Salizzoni e Rossi: “Possiamo accettare che i fascisti siano tra noi?”

in POLITICA

“Prima lo staffista devoto a Mussolini. Poi l’arredo del presidente dell’ATC del Piemonte Orientale con simpatie neo-fasciste. Ora il motto delle Brigate Nere sul profilo social del Presidente dell’Ipla”

Se è vero che tre indizi fanno una prova, allora, Presidente Cirio, c’è un problema. In tempi in cui, quasi ogni giorno, scritte vergognose profanano le case dei figli dei partigiani o dei deportati, è possibile chiedere che la Giunta scelga persone almeno non sfacciatamente di simpatie fasciste?

Oppure l’antifascismo non è più da considerarsi un patrimonio comune ed acquisito? Si rende conto, Presidente Cirio, che ogni giorno siamo costretti ad occuparci di difendere la dignità del nostro Paese riacquisita grazie alla Resistenza, e non dei problemi del Piemonte? Si tratta di episodi che non possono essere minimizzati, perché dimostrano come una parte della destra italiana non ha mai rielaborato il rapporto con il fascismo alla luce della Resistenza e della nostra Costituzione. E’ come se si volesse cancellare da un lato le responsabilità per il ruolo nella seconda guerra mondiale e nella Shoah, e dall’altro l’idea stessa che la nostra Repubblica si fonda sulla lotta di liberazione dal nazi-fascismo. E’ giunto il tempo, Presidente, di prendere una posizione chiara e netta. Non possiamo accettare che persone con nostalgie passate o simpatie presenti per il fascismo, rappresentino le nostre istituzioni.

Mauro SALIZZONI vice Presidente Consiglio regionale
Domenico ROSSI Consigliere regionale PD

Tags:

Recenti: POLITICA

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su