Dall Italia e dal Mondo- Pagina 2

Prenotazione Parcheggio: Risparmia Tempo e Stress. Consigli Efficaci

Informazione promozionale

“Scopri come prenotare il parcheggio in anticipo può farti risparmiare tempo e stress. Consigli pratici e strategie per una sosta senza preoccupazioni.”

Prenotazione del parcheggio: come risparmiare tempo e stress

In un contesto in cui ogni istante ha un valore inestimabile, la corsa contro il tempo e gli altri automobilisti per trovare un parcheggio diventa un’esperienza estenuante. La sfida inizia con la scarsità di spazi disponibili, un problema che coinvolge quasi 40 milioni di veicoli che circolano in Italia. Questa carenza trasforma la ricerca di un posto auto da un’attività ordinaria a un momento di stress e frustrazione, lasciando gli automobilisti a confrontarsi con una situazione spesso logorante.

Fortunatamente, nell’epoca dell’Internet delle Cose, esistono servizi come ParkingMyCar che ci aiutano notevolmente, semplificando in maniera molto importante il processo di individuazione e prenotazione anticipata di parcheggi online.

Perché prenotare il parcheggio

Prenotare il parcheggio non rappresenta soltanto un lusso, ma costituisce una strategia intelligente per risparmiare tempo e stress, evitando la fastidiosa ricerca di uno spazio libero. Assicurarsi il proprio posto in anticipo garantisce la tranquillità di trovare disponibilità al momento dell’arrivo, eliminando l’ansia spesso associata al viaggio verso la destinazione.

In aggiunta, questa pratica consente di avere più tempo per valutare attentamente quale soluzione sia più adatta alle proprie esigenze, considerando la qualità e la varietà dei servizi offerti, nonché gli aspetti economici. Queste applicazioni vanno oltre la semplice prenotazione, trasformandosi in veri assistenti personali che agevolano il raggiungimento della destinazione e forniscono aggiornamenti in tempo reale sullo stato di occupazione dei parcheggi.

Prenotare online è un atto ecologista

Optando per la prenotazione online del parcheggio, si riduce significativamente il tempo trascorso alla ricerca di uno spazio libero, con conseguente riduzione delle emissioni inquinanti e un notevole risparmio di carburante. Questa pratica non solo favorisce il nostro benessere individuale, ma contribuisce anche alla salute del pianeta.

Numerose opzioni di parcheggio

Il nostro percorso verso una prenotazione efficace del parcheggio ci conduce a esplorare diverse tipologie. Che sia per il parcheggio in ambito urbano o per soste presso porti, stazioni dei treni o aeroporti, essenziali per iniziare un viaggio senza imprevisti.

Le opzioni di parcheggio sono molteplici. Alcune aree di sosta, per esempio, offrono un pratico servizio navetta che rende più comodo il viaggio verso il punto desiderato. Altre, invece, offrono comfort dedicati a una clientela VIP o business, come lounge per l’attesa, piccoli spuntini o servizi di manutenzione per l’automobile.

Raccomandazioni per prenotare il giusto parcheggio

Per assicurarsi il posto con il miglior rapporto qualità-prezzo, è essenziale agire con anticipo. Questo non solo aumenta le possibilità di ottenere il parcheggio desiderato, ma consente anche di confrontare prezzi e servizi tra diversi fornitori. È importante considerare anche la stagionalità: periodi turistici, condizioni meteorologiche avverse e eventi rilevanti nella zona possono influenzare notevolmente la competizione per ogni singolo posto auto o moto.

Inoltre, consultare le recensioni è fondamentale. È pratica consolidata tra gli utenti online e, anche in questo contesto, è utile per garantire la qualità del parcheggio. Non da meno, è essenziale valutare la distanza dalla destinazione finale per ottimizzare al massimo il tempo disponibile.

Servizio di parcheggio personalizzato

Oltre alla semplice offerta di parcheggio, alcuni gestori arricchiscono l’esperienza con servizi extra. Opportunità come il lavaggio a mano del veicolo o la disponibilità di colonnine di ricarica per veicoli elettrici costituiscono un valore aggiunto che arricchisce l’offerta standard, rendendo la prenotazione anticipata ancora più allettante.

Considerando le informazioni presentate, prenotare in anticipo il parcheggio si configura come una soluzione pragmatica per affrontare la quotidianità con un vantaggio aggiuntivo.

Coppa Parigi: una grande prova di gruppo del Team Dimensione Nuoto

/

10 motivi per andare a vivere in Spagna

Informazione promozionale

Scopri i 10 motivi più convincenti per trasferirti in Spagna, dall’incantevole clima mediterraneo alle città culturalmente vivaci e una qualità di vita invidiabile.

La Spagna, con il suo fascino mediterraneo, il clima soleggiato e uno stile di vita rilassato, attrae numerosi stranieri in cerca di nuove opportunità e esperienze. Se stai contemplando l’idea di trasferirti in Spagna, è importante valutare attentamente i pro e i contro di questa decisione. Entrambi i paesi condividono una cultura mediterranea, caratterizzata dalla passione, dalla convivialità e dalla gioia di vivere. Trasferirsi in Spagna offre molte opportunità e vantaggi, ma è importante essere consapevoli delle sfide che potrebbero presentarsi. La decisione di vivere in un nuovo paese è personale e richiede una valutazione attenta delle proprie specifiche esigenze.

In questo articolo, esploreremo le ragioni che rendono la Spagna attraente, le sfide che potresti affrontare, e le similitudini e differenze rispetto all’Italia, quando sarai pronto o pronta dovrai poi solo affidarti a Bliss Moving, azienda leader nei traslochi internazionali.

Quali sono i 10 vantaggi di trasferirsi in Spagna

  1. Clima: Il clima mediterraneo della Spagna è uno dei principali attrattori. Lunghe giornate soleggiate e inverni miti sono irresistibili per chi cerca un clima più caldo e un’abbondanza di sole.

  2. Qualità della vita: La mentalità rilassata, i pasti lunghi, la cultura vivace e l’accesso a servizi come il sistema sanitario universale contribuiscono a una buona qualità della vita.

  3. Cibo e bevande: La cucina spagnola è rinomata in tutto il mondo. Tapas, paella, sangria e altre specialità gastronomiche spagnole sono un piacere per i buongustai.

  4. Costo della vita: In molte città spagnole, il costo della vita è più accessibile rispetto ad altre capitali europee, soprattutto per quanto riguarda il cibo e l’alloggio.

  5. Città culturali: Le città spagnole come Barcellona, Madrid, Siviglia e Valencia offrono una vasta gamma di attrazioni culturali, dalle architetture storiche ai musei di fama mondiale.

  6. Spiagge: Le bellissime spiagge della costa spagnola, dalla Costa del Sol alla Costa Brava, offrono acque cristalline e luoghi ideali per rilassarsi o praticare sport acquatici.

  7. Diversità geografica: La Spagna ha una varietà di paesaggi mozzafiato, dalle montagne alle pianure, passando per le coste e le isole, offrendo opportunità per una vasta gamma di attività all’aria aperta.

  8. Opportunità lavorative: Alcune città spagnole, in particolare Madrid e Barcellona, offrono diverse opportunità di lavoro in settori come la tecnologia, il turismo e l’istruzione.

  9. Stile di vita rilassato: La famosa “siesta” e la cultura delle feste e dei festival contribuiscono a uno stile di vita rilassato e alle relazioni sociali.

  10. Prossimità ad altre destinazioni europee: Essere in Spagna offre la possibilità di viaggiare agevolmente in altri paesi europei grazie alla sua vicinanza e alla sua rete di trasporti.

Gli svantaggi di trasferirsi in Spagna

La Spagna, come molte nazioni europee, ha subito le conseguenze della crisi economica. Un tasso di disoccupazione significativo ha caratterizzato questo periodo difficile. Sebbene ci siano segnali di ripresa, è cruciale valutare attentamente l’effetto persistente che questa situazione può avere sull’occupazione e sulle opportunità economiche. La decisione di trasferirsi dovrebbe essere informata da una comprensione approfondita del contesto economico, con una consapevolezza chiara delle sfide che potrebbero derivarne.

Un altro aspetto da considerare è la complessità del sistema burocratico spagnolo. La gestione di pratiche amministrative potrebbe richiedere tempo e pazienza a causa di procedure intricate. Informarsi e prepararsi adeguatamente per navigare attraverso questa sfida è essenziale. Conoscere le procedure e avere una buona comprensione delle pratiche amministrative può semplificare notevolmente il processo di stabilimento in un nuovo paese.

In Spagna, la lingua principale è lo spagnolo, ma ci sono regioni, come la Catalogna, dove vengono parlate lingue diverse come il catalano. La diversità linguistica può rappresentare una sfida per chi cerca di integrarsi completamente nella società spagnola. La consapevolezza di queste sfumature linguistiche è fondamentale per una comunicazione efficace e per favorire una maggiore integrazione sociale. L’apprendimento di lingue aggiuntive può rivelarsi un vantaggio prezioso per superare le barriere linguistiche.

Costo della vita accessibile, ma attenzione ai salari

Sebbene il costo della vita in Spagna possa essere più accessibile rispetto ad alcune nazioni europee, è importante considerare attentamente il livello dei salari e le opportunità economiche disponibili. Alcune professioni potrebbero essere più richieste rispetto ad altre, e una valutazione realistica delle prospettive professionali è fondamentale per garantire una transizione senza intoppi. Una pianificazione finanziaria accurata può aiutare a mitigare le sfide legate al tenore di vita e alle opportunità economiche.

Giubileo sostiene lo sport che dà vita e futuro ai più giovani

Informazione promozionale

L’azienda leader negli onori funebri partner dell’Associazione Sportiva Dilettantistica ‘KL Pertusa’ per far scendere in campo anche i piccoli meno abbienti.

Giubileo, dal 1998 è sinonimo di serietà e attenzione al territorio. Sin dai propri esordi, l’impresa torinese leader nazionale negli onori funebri ha guardato con crescente interesse all’interazione con le realtà meritevoli di supporto che abitano e popolano lo stesso quartiere e la Città di Torino.

La scelta questa volta è caduta sul calcio. Sul gioco del pallone, sport indistintamente amato da grandi e piccini. Ed è proprio a questi ultimi che Giubileo dirige la propria attenzione: perché, oltre che in campo, grazie all’ausilio e alla pratica di una sana disciplina sportiva, possano essere sempre i primi sia in campo che nella vita. Ed è così che nasce la partnership con l’Associazione Sportiva Dilettantistica ‘KL Pertusa’, storica e stimata realtà torinese che annovera ogni anno tra le proprie fila centinaia di giovani. Prendendoli per mano e accompagnandoli lungo un percorso agonistico fatto di valori e serietà.

In un momento di transizione economica complessa quale quello in atto, ove le famiglie sono sempre ahinoi più spesso chiamate a fare i conti con budget sempre più ristretti, anche la quota associativa per garantire un’attività extrascolastica a un bambino può avere il suo peso. Riteniamo pertanto doveroso offrire il nostro sincero contributo a un contesto aggregativo riconosciuto sotto la Mole, al fine di garantire indistintamente ai figli di tutti l’iscrizione alla scuola calcio. Ed è bellissimo vedere in campo bambini di ogni età e nazionalità indossare lo stesso colore: quello dell’armonia, dell’unità e dell’affiatamento sinceri che una medesima maglietta sportiva assicura e garantisce”, esordisce entusiasta Serena Scarafia, Presidente del Cda di ‘Giubileo Srl’.

Le fa eco l’avvocato Emanuele Crozza del Team dell’ASD ‘KL Pertusa’: “Ho avuto modo di visitare i locali dell’impresa funebre più rinomata d’Italia a seguito di un triste evento che mi ha colpito, apprezzandone il tatto e la delicatezza con i quali hanno saputo accogliere me e i miei familiari. Successivamente ho proposto loro di condividere questo nostro progetto rivolto a garantire l’accesso al pallone a quanti più piccoli possibili, senza distinzioni. Tutti i bambini hanno diritto di giocare a calcio senza gravare troppo economicamente sui bilanci dei genitori. Ed è per questo che ringraziamo sentitamente ‘Giubileo Srl’ per la grande generosità profusa a sostegno dell’operazione, senza la quale tutto questo sarebbe rimasto semplicemente un sogno nel cassetto”.

Regali gourmet per Natale: come trovare l’ispirazione​​​​

Informazione promozionale

Il conto alla rovescia per Natale, ormai, è iniziato e a breve si dovrà necessariamente pensare ai regali da fare ai propri cari.

Che siano amici, parenti, fidanzati o genitori, tutti, in qualche modo, hanno qualcuno in mente a cui riservare un pensiero e anche un oggetto materiale.

Di idee da cui trarre spunto ce ne sono davvero tante e certo parte sempre tutto dai gusti e i desideri del destinatario, così come dalla relazione che lega con l’altra persona. In alcuni casi può essere un gesto affettivo, fatto per dimostrare i propri sentimenti, in altri, un atto di riconoscenza, un presente per mostrare la propria considerazione e cortesia.

Qualunque sia il legame tra chi deve fare e ricevere il regalo può comunque succedere di non sapere cosa scegliere. Può essere perché non si conosce abbastanza l’altra persona o perché la si conosce da tanto e ormai sono esaurite le idee originali.

A prescindere da tutto questo, per chi ha bisogno di trovare un qualcosa che possa sempre risultare gradito e un classico che non delude mai, la soluzione può risiedere nei regali gastronomici.

Il regalo gourmet è fatto appositamente per prendere per la gola la persona che lo riceverà e senza dubbio è un pensiero sempre gradito.

Ecco allora qualche idea simpatica e golosa da regalare alle persone del cuore, in occasione del Natale.

 

Calendario dell’Avvento gourmet

 

Il calendario dell’Avvento è un pensiero davvero sfizioso da regalare a chiunque e a prescindere dall’età e dal rapporto che c’è. Questo semplicemente perché esistono davvero tanti tipi di calendari dell’avvento. Di solito, i calendari dell’Avvento sono strutturati per accogliere in tutte le caselle dei giorni tra l’1 e il 25 dicembre un dolcetto o un cioccolatino da scartare e gustare.

Un’idea sfiziosa può quindi essere rappresentata dal calendario dell’avvento Venchi, nota azienda produttrice di cioccolato, che ogni giorno propone una deliziosa e iconica sorpresa.

 

Prodotti del mercato equosolidale

 

Un’altra tendenza molto in voga può essere quella di unire il concetto di solidarietà con quello di regalo natalizio. Esistono molti negozietti specializzati nel mercato equosolidale che vendono prodotti realizzati secondo le migliori regole etiche e sostenibili, nei paesi più svantaggiati, in modo da offrire ai loro abitanti occasioni di sviluppo, attraverso il commercio.

Qui si possono trovare diversi prodotti particolari, derivanti da materie prime del posto e anche particolarmente ricercate, come mandorle, dolci a base di frutta secca, noci di macadamia e tanto altro ancora.

 

Cesto di prodotti tipici

 

Un altro pensiero gourmet molto diffuso in questo periodo, estremamente versatile proprio perché può essere personalizzatoe quindi costruito secondo il proprio gusto personale, è il cesto di prodotti tipici. Dalle ricette tradizionali di un territorio, come dolci natalizi della tradizione, fino a bottiglie di vino, olio, pacchi di pasta, conserve, prodotti da forno, liquori. In questa occasione ci si può davvero sbizzarrire, dando la possibilità a chi lo riceverà di gustare i prodotti tipici della propria zona.​​

Luce e gas, ‘uBroker’: “Tecnologia e visione per creare risparmio e lavoro”

L’azienda rivoluzionaria del comparto luce e gas contribuisce ad azzerare le bollette creando nuove opportunità di impiego, anche per i propri clienti.

‘uBroker Spa’ continua nel proprio percorso di miglioramento della qualità della vita degli italiani. Lo fa in due modi, articolati e complementari. Da un lato, incrementando il risparmio in bolletta, grazie a un rodato meccanismo di fidelity program in grado di azzerarla. Dall’altro, rivelandosi, oltre che una fra le multiutilities companies più vantaggiose attualmente presenti sul mercato, anche un’azienda in grado di erogare sicure e proficue opportunità di lavoro.

Sono moltissimi, infatti, i casi di persone che nel programma ScelgoZero hanno individuato, oltre che una modalità di contenimento costi di luce e gas assolutamente concreta, anche un’occasione professionale allettante, stimolante e performante.

Il progetto Zero, infatti, permette così di unire alla propriaoccupazione, anche una seconda e alternativa fonte di reddito con cui implementare e migliorare il proprio potere d’acquisto e tenore di vita. Già, perché la bolletta, con ‘uBroker Spa’ diventa un punto di partenza nuovo. Una forma di crescita in grado di premiare chi sceglie di mettersi in gioco in prima persona in un contesto fortemente meritocratico, motivante e gratificante. È così che dal 2015 a oggi in ‘uBroker Spa’ hanno fatto ingresso un numero sempre crescente di persone e professionisti che hanno operato una radicale scelta di campo.

Scelte che li hanno portati persino a lasciare routine, mestieri di una vita e carriere ben avviate per fare consapevolmente il proprio ingresso in un mondo in cui formazione, crescita e lealtà sono i valori alla base della realtà che per prima ha rivoluzionato il modo di approcciarsi ai consumi di elettricità e gas.

Studenti, impiegati, dirigenti, quadri e artigiani accomunati tutti dall’aver fatto di ‘uBroker Spa’ il punto di svolta della propria carriera, incrementando soddisfazioni e margini. Persone “normali” che si sono trasformate in figure apicali, raggiungendo traguardi ambiziosi ed economicamente impattanti difficilmente conseguibili in una situazione imprenditoriale tradizionale. Il tutto grazie al valore assoluto della fiducia, che in ‘uBroker Spa’ è la leva principale, insieme alla trasparenza. Principi moltiplicatorigrazie ai quali, oggi, l’impresa fondata dalla coppia di visionari Cristiano Bilucaglia e Fabio Spallanzani ha posto solide radici ottenendo prestigiosi riconoscimenti da parte dei principali organi ed enti finanziari ed economici, sia nazionali che internazionali.

Con un valore aggiunto in più: “La risposta per una società migliore, sana e solida è il lavoro. La risposta per arginare la criminalità anche. In un momento storico conflittuale in cui l’occupazione scende e l’inflazione sale, noi proseguiamo con determinazione sulla strada intrapresa nel creare nuove opportunità di impiego dalle prospettive a lungo raggio. Lo facciamo massimizzando il risparmio in fattura e garantendo i budget delle famiglie e delle PMI dalle pericolose fluttuazioni di un mercato sempre più incostante. Abbiamo applicato ai valori di ieri le moderne tecnologie informatiche di oggi, in particolar modo quelle del contatto, che consentono di moltiplicare esponenzialmente le possibilità di condividere contenuti edificanti, economicamente e socialmente utili, come il sogno, con noi divenuto realtà, di una bolletta azzerata, Canone Rai e accise incluse. E fare così di una spesa una risorsa, fatto che ci rende fieri”, queste le parole di Cristiano Bilucaglia, Ceo di ‘uBroker’.

Cosa vedere in un giorno nei dintorni di Torino

Informazione promozionale

Scopri i posti più belli da vedere nei dintorni di Torino, per una giornata tra arte, storia, architettura ed enogastronomia piemontese

 

I dintorni di Torino da scoprire in giornata

La Mole Antonelliana e il Museo Egizio sono tra le mete più visitate di Torino, ma vale la pena vivere anche un’avventura fuori porta. Prenotate un’auto su Enterprise e lasciatevi stupire dalle ville, dai castelli e dalla natura maestosa, per una giornata veramente indimenticabile.

 

In questo articolo vi raccontiamo cosa vedere in una giornata nei dintorni del capoluogo piemontese, con incredibili chicche e curiosità.

 

Cosa vedere nei dintorni di Torino

Poco fuori da Torino troviamo la Palazzina di caccia di Stupinigi. Un’incantevole dimora in stile rococò, che era utilizzata da re e regine d’Italia per brevi soggiorni durante le battute di caccia. Circondato da boschi, il palazzo vi accoglie con il suo lungo e maestoso filare di cipressi. Dopo aver apprezzato i bellissimi giardini interni, non perdetevi il ​​lusso degli interni, tra sontuose sale e saloni, progettati dall’architetto Juvarra.

 

Una manciata di minuti d’auto più in là si trova la splendida Reggia di Venaria. Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 1997, restituita ai visitatori in tempi piuttosto recenti dopo un laborioso restauro: una “piccola” Versailles di 80.000 mq di edificio monumentale, 60 ettari di giardini e più di 3000 di parco.

 

Il nucleo della villa fu costruito nel corso del 1600 dal duca Carlo Amedeo di Savoia. Tuttavia, gli appartamenti interni hanno subito continui ammodernamenti. Attraversa la Galleria Centrale lunga 80 metri dell’architetto Juvarra, con ampia volta a botte finemente decorata, sul pavimento marmoreo a scacchi. La visita degli appartamenti richiede circa 2 ore, a cui bisogna aggiungere circa un’ora e mezza per visitare i giardini esterni.

 

 

L’adiacente Parco della Mandria, è area regionale protetta nonché il parco storico cinto da mura più grande d’Italia. È un sito di grande importanza naturalistica e storico-architettonica, dove si trovano il Castello (detto anche Borgo Castello per l’agglomerazione di edifici) e oltre 20 edifici storici tutelati: reposoir di caccia (il Castello dei Laghi e la Bizzarria), antiche cascine (Rubbianetta, Vittoria, Comba, Romitaggio, Grangetta, Prato Pascolo, Peppinella, Oslera, Brero, Ciabot) e una chiesetta di origine romanica (San Giuliano).

 

Se siete disposti a fare un po’ più di strada, dovete assolutamente vedere a meno di 100 km da Torino i tesori delle Langhe. Il pensiero va subito a Barolo e il suo omonimo vino: un piccolissimo borgo circondato dai vigneti, che percorrerete fino ad arrivare al Castello Falletti. All’interno  è stato allestito il WiMu (Wine Museum), i cui interni sono stati pensati dallo stesso architetto del Museo Nazionale del Cinema di Torino per creare un museo interattivo, nuovo ed esperienziale. Fatevi sorprendere anche dall’architettura della Cappella della SS Madonna delle Grazie, meglio conosciuta come Cappella del Barolo, si trova tra i vigneti nei dintorni di Borgo La Morra: costruita agli inizi del secolo scorso, e dipinta con colori accesissimi che non ci si aspetta di trovare in un luogo di culto.

 

Non tanto lontano fatevi guidare dai ricordi scolastici nella visita di Grinzane Cavour, in  cui ancora oggi è possibile visitare il castello, oggi adibito a museo etnografico, che appartenne al celeberrimo conte. In pochi sanno che persino Camillo Benso conte di Cavour in gioventù si cimentò nella produzione di vino, ottenendo ottimi risultati proprio nei terreni della tenuta su cui insiste il castello.

Borello apre a Chivasso un supermercato “galleria d’arte”

CON CHIVASSO TAGLIATO IL TRAGUARDO DEI 52 NEGOZI DELLA NOTA CATENA DI SUPERMARKET

Qualcuno tra gli ospiti dell’inaugurazione, nel vedere l’allestimento dei prodotti alimentari nei banchi macelleria, gastronomia e formaggi ha detto: “queste composizioni sembrano opere d’arte”.

In effetti Borello Supermercati, nota catena piemontese che con il market di Chivasso,  in via per Piazza d’armi 7, inaugurato oggi pomeriggio raggiunge il traguardo di ben 52 punti vendita, punta molto sulla qualità dei prodotti: la carne, ad esempio, è stata valutata tra le migliori in assoluto a livello nazionale.

La clientela ha dimostrato in tanti anni di attività del marchio Borello di saper apprezzare la competenza e la professionalità dell’azienda, così da consentire la capillare diffusione dei negozi.

All’inaugurazione, in presenza di numerose autorità locali, ha fatto gli onori di casa il patron Fiorenzo Borello. Il supermercato di Chivasso sarà aperto al pubblico a partire da domani.

 

Maurizio Scandurra: “Ho scelto Giubileo perché mi tutela dal racket del caro-estinto”

La testimonianza del giornalista tv, che si domanda: “Perché nessun’altra onoranza funebre ne parla?”

Quella contro il lurido commercio di salme che spesso va in scena nei luoghi di cura e di dolore è una rovente e accesa battaglia di legalità che vede da tempo in prima linea Maurizio Scandurra.

Il giornalista cattolico radiotelevisivo torinese, anche frequente opinionista a ‘La Zanzara’ di ‘Radio24’ condotta da Giuseppe Cruciani e David Parenzo, da tempo ha intrapreso un percorso di sensibilizzazione dell’opinione pubblica su quello che, le cronache, sogliono definire ‘racket del caro-estinto’.

Un argomento sempre attuale, che ha ripreso vigore con la pandemia e il post-Covid, vista l’impennata di decessi. Un fenomeno turpe e squalificante che danneggia le imprese funebri oneste, il dolore di famiglie e parenti, e il Fisco per via del fatto che la criminalità organizzata e non sceglie la compravendita di cadaveri con relative aste giornaliere dei corpi nelle camere mortuarie per riciclare denaro sporco attraverso “mance” elargite a personale colluso con la malavita”, prende a narrare il giornalista.

Per poi proseguire: “Ma il fatto che più stupisce è che nessuna onoranza funebre, nessun operatore del settore mai ne parli. Mai affronti questo argomento, anche solo in chiave sociale e informativa. L’unica impresa italiana che per prima ha avuto il coraggio di farlo pubblicamente, concorrendo a far saltare per ben tre volte il banco di un cartello criminoso negli anni Duemila è stata la torinese Giubileo. Che, da quel momento in poi, ripeto, è stata la prima e sola voce in tal senso, e anche una voce sola, salvo rarissime eccezioni che hanno visto in qualche regione italiana impresari funebri onesti e altrettanto coraggiosiimpegnarsi, e anche con non pochi rischi, per la legalità e la giustizia. Per il rispetto di defunti e famiglie contro una piovra oscura e silente che ogni giorno agisce indisturbata laddove si muore e si soffre, favorendo illeciti arricchimenti brevi manu”.

Scandurra, già protagonista in tv di importanti inchieste sul tema andate in onda anche su ‘ReteQuattro’ e ‘Canale Italia’, oltre che di numerose interviste apparse nei mesi scorsi sui maggiori settimanali italiani, prosegue nel racconto: “Il silenzio tombale, mi si perdoni la battuta, che aleggia su un tema così delicato, devenecessariamente far riflettere. E’ una spia accesa. E’ un chiaro indicatore di un’anomalia da parte di una parte del settore. Chi lavora seriamente ha il dovere di far sentire in tal senso la propria voce. Mi domando, ripeto, per quale motivo nessuna onoranza funebre mai ne parla. Questo è un dato di fatto”.

Continua ancora il giornalista: “Il dovere del cristiano, per me che credo, è la testimonianza. Lo dice il Vangelo. Quando, nel 2022, persi la mia amatissima nonna, mancata in ospedale, in famiglia decidemmo autonomamente di rivolgerci a un’onoranzafunebre di indubbia trasparenza e altrettanta, evidente eccellenza. Sapevamo bene che i ‘consigli’ in ospedale ed Rsa sono vietati, e che chi accetta è complice. Perciò puntammo su ‘Giubileo, di cui abbiamo sempre apprezzato e stimato il coraggio schietto delle campagne informative per difendere cittadini e consumatori dai pericolosi rischi del racket del caro-estinto”.

Approfondisce Maurizio Scandurra:Rivolgerci a loro è stato naturale, riconoscendone un indiscusso primato quale presidio di legalità, oltre che di qualità: per la discrezione, l’eleganza, la competenza e l’umanità con cui siamo stati assistiti prima e dopo le esequie, incluso quel capolavoro di accoglienza assoluta che è la loro Casa Funeraria e il loro modernissimo hub disbrigo pratiche postfunebri, struttura unica nel suo genere. Ringraziare pubblicamente ‘Giubileo’ è un doveroso atto di gratitudine, ma anche un modo per condividere la mia felice esperienza con quanti, come me, desiderino garanzie di tutela anche nell’ora del dolore per un commiato in piena regola”.

Infine, un invito: “Il rispetto per chi parte è una testimonianza d’amore da parte di chi resta, e anche verso chi resta. Il mio augurio va indistintamente anche a tutte le altre imprese funebri serie e oneste torinesi, piemontesi e italiane, perché tutti insieme, seguendo l’esempio virtuoso e producente di ‘Giubileo’, si possa contribuire e concorrere a garantire il rispetto delle leggi migliorando al contempo la qualità dei servizi e degli standard di un comparto economico e sociale così importante per la vita e la dignità del Paese”, chiosa benaugurante e deciso Maurizio Scandurra.

“In cammino”, percorso turistico sulla Via Francigena

Progetto virtuoso fortemente voluto dalla Regione Piemonte per rendere agibile a tutti, anche ai diversamente abili un percorso turistico sulla via Francigena.
Inclusione e accessibilità sono fondamentali per rendere fruibile a tutti il percorso.
Oltre al progetto finanziato da Regione Piemonte e Mic. In collaborazione con molte realtà territoriali sotto la guida della Consulta persone disabili, nella cornice sabauda, nella sala del caminetto di Palazzo Madama sono stati presentati  il progetto regionale e la mostra curata dalla fondazione Carlo Acutis….Sui sentieri della Sindone.
Mostra che sarà visitabile, gratuitamente fino ad ottobre


Coinvolti ben tre assessorati regionali,il progetto, prevede attività in corso di realizzazione :  la formazione per gli operatori turistici, la mappatura degli itinerari per valutarne l’accessibilità, la realizzazione di pannelli multisensoriali, l’acquisto di ausili per le attività di accompagnamento e montagna terapia, l’attivazione di tirocini extracurriculari per disabili.

” In molti hanno collaborato alla realizzazione di questo progetto – ha detto l’assessore Vittoria Poggio -. Un percorso straordinario quello della Via Francigena ed è un orgoglio grande quello di aver reso inclusive le visite. Sono state realizzate delle mappature, un lavoro mirato e puntuale affinché tutti , anche chi ha fisicamente delle difficoltà, possano partecipare attivamente

“La Via Francigena – ha dichiarato il  presidente Fondazione Torino Musei -, nota fin dal VII secolo, divenne in Piemonte lo snodo centrale delle grandi vie di fede. Fu un canale di sviluppo culturale dell’Europa del Medioevo, ma anch dei grandi centri. Il ruolo della mostra è anche quello di mettere in evidenza  il ruolo di Torino e del Piemonte come porta di ingresso dell’intera penisola. Interessante, lo spunto della mostra sul tema pellegrinaggio: riflessione esistenza e spiritualità”.

La Via Francigena in Piemonte  ha una lunghezza di circa 650 chilometri, coinvolge 107 comuni, cinque province (Torino, Vercelli, Biella, Asti e Alessandria) e quattro parchi naturali.

Quattro in particolare i percorsi: “Via Francigena di Sigerico” ( territorio Morenico Canavesano); Via Francigena della Valle di Susa (il tratto Monginevro – Arles si collega con il Cammino di Santiago di Compostela); Torino-Vercelli;  da Torino alla Liguria, attraverso i territori di Asti ed Alessandria.

GABRIELLA DAGHERO