"L'ombra cupa degli ippocastani"

in CULTURA E SPETTACOLI

Al Centro Pannunzio viene presentato da Federico Audisio di Somma il romanzo di Patrizia Valpiani
“L’ombra cupa degli ippocastani” è il titolo dell’ultimo romanzo scritto da Tosca Brizio, nom de plum di Patrizia Valpiani, medico nativo di Pietrasanta, cittadina ricca di arte nell’entroterra versiliese. Verrà presentato giovedì 9 maggio prossimo alle 18 al Centro Pannunzio, in via Maria Vittoria 35/h, dallo scrittore Federico Audisio di Somma. Le letture saranno affidate a Cristina Tira del Piccolo Teatro Instabile. Il romanzo nasce, come i precedenti, dalla passione letteraria della dottoressa toscana, nella cui vita medicina e letteratura si illuminano e completano a vicenda. La sua produzione letteraria, che comprende saggi, poesie, romanzi ed una guida su Torino, ha ricevuto i primi riconoscimenti nel 1994 ed anche il Premio Pavese. “L’ombra cupa degli ippocastani” fa parte di una serie di cui il primo volume, intitolato “Chiaroscuro”, è uscito lo scorso anno. Si tratta di un noir con uno sfondo fantasy, in cui il protagonista, Pietro Jackson, ha tratti assolutamente non convenzionali. Questo artista è sia pittore sia jazzista; mentre dipinge e suona, viene a trovarsi in uno stato di coscienza alterato. Pietro è in grado di aprirsi ad una sensibilità alternativa, riuscendo anche a percepire le negatività che lo circondano. Il personaggio è nato dall’osservazione dal vivo da parte della scrittrice di un pittore e dello stesso artista impegnato in una jam session con un sax. Il romanzo è ambientato nell’entroterra versiliese nella cittadina di Camaiore, uno dei luoghi molto amati dall’autrice, che li descrive a tinte artistiche. La vicenda si svolge in una casa di cura per malattie mentali, è frutto di fantasia, non vera ma assolutamente verosimile. Intorno al protagonista, all’ombra cupa degli ippocastani e circondato da linee di confine piuttosto labili, si muovono le figure dolorose di persone affette da disagi mentali. L’epilogo finale della vicenda fa riemergere un mondo sommerso che si nasconde a Villa Emma, sotto acque torbide.

Mara Martellotta