croce rossa quarantena restoring family links

Anche a Torino il chiosco “Trace the Face” per ritrovare i propri cari

Croce Rossa Italiana presenta il servizio di ricerca dei familiari con un nuovo chiosco presso il Comitato di Torino

Presso il Comitato CRI di Torino, in via Bologna, è stato da poco allestito un corner Trace the Face.

L’Ufficio Ricerche, Restoring Family Links e Protezione del Comitato di Torino, è attivo dal 1983 nel supportare a ristabilire e mantenere i contatti tra i membri delle famiglie, separati in seguito a conflitti, situazioni di violenza, catastrofi naturali, movimenti migratori e circostanze che richiedano una risposta umanitaria. Ora si è “arricchito” di un nuovo strumento, un totem interattivo.

Si tratta del chiosco Trace the Face, che consentirà ai possibili beneficiari, affiancati da operatori della CRI specializzati nelle attività RFL, di visionare le fotografie delle persone che cercano i loro congiunti e da cui sono stati separati lungo le rotte migratorie verso l’Europa. Il sito del Progetto Trace the Face è stato predisposto dal Comitato Internazionale di Croce Rossa proprio per i ricongiungimenti affettivi, per permettere di selezionare tra diverse migliaia di immagini e  di filtrare quelle che potrebbero interessare chi sta effettuando una ricerca.

Le persone che vogliano mettersi alla ricerca dei propri cari, possono recarsi presso il Comitato di Torino della Croce Rossa Italiana, in via Bologna 171, con i seguenti orari: lunedì dalle 17 alle 19 e martedì dalle 10 alle 12.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

‘uBroker’ tra le 450 aziende italiane a maggior crescita

Articolo Successivo

Nuova vita, in via Massena a Torino, per il “Polski Kot”

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA