Zingaretti: operazione logoramento

Diciamoci le cose come stanno: la questione delle donne, le polemiche sul fatto che Draghi abbia penalizzato il Pd nella nomina dei Sottosegretari hanno un fondamento di verità, ma vengono sollevate in maniera strumentale perché è iniziata la fase di  logoramento di Zingaretti.
All’operazione partecipano alcuni ex Ministri ed ex Sottosegretari, scornati dalla mancata riconferma, e un bel po’ di ex renziani che durante la crisi che ha portato alle dimissioni di Conte hanno continuato a giocare di sponda  con l’ex Segretario e che si schierarono con Zingaretti unicamente per ragioni di opportunità, ma sarebbe piu giusto dire per opportunismo. In Italia ” il trasformismo” è un vizio antico.
L’obbiettivo è per l’appunto quello di logorare l’attuale segretario per sostituirlo con Bonaccini e cambiare la linea politica del Pd.
Le polemiche sono per lo più strumentali perché i Ministri e i Sottosegretari uscenti non possono non sapere che la attuale delegazione dem al governo è figlia dei rapporti di forza emersi all’indomani delle ultime elezioni politiche, quando cioè il Pd ( per responsabilità di Renzi )raggiunse il sui minimo storico. Cosi come non possono non sapere che  la nascita del governo Draghi è figlia della decisione di Renzi di togliere la fiducia al governo Conte e dell’impossibilità di dar vita ad un Conte ter. Era infatti del tutto evidente che il peso specifico del  Pd avrebbe subito un forte ridimensionamento all’interno di una maggioranza piu ampia. Del resto il fatto che da giorni si discuta solo di questo e cioè dei Ministri e dei Sottosegretari che non sono stati riconfermati e che alcuni di loro dedichino il loro tempo a recriminare per la loro esclusione è il segno di come le vicende e i destini individuali facciano sempre piu spesso premio su tutto il resto e di come il pd assomigli sempre di piu ad un pollaio in cui i capi e i capetti delle varie correnti la fanno sempre piu spesso  da padrone.
Zingaretti aveva vinto le primarie promettendo una svolta radicale che però non c’è mai stata.  Nel suo orizzonte vi erano le elezioni anticipate che avrebbero potuto rappresentare in passaggio importante per realizzare il suo progetto, ma la crisi del governo giallo – verde e, successivamente, la formazione del Conte bis hanno cambiato le priorità della sua agenda. Era del tutto evidente che gli ex renziani che erano rimasti nel Pd avrebbero approfittato delle prime difficoltà per passare alla offensiva e metterlo in croce.
Ed è esattamente questa la fase che il Pd sta vivendo a cui Zingaretti deve reagire con quella determinazione che finora gli è mancata se non vuole che i suoi avversari lo logorino giorno dopo giorni e il Pd entri in una crisi dall’esito più che mai incerto.
Wilmer Ronzani

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Libano: il “Nizza” alla guida di Italbatt

Articolo Successivo

Aggredita e rapinata della borsa sotto casa

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA