"LE ATTREZZATURE SPORTIVE DEL PARCO DORA SONO IN CATTIVE CONDIZIONI"

in TRIBUNA

I CITTADINI LO SEGNALANO DA TEMPO AL COMUNE DI TORINO. QUANDO SARANNO RIPARATE?

Un’ennesima lettera (che inseriamo in calce a questo messaggio) pervenuta anche al nostro Comitato di cittadini sul problema in oggetto. Lo stato di abbandono delle attrezzature da gioco sotto la tettoia dell’ex capannone di strippaggio del Parco Dora è sotto gli occhi di tutti. E incombe pure il concerto del Kappa Futur Festival che occupa per giorni l’area. E’ un problema che coinvolge le decine di frequentatori del Parco e che abbiamo anche come Comitato segnalato nuovamente agli Uffici del Verde Pubblico della Città.

COMITATO DORA SPINA TRE

www.comitatodoraspina3.it

***

La lettera

Più volte ho segnalato ai vari Enti competenti tramite mail, senza nessuna soluzione, la condizione dei vari campetti al Parco Dora: porte di calcio non più esistenti, niente reti di pallavolo e tennis, canestri di basket sistemati ad altezza diversa causa anche il Kappa festival.

Ad oggi il campo di calcetto risulta essere senza porte di calcio e senza una recinzione che ne delimiti i confini, anche per la sicurezza dei passanti; nel weekend è pieno di ragazzi che ci giocano ma come porte mettono delle borse.

Campi da tennis e pallavolo sono senza reti da anni.

Campo da basket: i tabelloni purtroppo sono stati messi ad altezze diverse; andrebbero regolamentati. L’abbassamento è stato causato dall’appoggio di una cassa durante il Kappa Futur Festival, il cui peso ne ha causato l’abbassamento.

I ragazzi che abitualmente giocano a basket hanno comprato due retine per i canestri; consiglierei di inserire quelle in ferro per evitare che se li portino via.

Tutto questo dovrebbe rientrare nella manutenzione ordinaria.

A chi bisogna rivolgersi per risolvere questo problema?

Il Parco Dora è un bel parco, però mi sembra che si stia abbandonandolo a se stesso.

Cordiali saluti

(segue la firma)

Recenti: TRIBUNA

“Quartiere Pulito”

Riceviamo e pubblichiamo Si chiama “Quartiere Pulito, si ispira a La Via della Felicità di L. Ron  Hubbard ed
Da qui si Torna su