Il Sindacato di Polizia LeS chiede la chiusura del C.P.R. di Torino - Il Torinese

Il Sindacato di Polizia LeS chiede la chiusura del C.P.R. di Torino

Il sindacato di polizia LeS (Libertà e Sicurezza Polizia di Stato) chiede la chiusura del Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Torino (già C.I.E).

Ma cosa sta accadendo nel Centro di Permanenza torinese perché un sindacato di polizia ne chieda addirittura la chiusura? Ne parliamo con Daniele Bucci, Segretario Generale Provinciale di Torino del sindacato LeS.
D.: Bucci ci faccia capire:  perché chiedete la chiusura del CPR?
R.: Sinceramente allo stato attuale non riusciamo a capire l’utilità di questa struttura! I centri nascono per il rimpatrio degli extracomunitari irregolari ed in particolar modo per chi si è già macchiato di gravi delitti. Nella struttura di Torino tutto questo sembra una utopia!
D.: Ma perché? I rimpatri non vengono eseguiti?
R.: Vede, secondo i dati forniti dal Dipartimento della pubblica sicurezza ed elaborati dal Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, il Cpr di Torino risulta ultimo in classifica con una percentuale di rimpatri effettuati stimata al 18,1%, molto distante dall’88% di rimpatri effettuati dal centro di Caltanissetta Pian del Lago o dal 77,7% di quello di Trapani. Vi è anche un altro aspetto da tenere in considerazione, cioè il mancato rimpatrio di queste persone sta creando seri interrogativi, non ultimo dei quali quello che se il confinamento è finalizzato a un obiettivo che nella gran parte dei casi non viene raggiunto, ciò potrebbe comportare è una privazione della libertà “ingiustificata e fine a se stessa”.
D.: Da quello che mi accennava prima potrebbe esserci anche un problema di vita di queste persone trattenute nel centro e un annesso problema di ordine pubblico per la città di Torino?
R.: Si. Infatti sono due aspetti concatenati. Da un po’ di tempo gli ospiti del centro mettono in essere tentativi di suicidio, se ne registrano anche punte di circa 6 al giorno. Questi tentativi costringono a distogliere una importante aliquota di personale deputato al controllo del territorio per garantire la sorveglianza dei soggetti che hanno tentato il suicidio all’interno delle strutture sanitarie. Pare, anche, che la maggior parte di questi ospiti, dopo le dimissioni ospedaliere, venga dichiarata incompatibile con la struttura C.P.R. e quindi invitata solo formalmente a lasciare il Territorio.
D.: Quindi questo potrebbe celare un pretesto grazie al quale i soggetti interessati riuscirebbero ad evitare il procedimento coattivo di espulsione dall’Italia?
R.: Noi non abbiamo elementi certi per affermarlo. Tuttavia, i dati porterebbero a questa conclusione perché, nell’arco di un mese, circa un centinaio di soggetti sono stati liberati e per loro si sono aperte le porte del CPR, così da essere tornati liberi di circolare per Torino, con la sola intimazione di lasciare il paese entro sette giorni. Ovviamente il sistema attuale diventa ingiusto sia per chi è trattenuto presso il C.P.R. che, se vuole ottenere la libertà, si trova costretto ad emulare il gesto degli altri ma anche per i cittadini che si ritrovano con meno forze di Polizia a garantire la sicurezza del territorio! Ovvero una beffa per il sistema.
Chiudendolo risparmieremmo soldi dei contribuenti e daremmo più sicurezza al territorio!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Cambiano gli orari del numero verde Amiat

Articolo Successivo

Violenza Donne, Ruffino (CI): Bene Governo, ora però cambio culturale

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta