Volpiano, pasti caldi in classe per tutti gli studenti senza aumentare le tariffe

“I maggiori costi, pari a 155mila euro, finanziati con le risorse del Comune”

Il Comune di Volpiano ha disposto, d’intesa con l’Istituto comprensivo, l’adeguamento del servizio di refezione scolastica alle misure di prevenzione dell’epidemia Covid-19 per tutte le classi, comprendendo anche la quinta elementare del plesso «Guglielmo da Volpiano» e le superiori di primo grado della «Dante Alighieri», finora escluse per motivi logistici dalla somministrazione del pasto caldo in aula, sostituito dal «cestino tipo gita». «Con la nuova organizzazione – precisano dagli uffici comunali – tutti gli studenti usufruiranno del medesimo servizio. La fornitura del pasto caldo in aula comporta, complessivamente, un aumento di costi pari a 155mila euro per l’anno scolastico 2020-2021, interamente finanziati con fondi dell’amministrazione comunale e senza aumenti di tariffe».

Commenta il sindaco di Volpiano Emanuele De Zuanne: «Grazie al fatto che il Comune ha i conti in ordine abbiamo potuto sostenere le spese aggiuntive per la refezione scolastica utilizzando le risorse disponibili, senza chiedere ulteriori esborsi alle famiglie. Questa situazione dimostra, ancora una volta, come sia fondamentale la gestione efficiente del bilancio di un’amministrazione pubblica».

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Torino e i suoi musei. Il Castello di Rivoli

Articolo Successivo

Pusher trovato con 5 mila euro nelle suole delle scarpe

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA