La Val Susa si riscopre terra di vini storici - Il Torinese

La Val Susa si riscopre terra di vini storici

Nel Seicento a Giaglione – piccolo comune posto sopra Susa, lungo la strada che conduce al Moncenisio e in Francia – i vigneti occupavano più di 100 ettari. Ma dopo la seconda guerra mondiale erano praticamente scomparsi. Le fabbriche del fondovalle, la ferrovia, l’emigrazione verso Torino avevano ridotto drasticamente il numero degli abitanti e, con loro, la superficie coltivata, non solo a vigne. Il bosco si era ripreso uno spazio che l’uomo aveva conquistato da più di 2mila anni.

Continua a leggere:

La Val Susa si riscopre terra di vini storici con la Cantina Martina e l’Agriturismo Cré Seren

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Canalis (Pd): “Il Centrodestra non approva l’affido culturale”

Articolo Successivo

A Silvia Pozzi, il podio più alto del “Premio Biennale Mario Lattes per la Traduzione”

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta