CRONACA- Pagina 1393

Con i carabinieri alla porta uomo muore cadendo dal 6° piano

Nel quartiere di Santa Rita a Torino. Il 49enne, che ha tentato di accoltellare un’amica,  forse è  caduto cercando di fuggire o potrebbe essersi suicidato

 

carabinieri xxAveva fumato crack l’uomo di 49 anni morto cadendo dal sesto piano di un palazzo mentre i carabinieri stavano bussando alla sua porta. L’allarme è stato dato all’alba da una sua amica, che aveva trascorso la notte con la vittima: la donna è scesa in strada mezza nuda per chiedere aiuto. Non è ancora chiara la dinamica di ciò che è accaduto nell’ appartamento di via Frinco 2, nel quartiere di Santa Rita a Torino. Il 49enne forse è  caduto cercando di fuggire o potrebbe essersi suicidato. I militari stanno ascoltando la donna, 28 anni e hanno trovato tracce della sostanza  stupefacente. Sembra che l’uomo abbia cercato di accoltellare la ragazza con cui avrebbe consumato la droga nelle ore precedenti. La giovane è scappata e ha raggiunto un bar di via Tripoli, dove ha tentato di rubare un paio di scarpe e un giubbotto.  L’uomo è caduto mentre carabinieri e vigili del fuoco tentavano di entrare nell’appartamento, di proprietà della vittima.

Semplice torsione ma amputano gamba a ragazzo: 68 medici indagati

cto

Il torinese di 22 anni vittima di questo drammatico episodio è stato dimesso da pochi giorni dal Cto

 

Si era presentato in ospedale per una semplice distorsione e ha dovuto subire l’amputazione della gamba destra al di sotto del ginocchio. Il ragazzo torinese di 22 anni vittima di questo drammatico episodio è stato dimesso da pochi giorni dal Cto, ma ora sono indagati 68 medici. La cronaca torinese di Repubblica ha anticipato la notizia informando che sono accusati di concorso in lesioni colpose gravissime. Lo studio legale Ambrosio & Commodo intenterà una causa civile contro alcuni di loro.

 

(Foto: il Torinese)

SUK "LIBERO SCAMBIO": PERCHE' I CIVICH BLOCCANO IL TRAFFICO INVECE DI SANZIONARE GLI ABUSIVI?

SUK DEGRADO

SUK DEGRADO 2È STATA INVASIONE SUBITA O VOLUTA PER IMPORRE IL NUOVO SUK IN VIA MONTEVERDE? RICHIESTE COMUNICAZIONI DI FASSINO

 

<<Un disastro sicuramente prevedibile, non evitato, forse addirittura voluto?>> si interrogano in Capigruppo di Fratelli d’Italia in Comune di Torino e in Circoscrizione 7 Maurizio Marrone e Patrizia Alessi, che attaccano <<Com’è possibile che nel primo fine settimana di chiusura dello Scalo Vanchiglia al suk del “libero scambio” l’Amministrazione Fassino consenta a migliaia di venditori abusivi di invadere le vie circostanti, inviando la Polizia Municipale non a sgombererai o almeno sanzionarli, bensì a chiudere il traffico veicolare nel controviale di corso Novara, di via Regaldi e delle vie circostanti invase dagli abusivi. È questo il modello di integrazione degli Assessori Curti e Mangone?  O non sarà piuttosto una pressione sul quartiere di Barriera di Milano per imporre il nuovo suk in via Monteverdi?  Di certo non esiste alcuna ordinanza comunale che abbia autorizzato il traffico veicolare nelle vie occupate dagli abusivi! Ne chiederemo conto domani in Consiglio Comunale chiedendo le comunicazioni urgenti del Sindaco Fassino, riservandoci comunque di presentare un esposto in Procura e in Prefettura su questa costante e intollerabile disapplicazione di leggi e regolamenti da parte dell’Amministrazione comunale>>.

PAGA LA SOSTA E PREGA CHE LE CASTAGNE NON TI CADANO SULL' AUTO O SULLA TESTA

castagne1castagne2

Il cittadino indaffarato che parcheggia e paga regolarmente la sosta o i residenti che pagano per le famose strisce blu non sempre sono consapevoli che rischiano il danneggiamento dalla caduta verticale di grossi “marroni d’india” – quest’anno particolarmente voluminosi per la maturazione causata dal grande caldo – e che non potranno rivalersi perché il Comune di Torino ha fissato alcune paline con il segnale di pericolo

 

Il cartello di pericolo con il punto esclamativo e la spiegazione “attenzione cadute castagne nel periodo autunnale “ lo trovi dopo una accurata ricerca. Sono pochissimi gli avvisi nei viali alberati di Torino. Ci sono ippocastani secolari in corso Matteotti, in corso Vinzaglio e altri viali torinesi.  Il cittadino indaffarato che parcheggia e paga regolarmente la sosta o i residenti che pagano per le famose strisce blu non sempre sono consapevoli che rischiano il danneggiamento dalla caduta verticale di grossi “marroni d’india” – quest’anno particolarmente voluminosi per la maturazione causata dal grande caldo – e che non potranno rivalersi perché il Comune di Torino ha fissato alcune paline con il segnale di pericolo.  Ci sono passanti che attraversando i viali sono stati centrati in testa riportando bernoccoli degni di una randellata.  Durante il silenzio notturno si avvertono maggiormente i  rimbalzi delle castagne che cadono e colpiscono le carrozzerie delle auto.  E dire che la questione venne sollevata qualche anno fa anche da un consigliere di circoscrizione. Risultato? Il poveretto venne massacrato con perfida ironia sulla prima pagina di un quotidiano nazionale, dalla penna di un noto giornalista. Eppure il problema non va certo sottovalutato. Cittadini avvisati, mezzi salvati!

 

FMB

Morti carbonizzati in tre nello scontro tra due auto

soccorsi 118

L’incidente al chilometro 4 della Sp460 Torino-Ceresole

 

Un drammatico incidente sulle strade del Torinese. Tre le persone  morte carbonizzate, mentre una quarta è rimasta ferita in modo grave, a causa di un violento  scontro frontale avvenuto tra due automobili a Leinì. Lo scontro si è verificato al chilometro 4 della Sp460 Torino-Ceresole. Sul posto sono intervenuti prontamente i vigili del fuoco e la polizia stradale di Chivasso. Una delle vittime, informa l’Ansa, è Mattia Battilomo, un agente della polizia penitenziaria di 29 anni. Viaggiava con un collega, rimasto anch’egli ferito in modo grave: ora è ricoverato all’ospedale di Ciriè. La Punto su cui viaggiavano , ha preso fuoco dopo essersi scontrata con una Grande Punto proveniente da Torino, andata completamente distrutta dalle fiamme, sulla quale viaggiavano le altre due vittime.
   

 

(Foto: archivio)

Carlin in versione papa Francesco predica ai contadini

gusto terra

“Per l’economia abbiamo sacrificato tutto, e ora ci ritroviamo la Terra che soffre. I migranti sono il frutto della nostra politica scellerata”

 

Stessa la filosofia pauperistica di condanna allo sviluppo e alla ricchezza più o meno sfrenati; stesso l’appello a salvare la terra che soffre. Carlin Petrini, il Guru piemontese di Bra di Slow Food e inventore del Salone del Gusto ha predicato sulle orme di papa Francesco il proprio verbo ai contadini di tutto il mondo dal pulpito di Expo 2015. “Ridare valore al cibo è la grande scommessa che avete tra le mani. Parlate tra di voi. Anche con lingue diverse”: Così ha arringato le centinaia di contadini giunti a Milano da ogni angolo del globo per Terra Madre Giovani. “Vincerete la scommessa solo se riuscirete a non commettere gli errori della mia generazione. Per l’economia abbiamo sacrificato tutto, e ora ci ritroviamo la Terra che soffre. I migranti sono il frutto della nostra politica scellerata”.

 

(Foto: il Torinese)

Forse 5 ufficiali responsabili dello scontro tra Tornado

tornado

Il 19 agosto 2014 sui cieli di Ascoli l’incidente costò la vita a quattro piloti, due dei quali piemontesi

 

Potrebbero essere cinque i possibili responsabili, tutti ufficiali delle Forze Armate, dello scontro fra Tornado del 19 agosto 2014 sui cieli di Ascoli. L’incidente costò la vita a quattro piloti, due dei quali piemontesi. Lo sostengono i consulenti della procura, i comandanti Mario Pica e Giuliano Currado: hanno segnalato i nomi di 5 ufficiali al pm. I comandanti  affermano – riporta l’Ansa – che la collisione è “riconducibile a carenze organizzative” che hanno creato le premesse per una situazione di “estremo pericolo”.
   

Autobus con 30 passeggeri a bordo prende fuoco

BUS

Il conducente ha fatto subito evacuare il mezzo: nessun ferito

 

A Nichelino un bus della linea 35 è andato a fuoco, oggi pomeriggio. Il conducente ha fatto subito evacuare il mezzo che aveva a bordo una trentina di persone. Nesuno ha riportato ferite. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e la polizia municipale per deviare il traffico nella zona. Le cause sono da accertare ma comunque di natura accidentale.

 

(Foto: archivio)

Arrestati con sette migranti nascosti nel furgone

Viaggiavano sull’autostrada per Torino-Aosta, all’altezza di Albiano d’Ivrea,  verso la Francia

 

ProfughiIeri sera la polizia ha arrestato due passeur pachistani, di 41 e 56 anni, sorpresi alla guida di un furgone carico di clandestini. I due viaggiavano sull’autostrada per Torino-Aosta, all’altezza di Albiano d’Ivrea,  verso la Francia, con a bordo sette migranti pachistani e bengalesi, tra i quali anche tre minorenni, tutti irregolari.Per uno dei conducenti era già stato spiccato un mandato di cattura internazionale per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Studenti in piazza contro la "Buona scuola"

Erano circa 150  i giovani manifestanti scesi in piazza

 

studenti corteoUn corteo di studenti si è formato questa mattina a Torino, per protestare contro il governo per la riforma della ‘Buona Scuola’. Erano circa 150  i giovani manifestanti scesi in piazza, molti di loro vicini all’area antagonista torinese. I ragazzi hanno sfilato attraverso le vie del centro. La protesta si è svolta in modo pacifico ma  ha causato disagi alla viabilità. Gli studenti hanno acceso  fumogeni e attaccato manifesti contro il premier, Matteo Renzi, in particolare sulle vetrine della libreria Mondadori.