Quali politiche per la casa?

QUALI POLITICHE INTENDE PROMUOVERE

IL FUTURO SINDACO DI TORINO SUL PATRIMONIO EDILIZIO?

Le domande di Ape Confedilizia Torino

La Confedilizia torinese ai primi di settembre – spiega il presidente di Ape Confedilizia Torino, PierLuigi Amerio – ha inviato ai candidati Sindaco Damilano, Lorusso e Sganga una serie di domande:

Intende favorire il rapporto di collaborazione tra pubblico e privato previsto nel Regolamento del Comune di Torino e nella legge nazionale, per far fronte all’ordinaria e straordinaria manutenzione del patrimonio pubblico, manutenzione che si riflette anche sul valore delle proprietà immobiliari private?

Quali politiche intende promuovere, al fine di favorire la riconversione del patrimonio edilizio esistente, con particolare riferimento agli edifici a destinazione produttiva ormai in disuso e, se al fine di agevolare gli interventi di riconversione, intende ridurre gli oneri e contributi in materia di urbanistica?

E’ disponibile, a fissare aliquote IMU agevolate per quei proprietari immobiliari che riducono temporaneamente i canoni di locazione, per agevolare i conduttori sia abitativi che commerciali in questo momento di difficoltà portato dalla pandemia?

Quali linee di intervento, nell’ambito della competenza comunale, pensa di riservare al patrimonio ATC, affinché diventi realmente lo strumento adatto per ovviare ai problemi dell’emergenza casa?

Ad oggi nessuno ha risposto.

“Quindi – sottolinea Amerio – i proprietari di casa come devono interpretare questo silenzio assordante:

i problemi sollevati non sono importanti ?

le questioni non rientrano nelle conoscenze e nelle competenze del prossimo Sindaco?

rispondere ai problemi sollevati (qualsiasi sia la risposta) fa perdere i voti?

oppure c’è qualche altra risposta?

La nostra riflessione è che i proprietari immobiliari non fanno paura, perché accettano tutto senza protestare e sono i più esposti, perché non possono nascondere la loro proprietà, perché vengono ritenuti individualisti e legati soltanto al proprio orticello.

Abbiamo bisogno che la politica si occupi in modo proattivo della proprietà immobiliare e dia le risposte che tutti i cittadini si attendono.

L’Ape Confedilizia è disponibile con le sue iniziative a tutela della proprietà privata.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Unità di crisi al lavoro per la terza dose agli over 60. In Piemonte 630 mila persone non ancora vaccinate

Articolo Successivo

Adamo Ferraris garibaldino

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA