“La musica è rivolta, non arcobaleni”

Riceviamo e pubblichiamo

“La musica è rivolta, non arcobaleni”

questo il testo dello striscione esposto oggi pomeriggio dai militanti del Blocco Studentesco durante un blitz al Parco del Valentino di Torino, dove si sta svolgendo l’Eurovision Song Contest 2022.
“La nostra azione – inizia la nota – non vuole essere un attacco nei confronti della manifestazione musicale in corso di svolgimento nella nostra città, ma un atto di denuncia nei confronti del politically correct. Sistema egemonico di potere, sempre pronto a sfruttare ogni campo possibile per propagandare i propri messaggi in salsa arcobaleno e non solo, finendo sempre per politicizzare (ovviamente a senso unico) ciò che non dovrebbe esserlo.”
“Noi non ci stiamo e quindi con la nostra azione dimostrativa, – continua la nota del movimento – speriamo di essere riusciti a lanciare un messaggio chiaro a tutti gli altri ragazzi intorno a noi, spesso troppo condizionati dai messaggi di questo sistema che imperano su social network e media.”
“Quest’anno è stata la nostra città ad ospitare la kermesse, che ormai della tradizione Europea ha purtroppo molto poco. – conclude la nota – Come Blocco Studentesco ci batteremo affinché l’Eurovision, torni ad essere sinonimo di tradizione, cultura e suoni del nostro popolo invece che ennesimo emblema della globalizzazione”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Chi ci sarà al Galà dell’Eurovision?

Articolo Successivo

Dolore e commozione per la morte del vigile urbano

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA