“I colori dell’arte”, una mostra in città

Settembre è un mese strano. Il sapore ormai agrodolce di agosto inizia a miscelarsi con l’idea che fino a Natale non ci saranno molte altre pause dal lavoro, non siamo ancora stanchi ma già assaporiamo gli impegni, gli appuntamenti, le corse al millisecondo e il conseguente riempirsi delle agende.

Settembre però è anche il mese delle speranze e dei buoni propositi, è il momento in cui crediamo di poter concretizzare tutto quello che non si è ultimato prima dell’estate e ci convinciamo di avere il tempo necessario per attuare vecchi desideri.

È con tale peculiare disposizione d’animo che ci si riabitua ai ritmi cittadini, con tutto ciò che ne consegue: l’andare a scuola, “timbrare il cartellino” in ufficio, programmare gli impegni; la “routine” tuttavia ha anche dei lati positivi, infatti, tra un’occupazione e l’altra, possiamo ritornare ad organizzarci il tanto desiderato tempo libero, magari andando al cinema o a teatro, oppure passeggiare per il centro o visitare qualche mostra. Ecco, se vi trovate in questi giorni in via Po, vi consiglio vivamente di spendere dieci minuti andando a curiosare nella piccola ma interessante mostra titolata “I colori dell’arte”, allestita presso il Chiostro dell’Annunziata, in via Po 45. Lo ammetto, è un consiglio interessato il mio, poichè tra i lavori esposti vi sono anche alcune fotografie scattate da me; sottolineo però che oltre a tali lavori sono visionabili le opere di Daniela Bruno, Davide Camattari, Giovanna Ciquera, Santina Fischietti, Giuseppe Precoma, Antonio Riussi, Salvatore Tuttorosa e Umberto Zullo, tutti membri dell’Associazione Aderenza Artistica Culturale Vanchigliese Onlus.
L’esposizione è iniziata lo scorso venerdì e si protrarrà fino a giovedì 16 settembre.

Ogni partecipante ha esposto i propri pezzi con l’intento di intrattenere positivamente il visitatore, nella speranza di solleticare la curiosità del pubblico attraverso l’intima capacità di comunicare con gli altri, ma anche con l’augurio di contribuire, almeno un pochino, a ricordarci quanto è bella e varia l’arte che ci circonda. È vero dunque ciò che si dice in “Ratatouille”: “Non tutti possono diventare dei grandi artisti ma un grande artista può celarsi in chiunque”, e chiunque può e dovrebbe manifestare agli altri la propria visione del mondo.
Le opere sono diverse tra loro, per tecnica e soggetti, ma accumunate dalla medesima creatività di fondo, che trasuda dalle tele e dalle stampe digitali.
I quadri esposti sono tutti impattanti e di particolare fattura e sarebbe stimolante per il visitatore andare a parlare direttamente con l’artista, per coglierne i dettagli nascosti.
Intanto vi posso anticipare qualcosa sui miei lavori lì presenti.
Si tratta di cinque fotografie, titolate “dalla serie: Shunga occidentali”, che proprio alle antiche immagini giapponesi si rifanno. Con il termine “shunga” si intendono dipinti e xilografie realizzate nel periodo Edo, anche detto “Tokugawa” (1600-1868); la parola significa “pittura della primavera”, espressione delicata e poetica che vuole intendere l’atto sessuale. Tali iconografie appartengono al genere “Ukiyo-e” (“immagini del mondo fluttuante”), forma artistica tipica delle città di Edo, Osaka e Kyoto, caratterizzata da una concezione edonistica dell’esistenza, incentrata sull’esaltazione dei piaceri per allontanare una vita malinconica e non sempre felice. Una realtà lontana, quella orientale, che colpisce noi occidentali nel vivo, un po’ per il suo indiscutibile fascino, un po’ perchè talora ci appare avvolta dal mistero, quasi incomprensibile.
Le tematiche sui cui mi piacerebbe discutere, a partire dagli scatti proposti, sono molte: le differenze culturali tra Occidente e Oriente, gli stili di vita, la storia e il diverso modo d’intendere l’erotismo.

Non è certo questa la sede per approfondire un argomento così complesso, ma giusto per aiutarvi a focalizzare almeno un’immagine di riferimento, vi nomino la celebre xilografia “Pescatrice di awabi e piovra”, meglio nota come “Il sogno della moglie del pescatore”. Si tratta dell’illustrazione più conosciuta del corpus delle stampe a soggetto erotico di Katsushika Hokusai. Nel dettaglio è proprio la peculiare raffigurazione della bellissima giovane avvolta amorosamente da due polpi, che ha colpito il mio interesse e stimolato la mia creatività. Devo in ogni caso ringraziare il gruppo dei Vanchigliesi, per avermi dato l’opportunità di esporre le mie creazioni, in questa occasione e in altre precedenti. Sono passati diversi anni, da quando ho conosciuto Daniela Bruno, presidente dell’Associazione a partire dal 2019. Ricordo che ci eravamo incontrate per caso, – “il caso non esiste” direbbe il Maestro Oogway – al Salone del Libro 2015, lei appesantita dagli acquisti cartacei, io seduta alla mia postazione di dimostratrice di pastelli da tessuto, quattro chiacchiere sulla passione per l’arte che tuttora ci accumuna e pochi giorni dopo entravo a far parte del gruppo.La Vanchigliese nasce il 13 maggio 1983, suggella l’occasione una grande mostra collettiva tenutasi in Lungo Po Macchiavelli; da quel momento in poi l’Associazione non si ferma, al contrario si dimostra sempre attenta alle manifestazioni cittadine e non, i membri del gruppo partecipano con entusiasmo e passione alle diverse iniziative, come dimostrano le numerose esposizioni itineranti che si sono susseguite dagli anni Ottanta fino ad ora, principalmente tra le vie e le piazze di Torino, ma anche nei comuni limitrofi.
Da subito ho apprezzato questo aspetto ramingo dell’Associazione, che si pone come un gruppo di “artisti tra la gente”, e propone un rapporto diretto tra le opere che via via vengono esposte ed il pubblico.

L’intento è quello di sensibilizzare e promuovere creazioni che, al di là delle tecniche utilizzate, facciano nascere in chi osserva un desiderio di curiosità, sensazione che si spera venga accompagnata da un senso di riscoperta per il gusto della bellezza, inclinazione insista in ognuno di noi, anche se talvolta assopita.
Dal 2004 la Vanchigliese è iscritta nel registro regionale delle associazioni di volontariato nella sezione “Promozione della Cultura, Istruzione, Educazione Permanente”, impegno che ad oggi porta avanti con dedizione e responsabilità. Il 13 maggio 2018 l’Associazione ha compiuto trentacinque anni, il traguardo è stato festeggiato con un’esposizione titolata “35 e non li dimostra”, organizzata presso il Centro Servizi per il Volontariato Vol.To. (via Giolitti, 21), a cui ricordo di aver partecipato con grande entusiasmo.
Gli attuali membri dell’aggregazione – tra cui la sottoscritta – continuano ad impegnarsi costantemente, affinchè l’amore per l’arte rimanga vivo e presente per le vie di Torino; le occasioni per testimoniare tale dedizione sembrano aumentare, un esempio sono le domeniche dei cavalletti sotto i portici di via Roma, le feste di quartiere e le diverse occasioni di mostre temporanee tra Torino e dintorni.

Alessia Cagnotto

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Torino, elezioni comunali 2021

Articolo Successivo

Alba in festa per il vino

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA