CRONACA- Pagina 1288

Finti poliziotti arrestati da quelli veri

polizia via poFingevano di essere poliziotti, annunciando controlli e relative multe. Ma i poliziotti veri li hanno arrestati: erano due rapinatori, Gabriele Armando e Lorenzo Iodice, pregiudicati, e li hanno messi in manette gli agenti del commissariato Dora Vanchiglia . I due malviventi  esibivano una placca metallica simile a quella della Polizia e sarebbero i responsabili di una tentata rapina in piazza Santa Giulia ai danni di due giovani. La coppia di criminali aveva già rapinato di 25 euro, in piazza Santa Giulia, un italiano, sempre impiegando  la tecnica del finto controllo e in via Bava due fratelli, derubati di tablet e cellulari.

 

(foto: il Torinese)

Esisteva un piano per salvare Valentino e Valentina, ma non è stato adottato

preteroti-murazzi-po-2I battelli sospinti dalle acque in piena del Po potevano essere salvati? Probabilmente sì. Il rafforzamento dei dispositivi di sicurezza per Valentino e Valentina, le due imbarcazioni turistiche per la navigazione sul fiume  a Torino trascinati dalla corrente  era stato previsto da un progetto del 2010. Un piano che, però, non è mai stato realizzato. Il dato emerge dalla documentazione acquisita dalla polizia giudiziaria nell’inchiesta aperta dal pm Vincenzo Pacileo, della procura  della repubblica di Torino. Il servizio di navigazione è gestito da Gtt (Gruppo Torinese Trasporti). Nel procedimento giudiziario, ad oggi, non ci sono indagati.

 

(Foto: Antonello Preteroti)

In fiamme capannone in periferia

vigili fuocoE’ andato in fiamme un capannone industriale che è stato  evacuato questa mattina a Torino. La struttura si trova  in strada del Meisino e vi sono ospitate diverse attività artigianali e commerciali. Non ci sono feriti e i Vigili del fuoco sono intervenuti sul posto con numerose squadre. Ancora da accertare le cause dell’incendio.

 

(foto: archivio)

Giovane scomparso trovato impiccato

soccorsi ambulanzaLa ricerca del un giovane di Burolo che non era tornato a casa la sera di martedì 3 gennaio si è purtroppo conclusa tragicamente. Il corpo di C. C. di anni 31 è stato infatti trovato impiccato vicino all’area pic nic nei pressi del centro abitato di Cascinette, nei pressi del cimitero dl paese. Le ricerche sono state condotte da Soccorso Alpino,  Vigili del Fuoco, Carabinieri e Croce Rossa.

 

(foto: archivio)

50enne accoltella la madre, arrestato

carabinieri xxUn uomo di 50 anni ha accoltellato la madre di 72 anni: è stato arrestato dai carabinieri di Borgomasino in una abitazione Cossano Canavese. Durante un litigio scoppiato per futili motivi, aveva ferito la madre  al collo e al fianco. La donna è stata trasportata all’ospedale Ivrea, dove tuttora è ricoverata. E’ in gravi condizioni ma non in pericolo di vita. I carabinieri della locale stazione e del Nucleo Operativo di Ivrea hanno sequestrato un coltello di 12 centimetri usato dall’aggressore.

Allarme bomba davanti al duomo di Torino per un trolley abbandonato

duomoVerso l’ora di pranzo, vicino alla cattedrale di Torino, in piazza San Giovanni, un trolley è stato abbandonato davanti alla Farmacia di via XX Settembre,  prospiciente il duomo.  Comprensibile il timore dei passanti. Sono stati chiamati gli artificieri che hanno fatto brillare la valigia,  risultata  fortunatamente vuota.

 

(foto: il Torinese)

Arrestati due autonomi di Askatasuna

polizia-michelotti3Questa mattina nel centro sociale torinese Askatasuna, in corso Regina Margherita gli agenti della Digos hanno arrestato due giovani autonomi, sottoposti a obbligo di firma altri cinque. I provvedimenti sono scattati a seguito degli eventi dello scorso 14 ottobre, quando un gruppo aveva cercato di bloccare l’esecuzione dello sfratto di una famiglia marocchina nei pressi del centro sociale. Gli autonomi avevano bloccato in segno di protesta  l’intero corso con i cassonetti della spazzatura e avevano lanciato immondizia, e sanpietrini contro la polizia.

Salvi due escursionisti torinesi bloccati in montagna

setstriere-neve-montagnaErano rimasti bloccati su Monte Cit, a Pontebba (Udine), e si è concluso con successo l’intervento di recupero iniziato poco dopo il tramonto. I due escursionisti di Torino, di 37 e 33 anni, avevano richiesto aiuto: erano stati  colti dal buio al rientro da una escursione, dopo essere partiti da  San Leopoldo Laglesie, una frazione a 600 metri. Volevano raggiungere Passo Pramollo, seguendo il sentiero Cau 523. Ma non hanno potuto proseguire a causa di una frana, e hanno deciso di tornare indietro. I soccorritori della Guardia di Finanza di Sella Nevea e quattro uomini del Soccorso Alpino di Moggio li hanno raggiunti alle 19.20 scortandoli alla luce delle pile a valle, dove sono arrivati sani e salvi i alle 21.00.

Annega nel Po, identificato dopo 14 anni grazie al tatuaggio

PO MOLE1Morto annegato nel Po, è stato identificato dopo 14 anni. Si tratta di Andrea Villani, 1962, di origini ferraresi, il cui corpo senza vita era riaffiorato nel  giugno 2002 dalle acque  in lungo Po Antonelli a Torino. Il cadavere era in avanzato stato di decomposizione e non si riuscì a dargli un nome. La salma non era stata reclamata e dopo alcuni giorni il corpo  era stato sepolto. Nel maggio 2015 il corpo è riesumato e la polizia scientifica vede, sul braccio sinistro, un  tatuaggio che raffigura un lupo che ulula alla luna. Grazie al Ri.Sc., un sistema informativo del Dipartimento della pubblica sicurezza e del  Commissario straordinario del governo per le persone scomparse, gli investigatori sono riusciti a individuare una denuncia di una persona scomparsa in cui si fa riferimento proprio a un tatuaggio. I prelievi di  ossa e denti dalla salma, hanno consentito  di comparare il dna del cadavere con quello di un familiare e infine  di identificare il corpo.

 

(foto: il Torinese)

Piromane brucia camper “per scommessa”

incendio-rifiuti-1Un  disoccupato di 47 anni è finito in carcere dopo avere incendiato  un camper nella notte in via Di Nanni a Nichelino. Forse è lui ad aver provocato gli incendi di auto  negli ultimi giorni. Il piromane è stato visto da un agente della polizia municipale fuori servizio e poi fermato dai carabinieri con i vestiti ancora sporchi  di gasolio. L’incendio si era propagato dal camper  a una Fiat Punto e a un furgone Dobló. Il 47enne ha detto ai militari di aver appiccato il fuoco per scommessa.