Salvatore Seguenzia: “Io rivivo dal buio”, il valore della fantasia - Il Torinese

Salvatore Seguenzia: “Io rivivo dal buio”, il valore della fantasia

Informazione promozionale

Ciò che lo scrittore desidera trasmettere al lettore è il pensiero di narrare una “fantasia” con un linguaggio senza grovigli tali da non poter distrarre l’attenzione. Ha solo cercato di immaginare come da una faccenda un soggetto, oggi, potrebbe scoprire altre verità che fino a quel momento erano sconosciute a se stesso. L’unico piacere che si è impegnato a descrivere è stato quello di narrare alcuni periodi della “fantasia” in puro dialetto siciliano

Salvatore Seguenzia, nato ad Augusta (SR) nel maggio del 1969, sposato e padre di due figli. Da oltre trent’anni Ispettore della Guardia di Finanza in servizio presso la locale Compagnia. Si considera un megarese verace e da qualche anno si diletta a riscoprire una delle sue qualità che, fino a qualche tempo fa, era celata dentro di sé ed oggi, grazie alla Casa Editrice Aletti Editore, sta avendo la possibilità di esternare attraverso la scrittura o meglio la parola.  La casa editrice ha ritenuto l’opera “Io rivivo dal buio” espressiva e significativa, dove si propone un concatenarsi di segreti che la vita, talvolta, ha spoliato ad ognuno di noi; segreti capaci di ridonare sicurezza anche a chi ha perso la fiducia in se stesso, linfa per un nuovo coraggio e per una nuova determinazione. Gli accadimenti quotidiani hanno un valore ed un significato a seconda dell’età: quando si è giovani, spesso, la spensieratezza non aiuta a capire qual è lo scopo della vita; quando si raggiunge l’età degli “anta” la ricerca diminuisce e aumenta la scoperta del proprio significato. Quel significato che, talvolta è celato, appunto, dietro un segreto.

.

Io rivivo dal buio è una narrativa nuova e molto semplice nella sua natura; ciò che lo scrittore desidera trasmettere al lettore è il pensiero di narrare una “fantasia” con un linguaggio senza grovigli tali da non poter distrarre l’attenzione. Ha solo cercato di immaginare come da una faccenda un soggetto, oggi, potrebbe scoprire altre verità che fino a quel momento erano sconosciute a se stesso. L’unico piacere che si è impegnato a descrivere è stato quello di narrare alcuni periodi della “fantasia” in puro dialetto siciliano: un valore storico aggiunto contornato da un autentico fascino temporale. Infatti ha voluto rendere “vivi” i personaggi con dialoghi diretti. Per lui, la Sicilia raccoglie la sua purezza attraverso l’unione armonica del cielo col mare e del mare con la terra, nonché attraverso i suoi inconfondibili odori della zagara, dei fichi d’india, delle olive, delle arance e dei limoni. La Sua Terra è unica al mondo; è una isola complessa, dove si percepiscono segreti senza meravigliarsi. Si vive all’interno di una sua ormai consolidata vita  dove ognuno, anche da un dettaglio, riesce ad estrarre una sana linfa al fine di migliorare la qualità esistenziale. La Sua Terra è un museo di architettura, di storia, di tradizioni, di lingue e di sapori che devono essere apprezzati attraverso gli occhi di coloro che giungono lì per poterli esportare. Ogni segreto ha un prezzo, ma è anche vero che se quel prezzo si paga per far emergere la verità, allora ben venga il coraggio di ognuno per poter manifestare quel fascino posto al centro del Mediterraneo. Lo stesso sostiene che la narrativa moderna è una guerra politica, sociale, religiosa, etica e tanti altri aggettivi da poter menzionare ma sarebbe, soltanto, tempo inutile per esporli ed anche uno spreco di inchiostro. Oggi, quello che deve colpire il lettore sono le “fantasie” che vanno oltre ogni immaginazione nonché oltre il confine del pensiero e che possono ricollegarsi, appunto, ad eventi della vita giornaliera; in pratica come l’oroscopo che, per ogni segno zodiacale, giornalmente dà un quadro generico di riferimento ma non specificatamente riferito ad un soggetto. Quello che conta è che la “fantasia”, per avere un certo rilievo sul campo letterario, necessita del fatto che lo scrittore dev’essere in grado di spiegare al lettore il valore morale della medesima e, contemporaneamente, sia posto nelle condizioni di farsi conoscere perché, in tal caso, si rimarrebbe con dei fogli volanti nelle mani che avrebbero solo un significato per colui che ha provato una sensazione di manifestare il proprio pensiero. Per il resto, ritenendosi ancora un novello scrittore, riconosce che certi racconti è meglio lasciarli ai grandi luminari della narrativa (non vi è senso di ironia né di presunzione) in quanto – sebbene gli piaccia approfondire la storia, la tradizione, la cultura della sua Sicilia – è giusto che tali meriti vengano attribuiti a costoro; mentre coloro che sono amanti di racconti amatoriali siano liberi di sbizzarrirsi nel creare “fantasie”. Per concludere c’è da aggiungere che, sempre grazie alla Casa Editrice Aletti Editore, alcune pagine del libro sono state lette dal Maestro Alessandro Quasimodo, figlio del grande poeta conterraneo Salvatore e altre sono state lette da Hafez Haidar, candidato premio Nobel per la Pace nel 2017. Le stesse saranno pubblicate su YouTube nonché in un CD in edizione limitata.

.

Facebook: Salvatore Seguenzia scrittore

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Soccorso dai carabinieri dopo incidente. Lo denunciano: aveva bevuto

Articolo Successivo

Sfiziose patate farcite

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta