Eurovision Song Contest: “A Torino incremento dei prezzi degli alberghi e appartamenti dal 120% fino al 3.000%”

SECONDO L’ANALISI DI MAIORA SOLUTIONS DECOLLANO I PREZZI DEGLI ALBERGHI

 

Torino annunciata come host city per il 66° Eurovision Song Contest: da un’analisi della startup milanese Maiora Solutions, incremento dei prezzi degli alberghi e appartamenti che va dal 120% fino a oltre il 3.000%

Solo pochi giorni fa Torino è stata annunciata come città ospitante della 66° edizione dell’Eurovisione Song Contest, il più grande evento di musica dal vivo nel mondo, strappando lo scettro alle altre città italiane finaliste: Milano, Bologna, Pesaro e Rimini.

Dal momento dell’annuncio, i prezzi degli alberghi e delle strutture ricettive in città sono letteralmente decollati. E’ quanto emerge da un’analisi di Maiora Solutions, start-up innovativa specializzata nello sviluppo di strumenti di intelligenza artificiale e analisi avanzata dei dati.

Dalla ricerca che Maiora Solutions ha effettuato su circa 100 strutture tra alberghi a 3-4 stelle della città di Torino e appartamenti comparabili dal punto di vista qualitativo presenti sulla piattaforma Airbnb, è emerso che la disponibilità nella settimana 9-15 maggio è già molto ridotta, e  già oltre il 90% delle strutture presenti sulla piattaforma è al completo.

L’ANALISI

  • Il prezzo medio per notte su Airbnb (per due persone) nella settimana dell’Eurovision va da 700 a 1.000 euro a notte, mentre la settimana successiva, a manifestazione terminata, si attesta tra gli 80  e i 100 euro a notte (incremento di quasi dieci volte).
  • Negli hotel la situazione è comparabile, con incrementi tra i due periodi (Eurovision e settimana successiva) che vanno da almeno il 120%, fino a oltre il 3000%. Strutture che normalmente costano circa 390 euro per notte, durante l’Eurovision possono chiedere anche 4.100 euro a notte.
  • In generale, il prezzo per notte durante l’Eurovision in città si aggira anche per gli hotel intorno agli 800-1.000 euro, per una stanza doppia. In un periodo normale il prezzo in città si assesta  tra i 60 e i 100 euro.

Numeri interessanti soprattutto in una città come Torino dove negli ultimi mesi il mercato immobiliare non ha registrato oscillazioni rilevanti, con una lieve discesa dei prezzi da Ottobre 2020 a Gennaio 2021 e una graduale ripresa sui livelli precedenti nei primi 9 mesi del 2021. Nello specifico, i prezzi delle vendita vedono i monolocali che da gennaio a oggi hanno registrato un +4%, quelli dei Bilocali che sono tornati su dopo un -2% da ottobre 2020 a gennaio 2021, e quelli dei Trilocali che hanno registrato un +8%, dopo un +4% da ottobre 2020. I prezzi più in crescita sono stati quelli dei Quadrilocali, con un +12% da gennaio ad oggi, ma registrando un -3% da ottobre 2020. Per quanto riguarda gli affitti, situazione simile, con una leggera flessione da Gennaio ad Aprile 2021 di circa il 10% sulle varie tipologie dopo alcuni mesi di sostanziale blocco dei prezzi.

 

Andrea Torassa ed Emilio Zunino, fondatori di Maiora Solutions, hanno commentato: “Eventi di queste dimensioni come l’Eurovision Song Contest possono impattare fortemente sulle città che li ospitano. Il mercato immobiliare torinese aveva registrato una discesa dei prezzi tra Ottobre 2020 e Gennaio 2021, per poi subire una graduale ripresa nei mesi successivi, assestandosi sui livelli precedenti. Come ci raccontano questi dati, il contest avrà certamente un impatto economico importante sulla città di Torino, considerata la grande quantità di turisti anche internazionali che sarà in grado di attrarre”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Tutte le novità della nuova stagione di Parlaconme

Articolo Successivo

E’ la spada dei Crociati?

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA