Category archive

POLITICA

+Europa: “Prima i piemontesi? Prima la legge!”

in POLITICA

Sulla richiesta della maggioranza di centrodestra in Regione di dare precedenza alle aziende piemontesi, intervengono Marco Cavaletto (Coordinatore +Europa Torino) e Igor Boni (Direttivo +Europa Torino):

“Costruire bandi pubblici che limitano la partecipazione alle sole aziende piemontesi è illegale, basta dare un’occhiata alla normativa sugli appalti. In alcuni casi c’è l’obbligo di gare europee, altro che regionali! Se poi questo criterio ridicolo fosse attuato da tutte le regioni, bisognerà andare a spiegare la ratio di questa decisione alle tante aziende piemontesi che perderanno il lavoro fuori dal Piemonte. Gli slogan populisti sono insopportabili in campagna elettorale, ma perseverare sulla stessa strada quando si governa significa produrre danni gravissimi per tutti”.

Fusione di Comuni: MPP convocato a Torino

in POLITICA
AUDIZIONE IN CONSIGLIO REGIONALE
A PARELLA VOTA CONTRO IL PROGETTO BOLLETTINO
E’ arrivata a tempo di record la risposta della Regione Piemonte alla lettera inviata a
inizio settembre dal Movimento Progetto Piemonte (e sottoscritta da Comitato
Autonomia Piemont, dai comitati contro le fusioni di Cuccaro Monferrato e Gavazzana,
dal gruppo consigliare ‘Cassano e Gavazzana Insieme’) alla Regione Piemonte nella
quale si chiedeva una modifica dell’iter legislativo del Piemonte sulle fusioni nel
passaggio referendario che oggi è meramente consultivo e di prevedere la possibilità di
fermare il percorso qualora i cittadini anche di un solo comune si esprimessero in senso
contrario.
Il tutto per evitare quanto avvenuto nelle fusioni di Lu e Cuccaro Monferrato
(con i voti contrari alla fusione maggioranza a Cuccaro), Cassano Spinola e Gavazzana
(con i voti contrari maggioritari a Gavazzana) e Gattico e Veruno (dove si espressero in
modo contrario la maggioranza dei cittadini in entrambi i comuni).
Il presidente della I Commissione – Programmazione, Bilancio, Enti Locali – del
Consiglio Regionale del Piemonte, Carlo Riva Vercellotti, ha convocato per mercoledì
18 settembre, alle ore 9.30, nella Sala dei Morando del Consiglio Regionale del
Piemonte, una audizione con il Movimento Progetto Piemonte per approfondire
l’argomento della fusione dei comuni. All’incontro dovrebbe presenziare anche
l’assessore agli Enti Locali e vice presidente della giunta regionale, Fabio Carosso.
“Ringraziamo il presidente Riva Vercellotti e l’assessore Carosso – dice il presidente del
Movimento Progetto Piemonte, Massimo Iaretti – per la sensibilità istituzionale
dimostrata su un argomento così delicato qual è quello della fusione di comuni e per
darci la possibilità di esprimere il nostro punto di vista in sede di audizione in tempi
veramente brevi rispetto alla richiesta. In quella sede consegneremo alla Commissione
anche una memoria scritta nella quale saranno dettagliate ulteriormente le nostre
ragioni”.
A proposito di fusioni, invece, a Parella, comune della Città Metropolitana di Torino, il
gruppo consigliare di Progetto Parella MPP, nella seduta che si è svolta mercoledì 11, ha
votato contro la delibera che, sostanzialmente, dà l’avvio ad un percorso di fusione tra i
comuni della Pedanea.
Il capogruppo Bruno Tegano, che aveva depositato sin da inizio agosto una
interpellanza evidenziando come tale proposta sia partita dal sindaco di Parella e
presidente dell’Unione delle Terre del Chiusella, Marco Bollettino, ma non sia mai stata
condivisa con la popolazione.
“E’ un principio di fusione fredda e calata dall’altro in tutti i sensi –dice ancora
Massimo Iaretti – ed è paradossale che avvenga proprio quando la ‘moda’ delle fusioni
di comuni tanto in auge nella passata legislatura regionale sembra essere terminata.
Oltre tutto dubbi e posizioni contrarie a questa impostazione sono venute anche delle
minoranze di Colleretto Giacosa e di Strambinello e dall’intera amministrazione di
Quagliuzzo, maggioranza ed opposizione, che non aderendo ha di fatto tolto la
continuità territoriale con Strambinello. A Parella, nonostante l’esito della delibera
 consigliare continueremo ad opporci in tutte le sedi e con i mezzi democratici a nostra
disposizione, fatto salvo quella che sarà la volontà della popolazione, da rispettarsi in
ogni caso”.

