“Buoni spesa e solidarietà: si sarebbe potuto fare di più e meglio”

in POLITICA

“Ora, a maggior ragione, si proceda con il progetto della spesa sospesa, che  anche altre forze politiche oltre ai Moderati hanno detto di voler sostenere. Valorizziamo così la straordinaria rete già attiva sul nostro territorio e la forza dei tanti Volontari disponibili”

In una fase nella quale tante aziende – di tutti i fatturati e di tutte le dimensioni – si stanno volgendo alla logica del dono (di servizi, di prodotti e di ore lavoro), resta un fondo di amarezza per le modalità, pur formalmente e giuridicamente legittime, di assegnazione della commessa dei buoni spesa. Mi sarei aspettato un gesto di ulteriore solidarietà: uno sconto dello 0,25% è pochissimo e lascia perplessi. L’Amministrazione avrebbe potuto e dovuto essere più incisiva in fase di trattativa. A maggior ragione, rilanciamo il progetto della spesa sospesa. Mi fa piacere che anche il PD  abbia affermato di voler sposare la mia proposta. I Volontari che si sono messi a disposizione della Città di Torino sono 150 e altri 495 sono in attesa presso il Centro Servizi Vol.To: una forza importante, che può e deve essere utile alla comunità. Valorizziamola. Presto nelle case mancheranno beni di prima necessità: non solo cibo e farmaci, ma prodotti per l’igiene della persona e della casa. L’esperienza e le modalità di raccolta del Banco Alimentare e del Banco Farmaceutico, così come l’ampia e solida rete di solidarietà che il nostro territorio può vantare, sono un capitale da mettere a frutto in questa esperienza. La spesa sospesa necessita sempre della regia del pubblico. Rilancio oggi convintamente, dunque, questa idea, che abbiamo tutte le forze per realizzare in maniera strutturata ed efficace.

Silvio Magliano – Capogruppo Moderati, Consiglio Comunale Torino.
Tags:

Recenti: POLITICA

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su