CRONACA- Pagina 1338

Cassonetti in fiamme in Barriera di Milano

vigili fuoco soccorsi 

I roghi  potrebbero essere stati appiccati dalla stessa persona

 

Sono sei i cassonetti dei rifiuti incendiati, intorno a mezzanotte, in Barriera di Milano. I vigili del fuoco, non hanno dubbi sulla matrice dolosa degli incendi, spenti in pochi minuti. La polizia sta svolgendo le indagini, i roghi  potrebbero essere stati appiccati dalla stessa persona.

L'ultimo saluto a Nelida Ravina Cantore

CANTORE MAMMA

Originaria delle Langhe, dopo aver aiutato i partigiani nella lotta di Liberazione, ha incontrato a Torino il suo futuro marito Riccardo che era stato anche lui partigiano e primo Sindaco di Chiusa di San Michele dopo la Liberazione e poi di nuovo dal 1970 al 1983 e con lui ha costituito la sua nuova famiglia radicandosi subito in Val Susa, considerata come sua seconda terra di origine

 

È mancata martedì  20 Ottobre nella sua casa a Chiusa di San Michele Nelida Ravina vedova Cantore. Dieci anni è durata la sua lunga malattia che ha condiviso con suo figlio, la moglie e i tre nipoti. Una lunga vita, 93 anni, dedicata non solo alla sua famiglia, anzi alla sua e a quella di suo figlio, ma anche ricca di impegno e attenzione  nei confronti degli altri.

 

Originaria delle Langhe, dopo aver aiutato i partigiani nella lotta di Liberazione, ha incontrato a Torino il suo futuro marito Riccardo che era stato anche lui partigiano e primo Sindaco di Chiusa di San Michele dopo la Liberazione e poi di nuovo dal 1970 al 1983 e con lui ha costituito la sua nuova famiglia radicandosi subito in Val Susa, considerata come sua seconda terra di origine. Ha dato poi alla luce Daniele che respirata questa aria di famiglia si è impegnato anche lui in politica e in amministrazione ricoprendo vari incarichi tra i quali quello di Assessore e Consigliere Regionale, Consigliere Comunale di Chiusa di San Michele e anche di Torino.

 

Dopo gli studi nelle scuole di Don Bosco, si è diplomata al Conservatorio di Torino e per alcuni anni ha insegnato musica con una particolare passione nei confronti del pianoforte, ha coniugato poi l’impegno famigliare con una assidua opera di volontariato nei confronti dei malati, partecipando anche a numerosi pellegrinaggi a Lourdes fino all’arrivo della sua malattia. Si sono svolti ieri i funerali nella Parrocchia di Chiusa di San Michele, con la partecipazione commossa di numerosi chiusini, valsusini, langaroli e torinesi attorno al figlio Daniele, alla moglie Patrizia, ai nipoti Riccardo (oggi Capogruppo di minoranza in Consiglio Comunale a Chiusa) Andrea e Carlo.

 

La redazione e il direttore del quotidiano “il Torinese” si uniscono al cordoglio della famiglia Cantore

In comunità maltrattava disabile: arrestato dai carabinieri

carabinieri auto

L’inchiesta relativa alla comunità, che si trova nel Novarese, era scattata dopo le voci che si erano diffuse sui maltrattamenti agli ospiti

 

Un uomo di 47 anni, dipendente di una cooperativa, che si occupava della pulizia dei locali di una struttura per portatori di disabilità è stato arrestato dai carabinieri di Novara. Le telecamere nascoste nella comunità lo hanno infatti  ripreso mentre maltrattava un disabile. L’inchiesta relativa alla comunità, che si trova nel Novarese, era scattata dopo le voci che si erano diffuse sui maltrattamenti agli ospiti. Gli inquirenti mantengono riserbo sulla vicenda e le indagini potrebbero riservare altri sviluppi.
   

Su Whatsapp sequestri dei nomadi: tutto falso, denunciata

Una donna di 34 anni, residente a Trofarello, è stata denunciata 

 

TELEFONINIAveva scritto su Whatsapp a proposito di tentativi di sequestro da parte di un gruppo nomadi, e molti suoi amici hanno postato la notizia su Facebook, ma era tutto falso. Una donna di 34 anni, residente a Trofarello, è stata  così denunciata per procurato allarme dai carabinieri. Aveva scritto che i nomadi avevano tentato di caricarla su un furgone e di rapire un bambino, aspetti in realtà rivelatisi infondati dalle indagini.

Estorsione con pistola a commerciante: due arresti

Al momento di consegnare il denaro c’erano anche gli agenti del Commissariato San Paolo

 

polizia volanteSono stati arrestati dalla polizia per un tentativo di estorsione ai danni di un commerciante di Torino. In due hanno cercato di  farsi consegnare 2.600 euro e  hanno aggredito il commerciante, puntandogli la pistola alla testa. Al momento di consegnare il denaro c’erano anche gli agenti del Commissariato San Paolo, che hanno bloccato i malviventi e sequestrato una pistola semiautomatica illegale, con i relativi proiettili, oltre a un coltello e un passamontagna.

 

(Foto: il Torinese)

"Lo giuro!" per gli ufficiali del 195° corso

applicazione esercito2applicazione esercito1

La cerimonia nella suggestiva cornice dell’Aula Magna di Palazzo Arsenale

 

Centouno Ufficiali del 195° corso “Coraggio” pronunciano  la formula del giuramento dinanzi alla Bandiera d’Istituto della Scuola di Applicazione, decorata di medaglia d’argento al Valor Militare ed al Comandante, Generale di Corpo d’Armata Paolo Ruggiero. La cerimonia si svolge nella suggestiva cornice dell’Aula Magna di Palazzo Arsenale per l’occasione gremita dai giovani subalterni in grande uniforme invernale, dai loro familiari e dal personale del quadro permanente dell’Istituto. A suggello della importante giornata, il Comandante della Scuola ricorda agli Ufficiali del 195° “Coraggio” il significato del giuramento, ovvero la consapevole accettazione dei doveri derivanti dallo status di militare e di ufficiale, con l’impegno a servire le istituzioni della Repubblica con fedeltà ed onore.

Nuovo arresto per l'informatica all'Asl Torino 1

Da febbraio sono 14 gli arresti effettuati

 

asl sanitaUn nuovo arresto da parte della guardia di finanza di Torino, nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti informatici all’Asl Torino 1. Finisce ai domiciliari il professionista di uno studio di ingegneria, direttore dei lavori, con l’accusa – informa l’agenzia Ansa – “di avere contribuito a condizionare le modalità di scelta del contraente con la pubblica amministrazione”. Da febbraio sono 14 gli arresti effettuati.

 

(foto: il Torinese)
    

Donna tenta di uccidere i suoceri con medicinali

Una 35enne residente a Venaria 

 

polizia e carabinieriI carabinieri della polizia giudiziaria della procura di Torino hanno arrestato nell’ambito di un’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Annamaria Loreto una 35enne residente a Venaria che – informa l’agenzia Ansa – avrebbe somministrato farmaci ai suoceri nel tentativo di ucciderli. La donna è accusata di tentato omicidio continuato. Il marito, figlio delle vittime sarebbe stato all’oscuro di tutto e le motivazioni del gesto non sono state rese note.

 

(Foto: il Torinese)

"Vedi alla voce del verbo moda", voci, racconti, esperienze

Torino diventa capitale della moda al Circolo dei Lettori

 

moda1Vedi alla voce del verbo Moda. Questa settimana si tramuta in realtà la possibilità di un viaggio affascinante nel pianeta della moda, attraverso le voci, i saperi e le esperienze di ospiti italiani e stranieri di caratura internazionale, grazie alla kermesse dal titolo “Voce del Verbo Moda”, in programma dal 22 al 25 ottobre prossimi,  ospitata al Circolo dei Lettori e giunta quest’anno alla sua quinta edizione.L’edizione 2015  racconta la “sapienza dell’intreccio”, vale a dire i percorsi e i passaggi per approdare dal filato al prodotto finito, costituito non solo di materie prime e componenti chimici, ma anche di competenze, storie e persone. Il tessuto rappresenta, infatti, la chiave di lettura di questa narrazione di cui sono protagonisti designer, stilisti, imprenditori, costumisti, fotografi, antropologi, chef, scrittori e storici del costume, che si incontrano in quattro giorni di kermesse.

 

La prima sezione si intitola “Storie sul filo” e si articola in conversazioni, confronti e incontri; la seconda è costituita da workshop, ovvero laboratori per conoscere attraverso il saper fare, quindi seguono gli “Itinerari di stile”, che includono al loro interno una serie di gite, mostre e percorsi tematici nei musei. Tra questi quelli al Lanificio Piacenza e Sella Lab, in programma venerdì 30 ottobre, al Museo Maga e Fondazione Ratti, per ammirare Missoni, Pucci e le sete, sabato 7 novembre, e a Zurigo, per una gita all’insegna della moda, arte e design, in programma  da sabato 5 a martedì 8 dicembre.

 

moda3Un’altra interessante sezione è quella dedicata alla moda e al cinema, dal titolo “Fashion & Cinema”. Quindi una sezione comprenderà progetti di moda,  sul “Denis Street Style” e fashion pills, e un’ultima includerà canzoni scelte dagli ospiti perché capaci di raccontare le loro visioni di vita, li loro lavoro e di costituire una piacevole colonna sonora di accompagnamento a Storie sul filo.Il progetto Denis Street Style racconta, tramite immagini scattate per strada, quanto, come è da chi sia usato il jeans, un oggetto cult nel mondo della moda,  capace di superare decenni e generi.  Gli scatti più interessanti verranno mostrati domenica 25 ottobre alle 15.30 all’interno dell’incontro “Finché c’è jeans.. c’è speranza”, commentati da Maurizio Crivellari, direttore creativo di Diesel, azienda italiana leader nel settore.

 

Alla kermesse collaborano, tra gli altri, l’Accademia Albertina di Belle Arti, l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, lo IED,  Istituto Europeo di Design, l’istituto Marangoni di Milano, l’Istituto d’Arte Applicata e di Design di Torino,  Zone Moda dell’Università di Bologna. 

 

Mara Martellotta

Muore a 26 anni durante il parto, salva la bambina

A causa delle complicazioni sorte durante il travaglio, è stata sottoposta al taglio cesareo d’urgenza

 

ospedale pineroloUna giovane di 26 anni, di origini brasiliane, è morta poco prima delle 8 di questa mattina,durante il parto all’ospedale Agnelli di Pinerolo. A causa delle complicazioni sorte durante il travaglio, è stata sottoposta al taglio cesareo d’urgenza. I medici sono riusciti a salvare soltanto la  bambina,  che è stata trasportata all’ospedale Santa Croce di Cuneo per una grave crisi respiratoria. I carabinieri hanno sequestrato le cartelle cliniche ed èstata informata la procura di Torino. All’interno del nosocomio è stata invece avviata un’indagine interna.