Cabiria fa ancora sognare un secolo dopo

in prima pagina
La Notte di Cabiria: Torino festeggia i cento anni dalla prima proiezione del  capolavoro firmato Piero Fosco. Il film di Pastrone torna per una sera a far sognare il pubblico torinese.  Oggi come cento anni fa Cabiria torna a incantare la platea con la Sinfonia del  Fuoco di Ildebrando Pizzetti in apertura di serata
 
 
CABIRIAUna serata da ricordare quella che si è svolta martedì 17 giugno per  commemorare l’anniversario della prima proiezione del secondo kolossal della  storia del cinema mondiale. Cabiria torna a vibrare sulle note della partitura  di Ildebrando Pizzetti (autore della Sinfonia del Fuoco) e Manlio Mazza,  restaurata e diretta da Timothy Brock e la partecipazione del Coro Maghini di  Torino diretto da Carlo Chiavazza
 
Una ricostruzione filologica fedele alla proiezione che animò il Teatro  Vittorio Emanuele, oggi Auditorium Rai Arturo Toscanini, cent’anni fa  (esattamente il 18 aprile 1914 in contemporanea con il Teatro Lirico di  Milano). Come allora la serata è stata introdotta dalla Sinfonia del Fuoco, la  cui partitura era stata affidata al maestro Pizzetti, a cui è seguita la  proiezione del film con l’accompagnamento dell’orchestra sinfonica della Rai. 
 
Con un’oculata operazione di marketing Giovanni Pastrone fece firmare la  sceneggiatura a Gabriele D’Annunzio (ma che in realtà si limitò a comporre le  didascalie e scegliere il nome dei personaggi), che passò anche per il regista  dell’opera, per aumentare il consenso di pubblico, in particolare quello  intellettuale. In realtà il film è stato diretto dallo stesso Pastrone, alias  Piero Fosco, per la Itala Film che rilevò qualche anno prima come Carlo Rossi &  Co e che fece diventare una delle più importanti case di produzione torinesi.  Cabiria passò alla storia sia per la magnificenza delle scenografia, il grande  numero di comparse, la lunghezza del film, quasi tre ore; anche dal punto di  vista tecnico il film mostra delle eccezionalità come l’uso del carrello,  brevettato dallo stesso Pastrone per avvicinarsi ai personaggi; per non  dimenticare il contributo di Segundo De Chomon per gli effetti speciali,  memorabile a tal proposito la sequenza del sogno di Sofonisba, interpretata da  Italia Almirante Manzini.
 
Il film lanciò sul grande schermo il personaggio di  Maciste (Bartolomeo Pagano), inaugurando a partire dall’anno successivo una  fortunata serie di film incentrati sulla sua mastodontica figura.  Oltre al successo in Italia, Cabiria incantò anche le platee d’oltreoceano, a  New York fu replicato per ben sei mesi, influenzando grandi nomi del cinema  americano, come D.W. Griffith. La serata fa parte della rassegna Il suono delle immagini che ha visto  riportare sul grande schermo le versioni restaurate de La Febbre dell’Oro (The  Gold Rush, di Charlie Chaplin, 1925), Metropolis (di Fritz Lang, 1927) e che si  concluderà il prossimo 21 giugno con Rapsodia Satanica (di Nino Oxilia, 1917).
 
 
Cristina Colet
 
 
 
VIA POIl civico 33 di via Po, da cui prende il nome questa rubrica. Qui avvenne la prima proiezione pubblica per un pubblico scelto, organizzata a Torino il 7 novembre 1896 da Vittorio Calcina (fotografo ufficiale di casa Savoia) in una sala dell’Ex Ospizio di Carità

 

Recenti: prima pagina

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su