Category archive

POLITICA - page 136

SECONDA LINEA METRO: MERCOLEDI’ FLASH-MOB DI +EUROPA

in POLITICA
IN LARGO GIULIO CESARE PER CHIEDERE DI ANDARE AVANTI
Si svolgerà mercoledì 28 febbraio alle ore 11:30 il Flash-Mob di “+EUROPA CON EMMA BONINO” in L.go Giulio Cesare per sollecitare le Istituzioni – il Comune di Torino in primis – ad attivarsi immediatamente per la realizzazione della seconda linea della metropolitana, senza tentennamenti. Saranno presenti all’iniziativa i militanti e i candidati di +Europa alle prossime elezioni politiche. Tra questi Silvja Manzi, candidata per il Centrosinistra nel Collegio uninominale di Torino 2 che ha dichiarato:”Sono anni che sentiamo parole sullo sviluppo di Torino nord. Il primo provvedimento da realizzare è proprio la seconda linea della metropolitana. Un’opera che darebbe la spinta necessaria a questa parte di città per crescere da tutti i punti di vista. La metropolitana, come dimostra la linea 1, crea sviluppo dove passa, con un aumento del prezzo delle case, un aumento dei redditi per chi fa commercio, un aumento della qualità della vita per chi ci abita e un ricongiungimento delle due Torino che da anni abbiamo individuato, grazie al lavoro fatto da ‘Idee per Torino’ guidata da Valentino Castellani. La metropolitana è una cerniera che unisce; Torino ha perso decenni sulla questione dei trasporti e deve recuperare il terreno perduto.

SALA ROSSA: CONDANNA DEGLI INCIDENTI E SOLIDARIETA’ PER GLI AGENTI FERITI

in POLITICA

In apertura del Consiglio Comunale di oggi, il presidente della Sala Rossa Fabio Versaci, ha dato lettura di un messaggio, concordato con la conferenza dei capigruppo di Palazzo civico, nel quale si esprime la ferma condanna nei confronti di coloro che si sono resi responsabili degli incidenti di giovedì scorso, a seguito del lancio di bombe carta, e la solidarietà agli agenti feriti. “Essere Medaglia d’oro della Resistenza, per questa Città, – afferma la nota letta in Aula –  ha significato e significa tutt’oggi credere fermamente che la vocazione storica e politica dell’antifascismo sia il pacifico argine a tutte le violenze, e a qualsiasi deriva di intolleranza e di odio”.

Il Chiampa in soccorso di Matteo per gli “ultimi 250 metri”

in POLITICA
STORIE DI CITTA’ di Patrizio Tosetto
Veramente un Matteo Renzi molto simpatico e in gran forma. Probabilmente non sarà sufficiente per l’affermazione elettorale del Pd, ma é già qualcosa per il partito di cui Renzi é segretario. Vuole essere al tal punto empatico che ha arruolato Toto’ per dire che gli avversari politici  sono inaffidabili.  Si, ha ammesso qualche errore, l’ ha fatto…che poi come dice il vecchio adagio chi non fa non sbaglia.  Gli altri? Blaterano solo. Ovviamente per il nostro Matteo nazionale. In particolare se la prende con il Berlusca. Sarcastico, sottolinea che è l’unico uomo che con l’età aumenta la crescita di capelli e che soprattutto continua nel firmare contratti che non onorerà  mai. Forse prepara il terreno per un possibile e successivo accordo. Ma il meglio del nostro arriva quando dice perentorio: anche a me questa legge elettorale non piace. Possibile rumoreggiamento della platea? Assolutamente no, anzi, lungo applauso. Rincuorato continua: molti collegi sono in forse. Bastava che D’Alema e soci non si mettessero in mezzo ed era fatta. Si governava senza senza ma per altri 5 anni. Non mi sembra, ma, come si diceva, contenti loro contenti tutti.
.
Il passaggio smarcante l’ha realizzato Sergio Chiamparino che é passato dal non so per chi votare ad un indispensabile votare pd per “mantenere aperta una prospettiva di sinistra”. Una via italiana alle riforme. Il Chiampa ( ui possiamo dirlo ad alta voce)  ha fatto un altro assist a Renzi. Parlare e convincere chi, sfiduciato, non ci vota più. In questo caso ha avuto meno fortuna e forse non sarà ascoltato nelle urne. Lui non demorde e continua a studiare da segretario nazionale del pd sempre più partito di centro con pochissima sinistra. Testimone Mimmo Caretta, segretario provinciale e lausiano della primissima ora, che trova una metafora sportiva: recuperare gli ultimi 250 metri vincendo le elezioni.
.
Si riferiva all’ultimo oro vinto dai fratelli Abbagnale, che hanno vinto tutto e non più giovani erano tra gli sfavoriti per il primo posto. Ma negli ultimi 250 metri allungano e sorprendono.  Cosi dopo Totò anche gli Abbagnale vengono in soccorso alla traballante filosofia politica dem. Con un Renzi che ripete: noi abbiamo fatto, gli altri solo parlato.. anzi straparlato. E raccogliendo un applauso: “basta vedere come i pasticci nei bilanci dell’Appendino hanno contribuito al buio in cui vive la vostra città”. Il 5 marzo forse capiremo di che morte morire. Con l’ Europa attenta nel ricordarci che la stabilità economica dipende anche dalla stabilità politica con governi eletti. E che nuove elezioni sono solo dannose.

Ghigo scende in campo

in POLITICA

Enzo Ghigo, già presidente della Regione Piemonte per due legislatore, torna in campo (anche se non candidato) per sostenere Forza Italia alle elezioni politiche. Questa sera promuove l’incontro di presentazione dei candidati azzurri Porchietto, Malan, Zangrillo e Ruffino, alle 18, presso l’hotel Turin Palace di via Sacchi, con il coordinatore regionale del partito, Gilberto Pichetto. Spiega Ghigo in un post su Facebook: “scendo in campo anche questa volta, non come candidato, ma pur sempre in prima persona nel sostenere Forza Italia alle elezioni politiche. Siamo nell’epoca delle   nuove tecnologie e dell’intelligenza artificiale e ci chiediamo se un giorno le macchine sostituiranno l’uomo; stiamo vivendo i pro e contro della globalizzazione e dell’abbattimento delle frontiere geografiche e culturali; dobbiamo favorire le assunzioni facendo crescere l’economia; dobbiamo ridurre tasse e burocrazia che uccidono le aziende. Ne’ l’approccio assistenziale delle sinistre e tantomeno l’incapacità e l’arroganza insipiente dei pentastellati sarebbero all’altezza – culturalmente ancor prima che dal punto di vista gestionale – di simili sfide . Ecco perché vi chiedo di sostenere le donne e gli uomini di Forza Italia candidati al Parlamento a Torino e in Piemonte, persone che hanno già dimostrato competenza nella propria attività professionale, passione e spirito di servizio in quella politica”.

Fitto per “Noi con l’Italia – UDC” a Torino

in POLITICA

COMUNICAZIONE 

In vista delle prossime elezioni politiche il quotidiano “il Torinese” pubblica gratuitamente in questo spazio interventi, comunicati e notizie inviatici da candidati, segreterie o esponenti politici di tutti i movimenti e partiti. Scrivere a: edizionibest@libero.it

***

La platea presente questa mattina alla GAM di Torino per dar il via all’ultimo sprint elettorale della formazione politica “Noi con l’Italia – UDC” ha accolto il leader Raffaele Fitto e i maggiorenti torinesi del partito con serietà e attenzione, certa di ricevere risposte chiare ed esaustive alle esigenze e le necessità che riscontrano nel quotidiano.

Un centro destra di nuovo unito, tuona Paolo Greco, candidato alla Camera dei Deputati per il collegio uninominale Mirafiori – Santa Rita, un centrodestra che racchiude quatto partiti, legato da un programma condiviso ma che rivendica le proprie specificità.

I temi centrali affrontati nella campagna elettorale della coalizione di centrodestra “non possono che essere il lavoro e l’occupazione”, prosegue Alessandro Cherio, candidato al Senato, temi che la formazione fittiana intende affrontare con senso di responsabilità e chiarezza per il bene dei cittadini.

Cittadini che chiedono a gran voce risposte sui temi della sicurezza e del controllo dei flussi migratori, risposte che anche la nutrita assemblea raccolta alla Galleria d’Arte Moderna si aspetta di ricevere, “ricette semplici e pragmatiche”, discusse da Roberto Rosso, candidato alla Camera, che rimarca gli accordi della sinistra con le organizzazioni umanitarie, non a garanzia del bene dei cittadini italiani e dei poveri disperati che attraversano il mediterraneo, ma a garanzia di una maggior capacità di indebitamento a fronte di un numero crescente di immigrati accolti e messi in salva dal Belpaese.

Tema incalzato anche da Greco, in apertura, che richiama all’intelligenza e alla concretezza, attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori istituzionali nello scenario internazionale, per un controllo serio del fenomeno migratorio.

La chiusura spetta al leader, al “capo politico”, come ci suggerisce la legge elettorale, a Raffaele Fitto, che sottolinea come gli slogan e le urla non appartengano al modo di essere ed alla storia liberale e democristiana, contraddistinta invece per la presenza propositiva e costruttiva, che vuol essere determinante per la vittoria del centrodestra alle prossime elezioni.

Foibe: una strage spesso dimenticata

in POLITICA

Presso la sede del Movimento Nazionale per la Sovranità di Torino, in via Nicola Fabrizi, 93, si tiene l’incontro “Foibe: una strage spesso dimenticata. Analisi storica e riflessioni politiche“. Introdurrà  il consigliere regionale del Movimento Nazionale Gianluca Vignale, interverranno l’avv. Ennio Galasso, il prof. Marcello Croce e porterà la sua testimonianza l’esule istriano  Luciano Valenta.

Raffaele Fitto a Torino per “Noi Con l’Italia – UDC”

in POLITICA

COMUNICAZIONE 

In vista delle prossime elezioni politiche il quotidiano “il Torinese” pubblica gratuitamente in questo spazio interventi, comunicati e notizie inviatici da candidati, segreterie o esponenti politici di tutti i movimenti e partiti. Scrivere a: edizionibest@libero.it

***

Domenica 25 febbraio 2018 alle ore 10.00 presso la Galleria d’Arte Moderna in Via Magenta 31, interverrà l’On. Raffaele Fitto, leader della formazione politica “Noi Con l’Italia – UDC”.

Condurranno l’iniziativa, tra gli altri, i candidati Roberto Rosso, consigliere comunale di Torino, il già consigliere comunale Paolo Greco Lucchina, Alessandro Cherio, già presidente del collegio dei costruttori di Torino e Rosalba La Fauci candidata nella circoscrizione Piemonte 2.  L’obiettivo principe che si pone Noi con l’Italia – UDC è destare l’elettorato dormiente, puntando agli elettori oggi rintananti nell’astensione, attraverso un’offerta politica ricca e variegata nata dalla sintesi delle realtà liberal-democristiane accomunate da una visione avveniristica per il Paese. L’ambizione è quella di trasformare la coalizione di centrodestra, dandole quel valore aggiunto che i valori e la storia dello scudo crociato e del tentativo liberal conservatore possono imprimergli. Valori importanti, nei quali la società italiana si impernia: la famiglia, la persona e la libertà educativa. La presenza di Noi Con L’Italia – UDC nella coalizione si contraddistingue per la presenza propositiva e costruttiva, essenziale per la vittoria del centrodestra, unica forza in grado di prevalere in questa competizione elettorale.

Grimaldi (Liberi e Uguali): Lapo ci aiuti a far pagare le tasse alle aziende in Italia

in POLITICA
“Io, gratis, sarei onorato di aiutare l’Italia a rilanciarsi a livello mondiale. Mi offro volontario, a disposizione di qualsiasi governo avremo da qui a un mese. Sogno di aiutare il mio Paese”. Così ha dichiarato Lapo Elkan in un’intervista su Vanity Fair. “Lapo, grazie” – risponde il candidato di Liberi e Uguali alla Camera Marco Grimaldi. – “Noi accetteremmo senz’altro e ti chiederemmo di aiutarci in una cosa in particolare: riportare in Italia tutti i capitali di quegli imprenditori che hanno trasferito la residenza, la sede fiscale e la sede legale all’estero, lontano da dove producono. Sì, lo so, ci sarebbe anche l’azienda di famiglia. Ma è per l’Italia, il Paese che ami”.
***

COMUNICAZIONE 

In vista delle prossime elezioni politiche il quotidiano “il Torinese” pubblica gratuitamente in questo spazio interventi, comunicati e notizie inviatici da candidati, segreterie o esponenti politici di tutti i movimenti e partiti. Scrivere a: edizionibest@libero.it

LA SICUREZZA: PROBLEMA CRUCIALE PER TORINO

in POLITICA
INCONTRO AL GOLDEN PALACE
 
 
Dalla tragedia di Piazza San Carlo, all’incremento della criminalità, alla crescente intolleranza verso gli immigrati stranieri, fino agli incidenti di questi giorni, Torino si è vista al centro di nevralgici problemi legati alla sicurezza del cittadino, base fondamentale di una democrazia ispirata alla civile convivenza.
 
A questo si aggiungono gli incresciosi episodi di antagonismo violento nei confronti delle Forze dell’Ordine, avvenuti nel corso di questa anomala campagna elettorale in tutto il Paese.
 
Temi che hanno determinato il candidato del collegio uninominale per la coalizione del centrodestra (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Noi per l’Italia) Marco Francia a promuovere un incontro pubblico domani -domenica 25 febbraio- nella sala conferenze dell’ Hotel Golden Palace, in via Arcivescovado 18.
 
All’evento interverrà Eugenio Bravo, Segretario Provinciale del Sindacato di Polizia SIULP.
***

COMUNICAZIONE 

In vista delle prossime elezioni politiche il quotidiano “il Torinese” pubblica gratuitamente in questo spazio interventi, comunicati e notizie inviatici da candidati, segreterie o esponenti politici di tutti i movimenti e partiti. Scrivere a: edizionibest@libero.it

“NOI SIAMO PER IL VOTO”

in POLITICA
Il coordinamento interconfessionale “Noi siamo con voi” lancia un appello riguardante le prossime elezioni del 4 marzo 2018. Il documento è espressione di un’area di persone, realtà religiose e movimenti molto vasta. Inoltre il testo rappresenta il frutto di una discussione seria e profonda, che ha portato ad una approvazione dello stesso con una convinta unanimità di giudizio. 
Giampiero Leo,
Luciana Bianchetti,
Ariel di Porto,
Bruno Geraci,
Walter Nuzzo,
Younis Tawfik,
Giacomo Testa,
Claudio Torrero,
Nico Vassallo 

 

 

Noi siamo per il voto perchè crediamo in una politica di fraternità che sappia costruire ponti di dialogo in un rapporto autenticamente intercuturale, che sappia abbattere i muri della diffidenza, che sappia produrre speranza, ricucire il paese, pacificare la società.

 

Noi siamo per il voto perchè per i credenti rappresenta una presa di coscienza, una condivisione profonda, una adesione ideale ad un progetto solidale. Nella certezza che solo così si possa aprire una nuova stagione che accetta diversità, che apre sentieri di unità per varia e diversa umanità.

 

Noi siamo per il voto perchè la politica non sia né serva né padrona ma amica e collaboratrice; non paurosa o avventata, ma responsabile e quindi coraggiosa e prudente nello stesso tempo.

 

Noi siamo per il voto perchè crediamo nella cultura del bene comune, per andare oltre il clima di “rancore sociale” e delle “paure collettive” che respiriamo intorno a noi, che non lasci ai margini nessuno, che non saccheggi e inquini le risorse naturali, con un chiaro “no” a tutte le armi di distruzione di massa.

 

Noi siamo per il voto perchè chi crede deve essere riconosciuto, ancor prima del suo impegno nella società, come testimone nella quotidianità, in quel sentire forte la responsabilità verso l’altro, il diverso, l’emarginato.

 

Noi siamo per il voto perchè lo riconosciamo come un valore morale, chiedendo a tutti, nessuno escluso, il senso di responsabilità verso la comunità nazionale, per evitare una contrapposizione tra istituzioni mal frequentate e una mitizzata e ideale società civile.

 

Noi siamo per il voto perchè cessi la disaffezione alla cosa pubblica e la dilagante tentazione di disertare le urne. Chiamandoli al diritto-dovere di vigilare poi sull’operato degli eletti, richiamandoli a coerenza con programmi e promesse.

 

Noi siamo per il voto perchè vogliamo dare il nostro contributo all’Italia che sogniamo. Votare non è solo un diritto e un dovere di ciascun cittadino maggiorenne della Repubblica. Votare è prendere pienamente parte al destino del nostro Paese e dunque al nostro.

 

Noi siamo per il voto perchè anche se la politica appare lontana dalle nostre vite, non dobbiamo mai dimenticare che la politica incide profondamente sulla nostra quotidianità, sul presente e sul futuro di ciascuno di noi.

 

Noi siamo per il voto perchè siamo chiamati a vedere il buono che c’è intorno a noi, perchè il nostro voto conta, perchè il voto è strumento per essere protagonisti, perchè astenersi vuol dire subire passivamente.

 

Scegliamo di metterci in gioco.

Da qui si Torna su