Rabadan bambino che grida al microfono

Rabadan, la parola piemontese che ricorda “ramadan”

Rubrica a cura del Centro Studi Piemontesi

Rabadan. La parola piemontese Rabadan ha diversi significati: baccano, fracasso; ma anche cianfrusaglie (altrimenti dette ciapapoér!); persona di poco conto, e perfino donnaccia. Bella la storia etimologica: nel REP (Repertorio Etimologico Piemontese, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2015), la voce rabadan rimanda a ramadan, sempre col significato di baccano, e come “spregiativo riferito a cose e a persone”. La parola viene dall’arabo “RAMADĀN  ‘caldo torrido, mese del digiuno’….voce del lessico religioso giunta in Italia attraverso le città di Genova e Marsiglia che in piemontese ha assunto il significato di ‘rumore’ per la gozzoviglia…” ecc..

Quanto camminano le parole, e cambiano il loro significato originale!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

E’ morta la donna caduta a bordo del bus della linea 11

Articolo Successivo

Triplice scontro in corso Francia: auto sbalzate abbattono semafori

Recenti:

Una vita operaia

LIBRI / RILETTI PER VOI   Giuseppe Granelli, classe 1923 ( morto a novant’anni nel 2013), operaio

Oggi al cinema

Le trame dei film in uscita nelle sale di Torino A cura di Elio Rabbione  

IL METEO E' OFFERTO DA