Ravetti: “Chiediamo a Cirio di essere Autonomo dalla Lega e di non costruire muri”

in POLITICA

“Il Gruppo del Pd sarà serio e responsabile”

Il Presidente del Gruppo del Partito Democratico in Consiglio regionaleDomenico Ravetti è intervenuto in aula per replicare all’illustrazione del programma di governo da parte del Presidente della Giunta regionale Alberto Cirio.

“Il centrodestra ha ottenuto, alle elezioni, un risultato che, probabilmente, è andato oltre le sue aspettative e ha il diritto e il dovere di proporre e realizzare un programma in linea con l’idea di futuro presentata agli elettori. Il Partito Democratico porterà avanti un’opposizione seria e responsabile, dedicando il giusto tempo all’analisi dei provvedimenti e a formulare proposte utili, non ricorrendo allo strumento dell’ostruzionismo fine a se stesso” ha dichiarato il Presidente Domenico Ravetti

“Entrando nel merito del programma illustrato – ha proseguito Ravetti – voglio partire dal tema dell’ambiente. Dal titolo ricco di suggestioni “Piemonte green” la Giunta Cirio sarà costretta a passare presto a compiere scelte: dovrà decidere se rispettare pedissequamente l’Accordo di programma fra le Regioni del bacino Padano e il Ministero dell’Ambiente, con tutte le limitazioni, le prescrizioni e i divieti che miglioreranno l’aria, ma non i rapporti con coloro che vorranno conservare stili di vita non adeguati ai tempi, dovrà pronunciarsi sul tema dei rifiuti, dovrà scegliere da che parte stare oppure decidere di non decidere”.

“Questa nuova Giunta – ha affermato Domenico Ravetti – si troverà di fronte ad un welfare europeo e italiano inadeguati a rispondere alle esigenze di una società che è mutata rapidamente, al problema del sottofinanziamento del Sistema Sanitario Pubblico, alla mancanza di medici, infermieri, OO.SS. Il processo di risanamento della sanità piemontese, portato avanti dal centrosinistra nei cinque anni scorsi, non è terminato e, per questo è importante che il nuovo Governo regionale apra un fronte con quello nazionale per difendere il diritto alla salute e le caratteristiche democratiche del nostro Servizio Sanitario Nazionale. La Lega è abituata a slogan ad effetto, voglio proporne due: “prima la salute” e “prima il Sistema Sanitario pubblico”. Chiedo, in particolare, a questa Giunta di non fermare il programma di edilizia sanitaria, un programma che può essere ampliato, rafforzato, ma non smontato. Ci impegneremo, inoltre, per ottenere l’elaborazione di un Piano Regionale della Ricerca Scientifica e biomedica finalizzato a programmare su tutto il territorio piemontese politiche per l’innovazione tecnologica, la formazione del personale e per la ricerca scientifica, anche attraverso gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ”.

“Il Presidente Cirio si è candidato a garantire un sogno e vincerà o perderà questa sfida se saprà indicare un percorso per lo sviluppo economico e per il lavoro. In campagna elettorale sono state tante le proposte a favore di imprese e commercianti, proposte interessanti che dovranno, tuttavia, fare i conti con i vincoli di Bilancio e con la sostenibilità economica. Il nostro Gruppo manterrà un atteggiamento propositivo, ma chiede che questa Giunta difenda quanto di buono è stato fatto in passato, dagli interventi sui conti alla scelta compiuta per garantire il 100% della copertura delle borse di studio universitarie agli aventi diritto fino agli interventi per riportare sobrietà nell’uso dei fondi pubblici per i costi della politica” ha precisato il Presidente Ravetti.

Ravetti ha concluso, affrontando il tema dell’autonomia e affermando: “Questa delega ha tinte evidentemente verdi e appare come una scatola vuota. Spero che il Presidente Cirio non si identifichi completamente con le politiche leghiste e sviluppi il tema dell’autonomia come uno strumento utile nelle dinamiche politiche piemontesi e nazionali e al Piemonte nella dimensione europea. Alla nostra Regione, al nostro Paese non occorrono altri muri”.