A Palazzo Lascaris l’audizione sulle fusioni dei comuni

in POLITICA

Mercoledì mattina si è svolta nella Sala dei Morando del Consiglio Regionale del Piemonte, l’audizione della Prima Commissione dell’assemblea subalpina nella quale era stato convocato il Movimento Progetto Piemonte – MPP.

Oggetto dell’incontro era un approfondimento sulla richiesta che era stata in una lettera alla Regione di modificare l’iter della legge regionale sulle fusioni di comuni nella parte legata al referendum, che in Piemonte è unicamente di natura consiltiva. Ad inviarla era stato il Movimento Progetto Piemonte insieme al Comitato Autonomia Piemont, ai comitati contro le fusioni di Cuccaro Monferrato e Gavazzana, al gruppo consigliare ‘Cassano e Gavazzana Insieme’ e con il supporto dell’associazione ‘Piemonte nel Cuore’. Il tutto per evitare quanto avvenuto nelle fusioni di Lu e Cuccaro Monferrato (con i voti contrari alla fusione maggioranza a Cuccaro), Cassano Spinola e Gavazzana (con i voti contrari maggioritari a Gavazzana) e Gattico e Veruno (dove si espressero in modo contrario la maggioranza dei cittadini in entrambi i comuni).

A rappresentare le istanze dei sottoscrittori a Torino c’era, su delega espressa dal presidente di MPP, Massimo Iaretti, c’era Andrea Riva, già consigliere comunale a Cuccaro Monferrato. Riva, su sollecitazione del presidente della I Commissione – Programmazione, Bilancio, Enti Locali –Carlo Riva Vercellotti ha ribadito le motivazioni contenute nella missiva sottolineando come la volontà popolare, secondo l’attuale impostazione legislativa, verrebbe meno.

Poi ha consegnato al presidente Riva Vercellotti una dettagliata memoria scritta nella quale erano motivate le ragioni della richiesta.

Sono seguiti gli interventi dei consiglieri Angelo Dago, Mauro Fava, Andrea Cane, Alberto Preoni, Sean Sacco, alla presenza dell’assessore agli enti locali, Fabio Carosso. Poi il presidente Riva Vercellotti ha dichiarato chiusa l’audizione in un clima assolutamente costruttivo. Ed è sua intenzione, successiva a questo passaggio, portare in tempi brevi l’argomento all’esame della Commissione.

“Non posso che esprimere soddisfazione per lo svolgimento di questa audizione – dice il presidente del Movimento Progetto Piemonte, Massimo Iaretti – perché ci ha consentito di esprimere chiaramente ed in modo esaustivo quella che per noi è una criticità nell’iter legislativo delle fusioni. Non siamo a priori contro le fusioni ma riteniamo che fusioni ed incorporazioni vadano fatte soltanto quando ci siano le condizioni oggettive e quando nelle consultazioni referendarie la maggioranza di entrambe le cittadinanze sia d’accordo. Un ringraziamento a tutti per la solerte convocazione ed espletamento di questa audizione, in particolare al presidente Riva Vercellotti”.