Alleanze locali Pd-M5S? Si, no, forse

in POLITICA

Il Piemonte è rappresentato al governo principalmente dai pentastellati. La paura dell’isolamento diventa terrore. Dopo l’elenco dei sottosegretari questo è il responso. Furibondi alcuni del PD con relative richieste di dimissioni di Furia, giovane segretario Regionale.
Fin tanto che sono i renziani doc pazienza. Ma tra gli arrabbiati anche Canalis, sua vice. Lei in particolare è amareggiata per l’assenza del suo sodale Lepri ed al tempo stesso della componente che ha reso possibile l’elezione di Furia. Lubatti se quando Richetti lascia ed il loro nuovo leader è Calenda. Volano gli stracci in casa del PD. Il perché è molto semplice. Il territorio conta poco o nulla. Manuale cancelli tra le correnti dem ed i relativi cerchi magici che si formano intorno al capo corrente. Sia ben chiaro non tutto é solo lottizzazione. Il Prof Andrea Giorgis è la persona giusta al posto giusto. Non possibile se non fosse
un amico di Gianni Cuperlo grande signore oltre
che politico correttissimo che (probabilmente) ha anteposto questione di contenuto. Come è stato l’ex ministro Orlando che ritirando la sua candidatura ha reso possibile la composizione del governo. Ciò é il presente. Non voglio sminuire l’attuale compagine governativa ma sicuramente il mantenimento del proprio scranno in Camera o Senato ha fatto la differenza. Rimane un problema. Il Nord produttivo con le maggiori attività professionali e commerciali nel nostro Paese è sottorappresentato a Roma. Con le negative conseguenze sia per il Nord come per il Governo. Se poi anche in Umbria ed Emilia Romagna vincerà il centro Destra la diarchia tra Roma ed il resto del Paese sarà totale. Il neo Ministro Franceschini insiste: accordo subito anche sul territorio tra Pd è pentastellati.
Levata di scudi a Torino. Mai e poi mai anche
perché un conto sono le elezioni regionali, un conto quelle comunali dove c’è il ballottaggio. Niente da
fare, almeno per ora il matrimonio romano di interesse non diventa un matrimonio d’amore. Soprattutto in periferia da Fassino in poi sono perentori quelli
del PD torinesi e piemontesi : mai con i pentastellati le alleanze locali. Tanto quel mai vale solo per il momento. Poi si vedrà. Come non pensare alle dichiarazioni di Di Maio o Zingaretti. Mai e poi mai.
Poi come si è visto. Prima nel giro di una settimana dicevano tutto ed il contrario di tutto.
Ora nello stesso giorno tutto ed il contrario di tutto.
In fondo la politica è diventata una gigantesca
partita a dadi.
Casualità fatta a sistema. Esponenti della sinistra del Pd si accalorano nel motivare esortando all’ unità.
Ma se qualcuno non si sente motivato,  motivato
non è. Forse è banale ma realistico. Eppure il PD Piemontese pur perdendo le elezioni aveva perso di meno che in altre regioni.
Eppure la manifestazioni pro Tav erano state eloquenti. Ed ora vedere solo i pentastellati piemontesi premiati è deprimente. E fa tenerezza Furia segretario regionale che ammette la più totale impotenza nelle trattative sui sottosegretari. Affare di Zingaretti con i capi corrente.

Per noi non rimane che ricordare i vecchi e saggi proverbi. Chi va con lo zoppo impara a zoppicare. Diamo tempo a questo governo. Ma  almeno per noi piemontesi non nasce nei migliore degli auspici.

Patrizio Tosetto

Napoli (FI): “Il Pd corteggia chi accusa di avere distrutto Torino”

in POLITICA

Riceviamo e pubblichiamo

La corrispondenza di amorosi sensi fra Pd e M5s costruita in tutta fretta a Roma non lascia indifferenti le periferie d’Italia. Certo, non senza qualche imbarazzo come, per fare un esempio, quello di Stefano Lo Russo impegnato a corteggiare quel mondo grillino contro il quale ha combattuto epiche battaglie in Consiglio comunale. C’è qualcosa di più: l’apertura al dialogo verso quei consiglieri grillini meno radicali è la conferma della debolezza strutturale del Pd evidentemente consapevole di non avere forza attrattiva verso l’elettorato pentastellato.

Capisco gli esponenti del Pd, comprendo le urgenze imposte dalla realpolitik, però l’idea di continuare a bombardare il quartier generale per poi presentarsi al giudizio degli elettori insieme ai bombardati suona un po’ bislacca. Se i torinesi sono più che amareggiati per il malgoverno dei Cinquestelle in questi anni, sarà dura spiegargli che poi, tutto sommato, si possono fare alleanze con chi ha male amministrato per riportarli di nuovo al governo di Torino. Forza Italia continuerà a fare l’opposizione di sempre: dura e concreta, senza pregiudizi ideologici. Non so se il Pd potrà continuare a svolgere il suo ruolo con la stessa efficacia.

 

Osvaldo Napoli, capogruppo di Forza Italia al Comune

È in arrivo l’Apocalisse?

in POLITICA

“2 minuti all’Apocalisse, guerra nucleare e catastrofe ambientale” è il titolo del dibattito  che si terrà domenica 15 settembre presso la Festa dell’Unità. Si prenderà spunto dal famoso libro di Noam Chomsky e a discuterne saranno i rappresentanti dei “movimenti” più rappresentativi e impegnati su questo tema, fra i quali Paolo Candelari e Giampiero Leo.

L’elogio del trasformismo e la coerenza politica

in POLITICA
Il Conte bis e’ nato, come noto e quasi scontato, come la più grande e plateale operazione
trasformistica della politica italiana dopo il secondo dopoguerra. Certo, giustificata con la nobile, e
anche se un po’ patetica, lotta contro la “minaccia fascista”, il “rischio dittatura”, la “compressione
delle libertà democratiche” e simili amenità. Ma, al di là di una operazione che è nata con
motivazioni ormai conosciute dalla stragrande maggioranza della pubblica opinione italiana – e
cioè, il terrore del voto anticipato, la perdita dello stipendio per i parlamentari e la potenziale e
quasi certa riduzione secca di seggi dei due partiti contraenti la nuova maggioranza di governo – e’
indubbio che con l’irruzione del trasformismo sono le stesse regole della politica a mutare. E a
mutare profondamente. Perché la prassi e la cultura trasformistica prevedono e impongono, per un
certo arco di tempo, la sospensione e la rimozione della categoria della “coerenza” nella dialettica
politica. Non a caso, Pd e 5 stelle sono costretti a cancellare tutto ciò che hanno detto, scritto,
teorizzato, sostenuto e urlato nelle piazze negli ultimi 10 anni. Una operazione ne’ semplice e ne’
facile perché si tratta di una pianificazione politica, culturale e giornalistica che si scontra, al di là
degli sforzi degli organizzatori e dei protagonisti dell’operazione, con la realtà delle cose. E questo
per un semplice motivo, anche se piccolo e banale: non tutti devono difendere il seggio
parlamentare e il relativo stipendio nel sostenere queste tesi. E la realtà delle cose prima o poi
ritorna a galla.
Però la deriva trasformistica nel frattempo cambia i connotati fondamentali e abitudinari della
politica. Nel caso specifico della politica italiana a livello nazionale e a livello locale. Che senso ha,
oggi, per fare qualche esempio concreto, sostenere in un partito che una scelta politica e’ credibile,
netta e di lunga durata perche’ è stata assunta dagli organismi preposti di quel partito? Abbiamo
tutti in mente le solenni dichiarazioni dei candidati alla segreteria nazionale del Pd, delle loro
mozioni congressuali, delle loro deliberazioni votate alla unanimità dalle segreterie e dalle direzioni
sino a poche settimane fa che escludevano in modo categorico per motivi politici, culturali, etici,
programmatici e storici qualsiasi alleanza politica con i 5 stelle. E poi, cosa è capitato? Appunto,
era una pura finzione. Dei 5 stelle e’ inutile parlare perché ormai tutti conosciamo i giudizi poco
lusinghieri scagliati contro il Pd in questi ultimi 10 anni e sino a pochi giorni fa. Anche qui, cosa è
capitato? Semplice, tutto rimosso. Ho fatto questo banale esempio, del testo noto a tutti, per
arrivare ad una semplice conclusione. E cioè, qualsiasi dichiarazione, deliberazione congressuale,
impegno solenne assunti negli organismi preposti da parte dei vertici del Pd, o di altri partiti,
saranno solo e soltanto parole al vento destinate a cadere nell’arco di poche ore o di pochi giorni.
Come è capitato, concretamente, con l’alleanza “strategica, di lungo termine, politica,
programmatica e storica” con i 5 stelle siglata la sborsa settimana. Parole al vento, appunto.
Insisto su questo versante perché la scomparsa, seppur momentanea, della categoria della
“coerenza” nella concreta dialettica politica italiana non aiuta a ridare qualità alla democrazia,
credibilità alle istituzioni democratiche e, sopratutto, a individuare la politica come luogo capace di
affrontare e risolvere i problemi delle persone comuni. Una degenerazione che rischia di indebolire
lo stesso tessuto democratico e di rafforzare la scorciatoia populista, antidemocratica e autoritaria.
Ora di fronte al ritorno di una prassi e di un costume marcatamente trasformistici, si tratta di
impegnarsi affinché questa degenerazione venga non fermata ma almeno attenuata. E quindi la
nascita di partiti, o movimenti, politici che puntano e mirano a ripristinare un minimo di coerenza e
di trasparenza nella dialettica politica italiana va indubbiamente incoraggiata e sostenuta. Sia sul
versante dell’ex centro sinistra – che ormai è stato consegnato alla storia e agli archivi degli storici –
e sia sul versante dell’ex centro destra. Una operazione che è già partita e che ha come obiettivo,
almeno nell’immediato, quello di rallentare l’ondata trasformistica e di ripristinare un minimo di
coerenza nel confronto politico italiano. Sia a livello nazionale come a livello locale.
Giorgio Merlo

Tra le priorità regionali ricerca e cultura

in POLITICA

DALL’UFFICIO STAMPA DI PALAZZO LASCARIS

Investire sui poli di innovazione, focalizzare risorse sullo sviluppo di nuove tecnologie in campo ambientale e sanitario, favorire il collegamento e il trasferimento di competenze tra gli Atenei piemontesi e il sistema imprenditoriale: l’assessore alla Ricerca e ai rapporti con gli Atenei, Matteo Marnati, ha illustrato oggi pomeriggio in sesta Commissione le linee di indirizzo nelle materie di competenza.

Punto di partenza l’ascolto delle esigenze dei territori, per poi elaborare dei piani di azione attraverso un processo partecipato su alcuni grandi temi: cambiamenti climatici, sovranità digitale, green economy, industria 4.0, biotecnologie e tecnologie per le eccellenze enogastronomiche piemontesi.

Sul fronte cultura, l’assessore Vittoria Poggio ha annunciato in Commissione la volontà di rivedere le modalità di finanziamento agli enti culturali partecipati, parlando della necessità di ridurre progressivamente il numero di convenzioni in essere e riconvertire gli interventi di sostegno all’interno dei bandi, il cui sistema andrà dunque rivisto. Tra le priorità la valorizzazione del patrimonio culturale, l’ottimizzazione e innovazione del sistema museale, anche attraverso la realizzazione di un programma “Museo vivo” che preveda brevi cicli di rappresentazioni artistiche dentro alle sedi museali, la salvaguardia delle tradizioni piemontesi e delle piccole manifestazioni locali con un dispositivo ad hoc, il supporto alla produzione cinematografica, per far crescere l’identità del territorio e favorirne la conoscenza.

Molti gli interventi dei consiglieri di opposizione sulle due relazioni.

Lega: “da Conte nessun riferimento a Tav e infrastrutture. Inaccettabile”

in POLITICA

“Nel suo lungo intervento al Senato il Premier Conte, capo del governo delle poltrone, ha parlato di tanti argomenti, ma si è dimenticato di menzionare la Tav, il completamento dell’Asti-Cuneo A33 e altre opere infrastrutturali fondamentali per il Piemonte e per l’Italia: questo è inaccettabile. È vergognoso che un Presidente del Consiglio non dia risposte, senza fare neppure un accenno, su argomenti così importanti per i territori e per l’Italia, facendo così un grave torto ai cittadini, ai lavoratori e a tutto l’indotto. Spiace prendere atto che già dalla nascita questo governo, caro a Bruxelles e a Berlino, frutto di manovre di palazzo, risulta essere sempre più lontano dagli italiani e dai loro problemi: vigileremo costantemente affinché il Piemonte venga messo al centro dei programmi infrastrutturali con opere pubbliche fondamentali per le imprese e le famiglie”.

Lo dichiarano in una nota Marzia Casolati, Roberta Ferrero e Giorgio Maria Bergesio, senatori piemontesi della Lega.

