Calano i prezzi delle case in montagna

in ECONOMIA E SOCIALE

Riceviamo e pubblichiamo

MERCATO IMMOBILIARE IN SALITA. E CON LA BANDA ULTRALARGA, VALORI IN AUMENTO DEL 10%. MA NON VOGLIAMO NUOVE CASE DI HEIDI 

L’arrivo della fibra ottica a casa, con la modalità Ftth (fiber to the home), farà crescere del 10 per cento il valore degli immobili nei Comuni delle Alpi e degli Appennini. Il Piano della banda ultralarga, secondo le analisi Uncem, sarà importante non solo per superare il divario digitale, ma anche per dare maggior valore e anche mercato a case singole e appartamenti nelle località montane italiane. Perché il servizio che Open Fiber sta realizzando con i fondi europei, statali e regionali, è un vettore di sviluppo al pari dell’arrivo di una strada. Così, il valore degli immobili cresce e lo stesso mercato potrà subire una scossa. “Si tratta di alcuni primi indicatori che possono indurci a lavorare meglio e di più affinché il Piano banda ultralarga venga accelerato – spiega Marco Bussone, Presidente Uncem – A oggi è lento, in ritardo. Ma non appena concluso avrà effetti anche sul valore degli immobili, non solo nelle località turistiche. Essere connessi oggi è determinante, anche per chi acquista una casa o un appartamento“.

Le compravendite nel 2018 sono cresciute in montagna del 4%, secondo l’ultima rilevazione di Fimaa (l’associazione di agenti immobiliari aderente a Confcommercio) e Nomisma. Il prezzo medio è 2.122 euro al metro quadro in montagna. In crescita anche i borghi alpini: Ravascletto (UD) +3,4%, Tarvisio (UD) +3,3%, Sauris (UD) +3,2%, Forni di Sopra (UD) +3,1%.

“Il tema non è solo comprare più o meno seconde case – aggiunge Bussone – bensì le modalità di abitare, restare, fare impresa, essere parte di quel luogo. Anche il tema architettonico è per noi determinante. Fanno sorridere certe foto di immobili tipici, legno e pietra tradizionali, fatti nuovi, case di heidi delle quali proprio non sentiamo bisogno. Oggi l’architettura contemporanea trova nuovi stili e modelli di intervento su aree edificabili e in particolare sul recupero. Ridurre, fermare il consumo di suolo è decisivo. In montagna, vogliamo agevolare il recupero dei borghi. Puntiamo sull’innovazione e la banda ultralarga è decisiva anche rispetto ai valori degli immobili. Puntiamo su un’abitare, anche temporaneo, che fa crescere nuove comunità, dove chi arriva porta idee e nuovi percorsi che si intrecciano con chi vive i territori montani da sempre. In questo snodo sta la nostra attenzione a politiche, prezzi, valori delle case in montagna. Anche rispetto al mercato turistico, che è ancora un pezzo determinante dell’economia della montagna. Sempre se chi arriva nel proprio appartamento non si sia portato tutto da Torino o Milano, con quella tappa al centro commerciale di periferia dove ha comprato anche l’acqua. Questo non è certo il turismo nel quale Uncem crede. Scegliere la montagna e il turismo nelle località alpine e appenniniche vuol dire anche ‘comprare in valle’ affinché la montagna non si desertifichi ulteriormente”.