Pd, piccole e grandi manovre per le comunali di Torino

in POLITICA

Eccolo lì il mitico ed inarrivabile Chiampa.

Lapidario e sintetico: se avessimo ascoltato i sondaggi non avrebbero presentato Castellani Sindaco. Effettivamente lui  ed Enrico Salza si erano incaponiti, vincendo e iniziando una stagione di trent’anni fa. Nella prima repubblica sinistra e Fiat erano cani e gatti , nella seconda una coppia perfetta. Sicuramente qualche continuismo c’è.
Castellani Prof al Politecnico. Lo Russo ordinario al … Politecnico. Ora tutti gli uffici regionali non parlano d’altro. Mauro Salizzoni si è fatto beccare nel mandare letteralmente a stendere il suo ( ex ) amico ( presumo) Sergio Chiamparino. Un’amicizia di oltre 50 anni. Dai tempi della sezione universitaria del PCI. I bene informati raccontano di cene a casa di Salizzoni dove il Chiampa lo esortava nel mollare. Niente, anzi, come si è visto il mago dei trapianti non molla di un millimetro. Dalla sua il popolo, sinistra sbrindellata e un pezzo di sinistra pd. L’angelo custode di Salizzoni è Bruno Zucca ex comunisti italiani  e soprattutto amico e segretario particolare di Stara ai tempi della lista Bresso. Politicamente caduto su un taglierba. Ma ora è chiaro che il mentore, anzi la mentore è Anna Rossomando. Dunque? Salizzoni non è fuori gioco, ma la strada è in salita per lui. Vero che il Pd non esiste, ma esistono quelli del PD e in particolare i capataz del PD locale. Tradotto: Mauro Laus sempre a disposizione, continua il suo sodalizio con Piero Fassino da una vita a favore di Lo Russo. Scatenata la famiglia Gallo. Nuovo acquisto è Davide Gariglio, fortissimo a Moncalieri e Nichelino con ramificazioni nel capoluogo. Lepri dice di non mollare il suo candidato. Ma precisa che se non ci saranno le primarie la sua preferenza andrà a Lo Russo. Ed i civici? Anche qui totale divisione. Sindacato? Ha già i suoi problemi fin sopra i capelli. Vista così potrebbe essere il momento del centro destra con una sola condizione: chi guida dovrebbe essere un locale. Anche qui dolori, dolori. L’unico che vuole la Porchietto è Berlusca già impegnato nel contenere Salvini e Meloni. Il tutto condito dal possibile rinvio ad ottobre delle amministrative. Insomma non ci resta che piangere. Per chi è vincente si accettano scommesse. Un po’ tutti con le stesse possibilità. Vedremo.

Tags:

Recenti: POLITICA

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su