Quagliuzzo boccia Bollettino e il suo progetto di fusione

in POLITICA

DA COLLERETTO UN SI NON UNANIME

 

 

Quagliuzzo ha bocciato senza appello il progetto di fusione in un’unica entità comunale dei comuni delle Terre del Chiusella fortemente voluto dal sindaco di Parella e presidente dell’Unione Marco Bollettino.

La risposta non è passata neanche da un consiglio comunale, bensì da una lettera, che è stata spedita a Bollettino proprio in queste ore dall’amministrazione comunale, guidata da Ernesto Barlese, nella quale vengono contestati diversi punti dell’importazione elaborata dal sindaco di Parella. Ad amministrazione e maggioranza di Quagliuzzo si è aggiunta anche la minoranza consigliare che ha fatto pervenire a Comune le proprie perplessità per il metodo scelto e, pertanto, ha deciso di non aderire.

Diversa, ma non unanime, invece, è stata la situazione dove la delibera presentata dall’amministrazione comunale in favore del percorso delineato è passata, ma con l’astensione del gruppo di minoranza, e alcune domande poste dall’ex sindaco Paola Gamba, oggi all’opposizione.

L’attenzione si sposta ora su Parella dove alle 18.30 di mercoledì è previsto il consiglio. Il punto ‘caldo’ sarà preceduto da una interpellanza depositata sin da agosto dal capogruppo di Progetto Parella MPP, Bruno Tegano, nella quale chiedeall’amministrazione quale sia la posizione e se prima non intenda fare precedere ogni decisione da un consiglio comunale aperto alla cittadinanza e da una adeguata informazione alla stessa su quelli che potrebbero essere i vantaggi effettivi e gli svantaggi di una fusione che, comunque, metterebbe fine alla storia di più entità comunali.

D’intesa con il gruppo consigliare è il Movimento Progetto Piemonte che già in primavera aveva organizzato un convegno a Quagliuzzo dal titolo molto chiaro: “Fusioni di comuni: i motivi del no”. Sull’argomento interviene Massimo Iaretti, presidente MPP, già consigliere a Parella dal 2010 al 2014 e consigliere dell’Unione nei suoi primi anni di vita: “La nostra posizione è fortemente negativa per il metodo che viene portato avanti, ovvero il legare il futuro dell’Unione con quello della fusione, dal momento che si tratta di due entità giuridiche diverse e la legge parla di fusioni di Comuni, senza che le Unioni ne abbiano parte alcuna. Senza entrare nel merito vorrei evidenziare che quella che il consiglio dovrà votare è una delibera, quindi un atto che, di fatto, vincolerà chi si esprimerà a favore. Si deve anche conto che il referendum cui verrà sottoposto il tutto, prima di arrivare alla legge regionale, non è un atto che – allo stato attuale – possa modificare il parere espresso dai consigli comunali, anche se ci fosse un voto contrario. Per questo come MPP, insieme ad alcuni comitati e gruppi consigliari abbiamo inoltrato una richiesta al presidente della Regione, all’assessore agli enti locali ed al presidente del Consiglio regionale di provvedere ad una modifica legislativa su questo punto. Fermo restando che la volontà dei cittadini è assolutamente sovrana e che, qualora si esprimessero in un senso o nell’altro dovrebbe venire sempre rispettata. Allo stato attuale non possiamo che dichiararci contrari alla fusione fredda dei quattro comuni che, va ricordato, ai tempi del fascismo erano stati uniti forzatamente sotto il nome di Pedanea e dopo la proclamazione della Repubblica si erano separati. Vogliamo forse tornare indietro e cancellare tutto con un colpo di spugna facendo finta di niente. Inoltre, e bene sottolinea l’interpellanza del capogruppo Tegano, allo stato non risulta che tale proposta sia stata mai condivisa con la popolazione”.

Che vincano i moderati

in POLITICA

Alberto Cirio, il governatore,  sta facendo campagna acquisti per
rafforzare la compagine burocratica della Regione
Piemonte. Precisamente sta chiedendo il rientro a ex altri
funzionari della Regione in pensione. Incarichi
gratuiti secondo le nuove normative ma sempre
prestigiosi. Alcuni accettano di buon grado. Non è
bello per chi ha lavorato una vita stare con le mani in
mano. Scelta che ha due vantaggi. Non costano alla
collettività e l’esperienza è assicurata. Direi proprio bene
dimostrando che il nuovo governatore e parte della
Giunta hanno le idee chiare sul come fare . Non tutti .
Qualcosa non torna nella scelta del Manager …
Ha scelto l’Abruzzo. Da decenni la Sanità è la spina
nel fianco. Soprattutto i costi. Ora molti medici
andranno in pensione e non c’ è altro personale
per le sostituzioni.
Alberto Cirio con i suoi si sta attrezzando per la madre
di tutte le battaglie: la legge sulle autonome regionali.
Tutt’altro che anti leghista ha capito che la crisi di
Matteo Salvini è la crisi dei leghisti. Inevitabile direi.
Magari non una crisi irreversibile ma pur sempre crisi.

Non il solo. Fontana il lombardo e Zaia tiepidi
con il Capitano. Tempo un mese ed è cambiato tutto.
Da una strada in discesa sono passati ad una strada in
salita. E sono proprio gli alleati di ieri che hanno voltato
le spalle al sovranismo italico.
Come Horban che dopo aver montato la bici a Matteo
Salvini lo ha scaricato e voterà Gentiloni come
commissario europeo. Tirano un sospiro di sollievo i
francesi stretti nell’abbraccio con la Merkel e gli inglesi
nel marasma più totale. Cara vecchia Europa, lontani i
tempi del tuo splendore. Ma ci si mette anche Trump
nel dire che il migliore dei Presidenti del Consiglio è
Conte. Pure Putin sembra distante ammettendo : caro
Salvini hai fatto tutto da solo. Così la Chiesa irritata
dai troppi baci pubblici al crocifisso ( dicono ) manda
Franceschini nel mettere un po’ di ordine al governo.
Chi forse ha sbagliato i tempi è Toti che non si
aspettava questo repentino cambiamento di rotta.
Presente come un soldato alla manifestazione
romana contro il neonato governo . Toti é un
moderato e i moderati in quella manifestazione
hanno avuto un problema. Sgradevolissimi i saluti
romani, chiaro emblema del neofascismo. Salvini
una volta ha criticato la sinistra che copriva
i centri sociali. Giustissimo. Ma ora che fa ?
Silenzio sull’argomento. Del resto non può e non
vuole irritare la Meloni che viceversa gongola nel
vedere i suoi amati camerati. Le ricordano la sua
gioventù. Con tutti quanti consapevoli che i tempi per
votare si sono notevolmente allungati. Avevamo
tentato di suggerire: chi chiede di essere votato
per avere pieni poteri porta sfortuna sopratutto a
se’ stesso. E chi continua nel parlare a nome
e per conto di tutto il popolo non si ricorda della
nostra storia recente. Ammesso che ‘ abbia
studiata o che la voglia studiare. Ed intanto quelli
del PD gongolano.  Piero Fassino ritorna alla sua
terza se non quarta giovinezza. Probabilmente
diventerà presidente della Commissione
Esteri di Montecitorio. Il pane suo. Di Giggino
fidarsi è bene e non fidarsi è meglio. Il Lungo
grande lavoratore e grande esperto di relazioni
internazionali. Gli industriali Biellesi lo rimpiangono
ancora da Ministro. Non ce l’ ho con la politica
e i politici. Ma molti sono stufi di una politica
e di politici che urlano ed insultano. Il fastidio é
diventato noia che non deve diventare apatia.
Se è vero che non c’ è mai stato un governo più a
sinistra della storia italiana non è detto che essere
di sinistra equivale ad essere estremisti. Come
non è detto che all’ opposto dello schieramento
politico essere di destra equivalga ad essere
fascisti. Del resto si sa che tra le anomalie
italiane c’è anche l’ aver sempre annoverato la
destra al fascismo. Nulla di sbagliato sul piano
storico. Il Partito Liberale seppur piccino aderiva
a pieno titolo ai comitati antifascisti. Isolare gli
opposti estremismi. Tutto qui. Facile nel dirsi ma
molto, ma molto difficile nel farsi. Ma come si
sa non è detto che una cosa difficile
da farsi sia impossibile.
Il governo in Piemonte, come il governo nazionale,
verrà giudicato dalle cose o non cose che farà. E
prima o poi si voterà. Statene certi. E’ un privilegio
che abbiamo noi italiani. Con una fortuna: essere
nati da questa parte del mondo che si chiama
Europa, che si chiama Italia. Retorico? Non
penso, bensì realista. A questo governo chiedo di
non dare nulla per scontato. E prosaicamente a
Salvini di abbassare i toni che ( per l’ appunto) non
gli hanno portato bene. Con una speranza, che in
tutte e due schieramenti vincano i moderati. Che
il buon senso prevalga.

 

Patrizio Tosetto

1 2 3 137
Da qui si Torna su