Allergie e intolleranze alimentari Mangiare Chiaro Roscigno

Allergie e intolleranze alimentari: ecco come proteggersi da test inutili

in Rubriche

MANGIARE CHIARO / Il magico mondo dei fuffa-test. Quante volte abbiamo sentito nominare le allergie e le intolleranze alimentari e gli innumerevoli “test diagnostici” in commercio che vengono spacciati come soluzione a tutti i nostri mali?

Ecco, partiamo dall’inizio e facciamo un po’ di chiarezza, che le basi non guastano mai. Intanto, allergie e intolleranze alimentari rientrano nel calderone delle “Reazioni Avverse agli Alimenti” e tra tutte sono le più frequenti, ma NON sono la stessa cosa.

Le allergie alimentari sono reazioni immunologiche mediate da anticorpi della classe IgE che reagiscono verso componenti alimentari di natura proteica.

Per farla semplice: io mangio ad esempio una pesca fresca, il mio sistema immunitario riconosce una componente proteica della pesca chiamata profilina, la etichetta come “pericolosa”, libera quindi IgE e scatena la reazione allergica.

La sintomatologia è variegata, da gravi reazioni sistemiche a sintomi locali e più lievi, in base al tipo di proteina che scatena la reazione delle IgE.

A chi ci si deve rivolgere per la diagnosi? Esclusivamente all’allergologo, che tramite un iter diagnostico ben preciso (anamnesi clinica in primis e successivamente test validati) arriverà a sciogliere il bandolo della matassa.

I responsabili della maggior parte delle reazioni allergiche alimentari sono latte, uova, arachidi, pesci, frutta secca, soia, crostacei, verdura e frutta.

Intolleranze alimentari: cosa sono

Passiamo ora alle intolleranze alimentari, che provocano sintomi talvolta simili a quelli delle allergie, ma non sono dovute ad una reazione del sistema immunitario e soprattutto variano in base alla quantità ingerita dell’alimento non tollerato.

Inoltre, altri fattori possono portare ad una sintomatologia sovrapponibile a quella delle intolleranze, come ad esempio delle abitudini alimentari scorrette oppure alterazioni gastrointestinali.

Si distinguono principalmente tre tipi di intolleranze: da difetti enzimatici (intolleranza al lattosio), da sostanze farmacologicamente attive, da meccanismi sconosciuti (es.: intolleranze da additivi). L’iter diagnostico non prevede né santoni né test dai nomi strani, ma un approccio multidisciplinare che coinvolge l’allergologo (per escludere allergie alimentari), il gastroenterologo ed eventualmente un professionista della nutrizione (dietista, nutrizionista o dietologo) se è necessario correggere le abitudini alimentari. 

Spoiler: se vi hanno “diagnosticato” un’intolleranza con qualche metodo particolare, per dirne una con un prelievo di sangue e dosaggio delle IgG, l’unico risultato attendibile e tangibile è l’alleggerimento del vostro portafogli. Già, tutta fuffa. L’unico test scientificamente validato per accertare un’intolleranza alimentare è il breath test per il lattosio.

Quali sono i test da evitare?

Vi lascio qui di seguito una carrellata di test da cui stare alla larga:

  • Test di provocazione-neutralizzazione intradermico
  • Test di provocazione-neutralizzazione sublinguale
  • Kinesiologia Applicata
  • Vega test
  • Sarm test
  • Biostrenght test
  • Biorisonanza
  • Iridologia
  • Analisi del capello
  • Pulse test
  • Strenght test
  • Riflesso cardio auricolare
  • Test citotossico
  • Dosaggio delle IgG 4

L’argomento è molto più che vasto, sintetizzare tutto in un articolo è impossibile. Il mio scopo è quello di fornirvi qualche strumento in più per poter essere maggiormente critici e consapevoli.

Non fatevi prendere in giro, non sprecate i vostri soldi. Scegliete con criterio a chi affidare la vostra salute.

FONTI: https://www.siaip.it/upload/1985_Documento_Alimentazione_e_stili_di_vita_.pdf

Vittoria Roscigno

Vittoria Roscigno, classe 1995, laureata con lode in Dietistica presso l’Università degli studi di Torino e con il massimo dei voti nella Magistrale in Scienze dell’Alimentazione presso l’Università degli studi di Firenze. Ha conseguito i titoli di “Esperta in nutrizione sportiva” e “Nutrition expert” mediante due corsi annuali e sta attualmente frequentando un Master di II livello in Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Università degli studi di Pavia. Lavora in qualità di dietista presso le strutture Humanitas Gradenigo e Humanitas Cellini, oltre a svolgere attività di libera professione a Torino.

-“Che la scienza e la buona forchetta siano sempre con te”.
Sito: vittoriaroscigno.it
Instagram: @dietistavittoriaroscigno
Facebook: Dott.ssa Vittoria Roscigno – Dietista

Recenti: Rubriche

L’isola del libro

Rubrica settimanale a cura di Laura Goria   Joël Dicker  “L’enigma della

Oggi al cinema

Le trame Film nei cinema di Torino  A cura di Elio Rabbione

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su