Carcere, Iannò: "Disagi per la polizia penitenziaria" - Il Torinese

Carcere, Iannò: “Disagi per la polizia penitenziaria”

Sovraffollamento che si attesta al 30%, continui episodi di violenza e aggressioni a carico degli Agenti della Polizia Penitenziaria, una struttura obsoleta e degradata, condizioni igienico sanitarie precarie, suicidi dei detenuti sono la triste fotografia della Casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino.
Una situazione definita dalle stesse organizzazioni sindacali della Polizia Penitenziaria, auditi nella Commissione Legalità, “esplosiva”.
Condizioni di disagio senza precedenti per tutto il personale che opera all’interno del carcere e per gli stessi ristretti e che porta ad un clima di violenza diventato ormai insopportabile.
Situazione analoga presente all’interno del carcere minorile Ferrante Aporti, dove il Direttore si divide tra Bari e Torino.
Una gestione complicata che compromette la sicurezza e la tutela del principio stesso di giustizia.
Dall’inizio dell’anno sono avvenute 35 aggressioni e 61 agenti della Polizia Penitenziaria sono stati feriti anche gravemente. Il personale si sente abbandonato a se stesso e lavora in condizioni di ristrettezza di mezzi e di supporti e con detenuti pericolosi.
“E’ necessario un intervento urgente con le autorità competenti – sottolinea il consigliere Giuseppe Iannò di Torino Libero Pensiero, che nei giorni scorsi ha presentato un’interpellanza sull’argomento – è necessario costituire un Tavolo per definire le linee di intervento e occorre che la figura del Garante dei diritti delle persone private della libertà personale della Città di Torino di Torino attivi una maggiore interlocuzione con il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria”

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Novak Djokovic vince le Nitto Atp Finals 2022

Articolo Successivo

Torino incorona Djokovic vincitore delle Finals

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta