Indipendenza!: “Noi sui territori senza dimenticare le grandi questioni”

Riceviamo e pubblichiamo

“Nuovi circoli e la mobilitazione solidale per i cristiani in Terra Santa”

Il partito di Gianni Alemanno si radica sui territori in Val Sangone, Valle di Susa e Pinerolese. 

Il responsabile dell’area Patrizio Sgarra lavora di concerto con l’avvocato Antonella Reggio. Entrambi componenti della Direzione Nazionale, moltiplicano l’impegno in tutta la Città Metropolitana di Torino

“La politica potrà rigenerarsi davvero solo riscoprendo una militanza radicata sui territori ma sempre capace di guardare alle grandi questioni”. Con questa consapevolezza i dirigenti locali di “Indipendenza!”, il partito fondato da Gianni Alemanno e che sta lavorando per costruire una forza d’alternativa oltre le novecentesche categorie di destra e sinistra, stanno dipanando la propria azione su tutta la Città Metropolitana di Torino, con una particolare attenzione alle aree interne. Certo in vista anche dell’importante tornata elettorale del prossimo giugno, ma non ripiegati sulle sole logiche immediate del voto. Particolarmente attivo è l’impegno in Val Sangone, Valle di Susa e Pinerolese. “In questi giorni – annuncia il responsabile d’area Patrizio Sgarra, componente anche della Direzione Nazionale – abbiamo aperto due nuovi circoli, che ampliano la nostra già significativa presenza nel Torinese. Una presenza volta a costruire una prossimità al cittadino, ma che non dimentica mai le sfide globali. In collaborazione con l’avvocato Antonella Reggio si sta cercando di sviluppare, incontrando attenzione in quell’ampia fascia di dissenso rispetto alla politica mainstream, una capillare rete”. Una rete che “immaginiamo possa essere fattore di sovranità partendo dal basso, proprio per questo capace di unire la dimensione locale a quella mondiale”. In questo senso, dopo la mobilitazione per supportare la raccolta firme in favore del riconoscimento dello Stato di Palestina lanciata dall’Associazione Schierarsi fondata da Alessandro Di Battista, ora “Indipendenza!” si prende a cuore i cristiani in Terra Santa aderendo alla raccolta fondi dell’Associazione culturale “Identità Europea” indirizzata direttamente al Patriarcato Latino di Gerusalemme, guidato dal cardinale Pierbattista Pizzaballa. “A partire dal 7 ottobre dello scorso anno – spiega Patrizio Sgarra – gli attacchi militari del Governo di Israele hanno causato nella Striscia di Gaza quasi 30 mila morti. Le chiese e le Istituzioni (Ordini religiosi, Ospedali e Scuole) dei cattolici e do altre confessioni cristiane orientali sono diventate il rifugio di tutti gli abitanti della Striscia, senza distinzioni di appartenenza religiosa. Proprio per questo tali Istituzioni stanno pagando un tributo di sangue umano terribile a causa dei bombardamenti israeliani, nel silenzio dell’Unione Europea e dell’intero Occidente. Tutti noi abbiamo il dovere morale di fare la nostra parte, in nome della Pace, dando concreto seguito agli appelli dell’unico leader mondiale che davvero sta lavorando contro le guerre: papa Francesco”. È possibile donare tramite bonifico bancario sul conto corrente 0970006894 intestato ad “Associazione Identità Europea”, presso Banca Popolare Valconca, Cod. IBAN: IT04F0579224201CC0970006894, indicando nella causale “Pro Terra Santa – anonimo” se volete che il Vostro nome rimanga sconosciuto. “Pro Terra Santa – nominale” se volete che il Vostro nominativo sia aggiunto a quelli degli altri donatori che sceglieranno questa opportunità.

Leggi qui le ultime notizie: IL TORINESE

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Uomo ucciso a coltellate in casa, fermata la compagna

Articolo Successivo

Cancellata la mostra di Fernando Botero a Torino

Recenti:

Se vuoi la pace spendi in armi

EDITORIALE  Di Adolfo Spezzaferro direttore de “L’identità” Leggi l’articolo ⤵️ https://www.lidentita.it/se-vuoi-la-pace-spendi-in-armi/ Leggi qui le ultime notizie:

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta