irregolarità. Dei 19 lavoratori, quasi tutti extracomunitari di origine africana, regolarmente presenti in Italia, ne risultavano 10 “in nero” e tutti gli altri avevano giornalmente lavorato per un monte ore superiore a quello previsto dal contratto.

Da un controllo più approfondito si è appurato inoltre che l’imprenditore non aveva provveduto a sottoporre alle dovute visite mediche periodiche i braccianti presso il medico del lavoro.

A seguito di ciò è stata trasmessa un’informativa alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di  Asti per le varie violazioni compiute e sono state inflitte sanzioni per circa 50.000 euro.

Già in passato i Carabinieri del Comando Provinciale di Asti si sono occupati di casi di lavoro in nero. A settembre dello scorso anno la Compagnia Carabinieri di Canelli ha effettuato controlli a tappeto a caccia di lavoratori senza contratto, impiegati nei vigneti delle aziende agricole. Riscontrando, anche in questo caso, numerose irregolarità.

Grazie alla sinergia consolidata tra i Carabinieri del Comando Provinciale di Asti e l’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Asti verranno pianificati ulteriori iniziative a tutela delle condizioni lavorative e delle norme che regolano i rapporti di lavoro, in particolare nei periodi potenzialmente più critici in cui il territorio attrae un grosso numero di lavoratori stagionali quali la vendemmia.

M.Iar.