Magliano: più risorse sul fondo “vita nascente”

Giorni di polemiche e di imbarazzi: non sempre capisco le prime e non mi sfuggono, da parte di alcuni colleghi Consiglieri, i secondi.

Continuo a non capire come risorse a favore delle donne che, in difficoltà economiche, desiderano fare una scelta in favore della vita possano essere considerate in contrasto con chi liberamente decide di fare una scelta differente.

Chi chiede a gran voce che il fondo “Vita Nascente” sia una misura universale, proprio come l’Assegno Unico, sta esprimendo esattamente anche il nostro desiderio e, dopo la necessaria sperimentazione, la nostra prospettiva: abbiamo detto fin dal primo momento che gli attuali 400mila euro sono un buon inizio, ma che i fondi dovranno progressivamente aumentare. Ci batteremo perché ciò avvenga. Dal primo momento abbiamo preteso che le risorse vadano nella loro totalità alle donne in condizioni di difficoltà economica, senza che un solo euro resti alle Associazioni.

Si dovrà dunque studiare al più presto una formula che consenta la gestione diretta del Fondo da parte dall’ente pubblico: un’esigenza di prassi che sarà per noi ragione di soddisfazione anche in quanto segno di una cultura della vita finalmente accolta a livello istituzionale e politico.

Ci attendiamo che anche la Curia si esprima su questo tema. Le stesse forti parole del Santo Padre Papa Francesco – che per noi è punto di riferimento non solo quando si esprime sull’attualità, ma anche quando è voce della Dottrina Sociale della Chiesa – ricordano che «abbiamo finora fatto poco per accompagnare adeguatamente le donne che si trovano in situazioni molto dure, tanto da vedere talvolta nell’aborto una rapida soluzione a profonde angustie».  Da sempre consideriamo e continuiamo a considerare ogni vita che nasce un valore inestimabile.

Resta incontrovertibile, infine, il dato demografico, a livello nazionale e soprattutto regionale: un fenomeno di fronte al quale la politica ha il dovere di fare la propria parte. C’è un “inverno demografico” da affrontare e superare. L’Italia è, dal punto di vista delle politiche per la famiglia, clamorosamente indietro: impietoso, per esempio, il paragone con la “laica” Francia. È tempo di iniziare a lavorare per colmare il divario.

Silvio Magliano – Presidente Gruppo Consiliare Moderati, Consiglio Regionale del Piemonte.

Leggi qui le ultime notizie: IL TORINESE

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Pasqua svela Leonardo a Torino: a tu per tu con i disegni del genio da Vinci

Articolo Successivo

Giovani under 31, c’è il bonus affitti

Recenti:

I due fronti della Meloni

EDITORIALE Di Adolfo Spezzaferro direttore de “L’identità”: I due fronti della Meloni Leggi qui le ultime

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta