Libero Scambio, (FdI): “Slitta ancora il trasferimento”

in POLITICA

Riceviamo e pubblichiamo

MARRONE-ALESSI: “PER VIETARLO NON SERVE LEGGE REGIONALE CHE C’È GIÀ. BASTA REVOCARE UNA DGR CHIAMPARINO. PRONTA NOSTRA MOZIONE”

“Slitta ancora una volta il trasferimento del suk abusivo di Borgo Dora all’area di via Carcano, già adibita a ‘libero scambio’ dal Comune di Torino, ma con i medesimi problemi di degrado e delinquenza. Ma non serve una nuova legge regionale con i suoi tempi lunghi: quella c’è già, ma non viene applicata per colpa di una delibera di Giunta Chiamparino. Ma sappiamo noi come agire in poco tempo” affermano Maurizio Marrone, Capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio Regionale del Piemonte, e Patrizia Alessi, Capogruppo FDI in Circoscrizione 7, che spiegano “Avevamo già fatto inserire un apposito Capo V bis nella legge regionale sul commercio per regolare le vendite occasionali su area pubblica e proibire così lo schifo dei suk, ma con la DGR 11 maggio 2018, n. 12-6830 la Giunta Chiamparino ha deciso di escludere ‘l’attività di vendita svolta nell’ambito dei progetti comunali finalizzati al contrasto alla povertà e all’esclusione sociale’ dall’applicazione della legge. Una norma salva-suk insomma, che però possiamo cancellare in una settimana con una nuova delibera di giunta.  Intanto abbiamo già chiesto in Circoscrizione 7 una commissione urgente affinché l’Amministrazione comunale dia risposte serie e definitive a un territorio che sta subendo sia il suk autorizzato che quello completamente abusivo.  Siamo già al lavoro con serietà e concretezza per salvare Torino dal degrado”.