Volontari, oppositori, minoranze religiose nella Grande Guerra

in ECONOMIA E SOCIALE

Il seminario, organizzato dalla Fondazione Fabretti e dalla Società per la cremazione (SOCREM) di Torino, in collaborazione con Istoreto, si inserisce nell’ambito delle iniziative previste per il centenario della fine della prima guerra mondiale, e approfondirà il rapporto tra la città di Torino e la Grande Guerra

***
Torino, 1915-1918.
Volontari, oppositori, minoranze religiose nella Grande Guerra
presso Istoreto
Sala Memoria delle Alpi
Via del Carmine 13, Torino 

***

Il seminario, organizzato dalla Fondazione Fabretti e dalla Società per la cremazione (SOCREM) di Torino, in collaborazione con Istoreto, si inserisce nell’ambito delle iniziative previste per il centenario della fine della prima guerra mondiale, e approfondirà il rapporto tra la città di Torino e la Grande GuerraNell’analisi delle interrelazioni tra la complessa e dinamica realtà torinese d’inizio Novecento e il primo conflitto mondiale, verrà dato spazio ad alcuni gruppi sociali per così dire ‘minoritari’ – minoranze religiose, movimento femminista e socialismo intransigente, massoneria e associazionismo cremazionista – che incarnano lo spirito e le contraddizioni del paesaggio civile della Torino dell’epoca.Si cercherà di osservare la storia sociale della Grande Guerra da angolature alternativeinconsuete, attraverso le quali restaurare le vicende di uomini e donne, indagare i perché e icome di allora, accertare come la guerra sia stata, a seconda dei casi, voluta o temuta, appoggiata o contestata, celebrata e ricordata.

***

INTRODUCE E MODERA

Giovanni De Luna

RELATORI

Valentina Colombi – Collaboratrice Istoreto
Torino in conflitto: scosse e fratture della città in guerra

Gabriella Ballesio – Direttore Archivio Tavola Valdese
Fedeltà, perseveranza e abnegazione.
Il Comitato di Assistenza ai Militari Evangelici (CAME) di Torino (1915-1918)

Barbara Berruti – Vicedirettrice Istoreto
Emilia Mariani, una donna nella Torino della Grande Guerra 

David Sorani – già insegnante di Storia e Filosofia presso il Liceo Classico e Musicale C. Cavour, assessore alla Cultura della Comunità Ebraica di Torino
Gli ebrei italiani e l’ambigua promessa.
La partecipazione ebraica alla Grande Guerra come culmine dell’identificazione nazionale e la Grande Guerra come premessa al tradimento dello Stato

Marco Novarino – Professore di Storia Contemporanea – Università di Torino
Tra cosmopolitismo e nazionalismo.
La massoneria italiana durante la Grande Guerra

Giacomo Felicioli – Borsista presso Fondazione Fabretti
Archivi e memoria.
La Società per la Cremazione di Torino nella prima guerra mondiale

Ingresso libero e gratuito