CRONACA- Pagina 1065

IL “POLI” RIQUALIFICA IL PATRIMONIO IMMOBILIARE MILITARE A TORINO

/

Firmato un Accordo tra Ministero della Difesa, Agenzia del Demanio, Politecnico di Torino e Città di Torino per trasformare le caserme dismesse in edifici sostenibili, energeticamente efficienti e aperti al territorio


Il patrimonio immobiliare pubblico e in particolare le numerose infrastrutture militari non più utili ai fini istituzionali costituiscono un valore sociale ed economico di fondamentale importanza per il Paese e, adottando strumenti e percorsi di valorizzazione adeguati, possono diventare un fattore di crescita economica e sviluppo del territorio, grazie a operazioni di riqualificazione, risparmio energetico, riduzione dell’impatto ambientale, riconversione ad altri usi.

Proprio con queste finalità è stato siglato quattro anni fa un accordo tra Ministero della Difesa e Politecnico di Torino, oggi rinnovato e ampliato grazie anche alla sottoscrizione di un nuovo accordo tra Ministero della Difesa, Agenzia del Demanio, Politecnico e Città di Torino. A firmare gli accordi il Segretario Generale della Difesa Generale S. A. Carlo Magrassi, il Rettore del Politecnico di Torino Marco Gilli, la Sindaca della Città di Torino Chiara Appendino, il Direttore dell’Agenzia del Demanio Regionale Piemonte e Val d’Aosta Luca Terzaghi, il Direttore dei Lavori e del Demanio della Difesa Generale di Divisione Massimo Scala.

La collaborazione quadriennale tra Politecnico e Difesa è stata estremamente proficua per l’incremento delle conoscenze sul patrimonio immobiliare in uso al Ministero della Difesa. In particolare, il Dipartimento di Architettura e Design in questi anni si è speso in un’importante attività formativa, grazie all’impegno dei professori Paolo Mellano e Gentucca Canella, negli Atelier di progettazione condotti insieme ai professori Carla Bartolozzi, Daniela Bosia, Cristina Coscia, Rossella Maspoli. 

 I primi studi realizzati in ambito didattico con i contributi progettuali degli studenti su ipotesi di riqualificazione di alcuni edifici militari torinesi e dell’area di Bolzano (in forza di una collaborazione tra Politecnico, Libera Università di Bolzano, Agenzia del Demanio, Difesa e Provincia Autonoma di Bolzano) in residenze universitarie, housing sociale e co-housing, servizi alle persone e alle imprese, attività culturali, parcheggi, spazi per il verde pubblico sono già stati oggetto di mostre e saranno presto pubblicati. Grazie al rinnovo di questo accordo, saranno quindi proposte nuove iniziative e progetti condivisi di ricerca, innovazione e formazione, eventi istituzionali di promozione della cultura scientifico-tecnologica, anche a livello locale.

La Città di Torino, con il nuovo accordo siglato oggi, si inserisce in questa collaborazione, partendo dalle esigenze di sviluppo del proprio territorio e tenendo conto di quelle che sono le esigenze del proprio “tessuto urbanistico”, con l’obiettivo di realizzare studi, analisi di fattibilità e possibili soluzioni per l’ottimizzazione, la razionalizzazione e la riqualificazione del patrimonio immobiliare militare presente sul territorio cittadino.

Lavori in corso al Centro Prenotazioni ospedale Molinette di Torino

L’Azienda Ospedaliero Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino comunica che rimarrà chiuso al pubblico per circa un mese il CUP (Centro Prenotazioni) dell’ospedale Molinette (corso Bramante 84), causa intervento di ripristino dopo la rottura di un tubo idrico nel week end e soprattutto di lavori di riammodernamento, già previsti per i prossimi mesi ma ora anticipati per ottimizzare i tempi e i lavori e rendere più accogliente la struttura. Rimarranno invariate le modalità di prenotazione telefonica, via mail e via fax. Per prenotazione agli sportelli rivolgersi all’altro Cup aziendale al consueto orario dalle ore 8,15 alle ore 13,15, presso il piano terra dell’ospedale Sant’Anna (via Ventimiglia 1). Per il ritiro dei referti rivolgersi presso il Servizio Accoglienza URP nell’atrio centrale dell’ospedale Molinette.

 

(foto: il Torinese)

ALLA CITTA’ DUE ALLOGGI CONFISCATI ALLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA

Il Consiglio comunale, nella seduta odierna, ha approvato una delibera con la quale vengono acquisiti, da parte della Città, due immobili confiscati alla criminalità organizzata, rispettivamente in via Saccarelli 14/f e in corso Orbassano 215/c. L’acquisizione degli alloggi, uno di 42 metri quadri, l’altro di 6,5 vani, non comporta esborsi per la Città. Secondo quanto previsto dalla normativa, gli immobili vengono trasferiti al patrimonio del Comune per finalità istituzionali e sociali.

Volpiano, Comune e scuole insieme per “M’illumino di meno”

Venerdì 23 febbraio torna «M’illumino di Meno», la Giornata nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, ideata dalla trasmissione Caterpillar di Rai Radio 2; il Comune e  l’Istituto Comprensivo di Volpiano aderiscono con due iniziative per coinvolgere alunni e famiglie

Con «Un miglio verso la Luna» ogni classe percorre almeno un miglio di strada (1.600 metri); la somma di tutte le distanze percorse dalle classi viene trasformata in passi e costituisce il traguardo dell’istituto. È un modo per riproporre il «miglio al giorno», il progetto della Asl TO4 al quale la scuola aderisce da settembre 2017 e che prevede l’uscita delle classi, tutti i giorni e con qualunque tempo atmosferico, per un miglio di camminata a passo svelto, con l’obiettivo di contrastare sovrappeso e sedentarietà e «offrire ai ragazzi uno spazio didatticamente nuovo».

Agli alunni di elementari e medie viene inoltre consegnato un volantino informativo su «M’illumino di meno» con l’invito a partecipare al concorso «A piedi con mamma e papà». Si propone ai genitori di lasciare l’auto a casa, o ad almeno 100 metri da scuola, affinché i figli possano raggiungere l’istituto a piedi; i volontari della Protezione civile dell’Associazione nazionale carabinieri consegnano ai ragazzi un adesivo da portare in aula come «prova del passaggio» e la classe che ne raccoglie il maggior numero riceve un premio dal Comune.

In occasione di «M’illumino di Meno» l’amministrazione comunale invita i cittadini a non circolare in auto nella giornata di venerdì 23 febbraio e a muoversi in modo più sostenibile per l’ambiente, raccontando le proprie camminate con un commento all’iniziativa sulla pagina Facebook del Comune di Volpiano.

Derby, tre tifosi arrestati

Il bilancio e’ di tre arresti , due bastoni e 16 fumogeni sequestrati. Il tutto a margine del derby Torino Juventus. La polizia ha effettuato i primi due arresti ieri sera. Si tratta di tifosi granata che hanno partecipato con altri ad un raid presso il bar Flora, in piazza Vittorio, dove si trovavano diversi supporter bianconeri. I due sono stati colti in flagrante dalla Digos mentre lanciavano sedie e tavolini. Oggi, invece, prima della partita, la polizia ha arrestato un tifoso juventino che aveva con se’ bastoni e fumogeni. Tutto tranquillo allo stadio, grazie allo spiegamento di 500 uomini delle forze dell’ordine.

Genitore denuncia professore: “ha rotto la mano a mio figlio”

Un genitore ha querelato il docente di educazione fisica  del figlio. Secondo quanto raccontato dal padre del ragazzino che frequenta una scuola media di Torino, durante la lezione di ginnastica l’insegnante avrebbe colpito lo studente con una bottiglia ghiacciata. Portato al pronto soccorso gli e’ stata riscontrata la frattura del quinto metacarpo. I carabinieri stanno indagando sulla vicenda.

Giovani (isolati volontari) che decidono di lasciare la scuola

Hikikomori: a Torino un incontro gratuito per sensibilizzare sul fenomeno

 

“Hikikomori” è un termine giapponese che significa letteralmente “stare in disparte” e viene utilizzato per fare riferimento a chi decide di ritirarsi dalla vita sociale per lunghi periodi (da alcuni mesi fino a diversi anni), rinchiudendosi nella propria camera da letto e senza aver nessun tipo di contatto con il mondo esterno, se non tramite internet.

 

Osservato inizialmente in Giappone, il fenomeno è ancora poco sconosciuto, nonostante si stia rapidamente diffondendo in tutte le società economicamente sviluppate del mondo, Italia compresa, dove stime non ufficiali sostengono esserci almeno 100 mila casi.

 

La disinformazione sul tema fa si che non ci siano aiuti concreti per i ragazzi che si ritrovano in questa condizione e per le loro famiglie. Gli stessi addetti ai lavori tendono a confondere l’hikikomori con altre psicopatologie, in particolare con la depressione e la dipendenza da internet.

 

Il seminario è stato promosso e organizzato da Hikikomori Italia (prima associazione nazionale sul fenomeno), in collaborazione con Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, Forte Chance, Centro Medico Psicologico Torinese, ASAPI, IIS Avogadro, e con il patrocinio della Regione Piemonte e della Città Metropolitana di Torino.

 

L’obiettivo è proprio quello di sensibilizzare sul fenomeno del ritiro sociale volontario, indagando l’incidenza, le manifestazioni e le possibili cause, con il proposito di analizzare le risorse scolastiche, formative e socio sanitarie disponibili e instaurare un dialogo costruttivo tra le istituzioni con il coinvolgimento attivo delle famiglie per predisporre strumenti di intervento adatti a far fronte a una emergente crisi sociale

Crollo del controsoffitto alle Molinette: disagi per il centro prenotazioni

L’incidente è stato causato molto probabilmente da un tubo dell’acqua che si è rotto durante la notte, quando il centro era chiuso.

Intorno alle ore 4 di questa mattina, il crollo improvviso del controsoffitto ha reso completamente inagibile l’intera area del centro prenotazioni dell’ ospedale Molinette. All’origine del crollo, secondo i primi accertamenti di questa mattina, ci sarebbe molto probabilmente la rottura di un tubo dell’acqua che avrebbe fatto cedere i pannelli del controsoffitto dell’ufficio autisti, della sala di radiologia, di una zona del pronto soccorso e dei locali che ospitano il Cup. L’azienda Città della Salute ha immediatamente avviato i lavori di riparazione dei locali interessati dal crollo e ha chiarito che l’incidente non ha provocato nessun danno significativo nè per quanto riguarda la struttura ospedaliera e neanche per i pazienti e il personale. Questo episodio ha comunque allarmato i sindacati che, tramite comunicato stampa, hanno dichiarato quanto questi incidenti evidenzino il fatto che la maggior parte delle strutture ospedaliere siano edifici vecchi e fatiscenti, al limite della sicurezza. Per lunedì si prevede la riapertura del centro prenotazioni e il ripristino di tutti i locali interessati dal crollo.

Simona Pili Stella

Le fiamme gialle all’Embraco

La Guardia di Finanza ha fatto visita agli uffici dell’Embraco, l’azienda del gruppo Whirlpool con stabilimento a Riva di Chieri, che ha annunciato 500 licenziamenti. Non si conoscono i motivi dell’ispezione. Sembra che i finanzieri abbiano chiesto di visionare della documentazione.

Piacenza, arresto dei violenti. Un plauso alla Digos

Il Siap: “Ringraziamento per la professionalità ed efficienza dei colleghi di Torino. Ci attendiamo pene esemplari per atti vili.” 

 

“Siamo davvero soddisfatti” – è il commento di Pietro DI LORENZO, Segretario Generale Provinciale del SIAP, sindacato maggiormente rappresentativo della Polizia di Stato – “La notizia della rapida individuazione ed arresto dei due maggiori responsabili delle violenze di Piacenza, di cui uno residente in Val di Susa, è l’ennesima prova della professionalità e capacità investigativa della Digos torinese” “ Il vile attacco portato agli uomini in divisa non può restare impunito e ci aspettiamo che dopo le parole , in molti casi di circostanza, seguano provvedimenti esemplari commisurati alla viltà degli atti compiuti” “Il nostro plauso e ringraziamento va a tutti i colleghi che ad ogni livello hanno raccolto il materiale documentale e condotto le indagini con dedizione, impegno e professionalità permettendo così di raggiungere un risultato rapido.”

 

 

 

            Ufficio Stampa Siap Torino